RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - LA POESIA - In attesa d’un numero sbagliato

LA POESIA

In attesa d’un numero sbagliato di Joseph Tusiani
CONDIVIDI Facebook Twitter

Chiamami, anonimo ubriaco, dimmi

che sei Dio ed in solo sette ore

puoi creare un mondo migliore. Chiamami,

vendimi tutto, finanche le ruote

rugginose del sole, chiunque tu sia –

mercante o ministro, meretrice o monello –

ma fa’ che una voce umana mi faccia

pensare a quel che avverrebbe

se a chi stesse per trangugiare una tazza fatale

all’improvviso arrivasse un suono di vita,

della vita che continua

per uomo e monte ed albero

per valle ed ala e mare,

per tutti tranne me.

 

Sì, m’han parlato di voli dall’alba al tramonto,

d’Europa che in un’ora entra nell’Asia,

d’uomo e di luna sempre più vicini,

tanto vicini quanto uno stelo è al suo fiore.

Perché, dunque, è poi tanto difficile

farmi sentir la tua voce,

voce d’uomo ad altr’uomo?

 

Chiamami, chiunque tu sia, e dimmi

quel che ti pare. Parla

di vento e cielo ad aquila

ferita nell’erba, di pane e fuoco

a mendico affamato nella neve.

Sii rude, sii crudele, ma parlami e fammi sapere

che io non sono solo

in questa mia solitudine d’uomo.

 

 

Da Gente mia e altre poesie (1978)

Traduzione di Maria Pastore Passaro

Gargano. Foto Archivio Fotogramma

Salento mio - di Maria Felicita Cordella Saluti da Punta Meliso - di Lino Angiuli La sognatrice stanca - di Adeodato Piazza Nicolai Saluti da Castro - di Lino Angiuli OSTUNI, I - di Paolo Valesio L’ultimo nume verde - di Barbara Carle Saluti da Acaia - di Lino Angiuli E ora che i nostri discorsi… - di Giovanna Politi Se ti dimentichi di me - di Giovanna Politi Solo un capitolo - di Joseph Tusiani 2015-01-06 - di Francesco Aprile E verranno ancora - di Giovanna Nosarti Bar - di Maurizio Evangelista Nonna - di Toti Bellone Il segreto del fuoco - di Antonio Belpiede Nel socchiuso - di Carlo Alberto Augieri (De finibus terrae) - di Anita Piscazzi Ulivi del Gargano - di Joseph Tusiani A morsi stretti e lunghi - di Rita Rucco Il viaggiatore - di Marcello Comitini Saluti da  - di Joseph Tusiani (alla vita) - di Marco F. D’Astice Dal fondo della campagna violata - di Tommaso Di Ciaula Sono nata il ventuno a primavera - di Alda Merini Tarda primavera - di Adeodato Piazza Nicolai Questi limoni - di Ernesto Treccani Di sogni e stracci - di Joseph Tusiani Le mani rugose di mia nonna - di Giovanna Nosarti Libertà - di Marcello Comitini Sarà una condanna tramandata dai padri - di Teodora Mastrototaro la valigia - di Alessio Laterza Ho bisogno - di Maurizio Evangelista Paese Paese - di Daniele Giancane stavo leggendo la storia delle storie delle storie - di Robert Viscusi Passaggio sulla Murgia - di Sergio D’Amaro Mormorio e perla - di Joseph Tusiani Se si scorge - di Tommaso Di Ciaula intonarsi può risultare faticoso nell’incertezza - di Robert Viscusi È buon auspicio - di Cristanziano Serricchio Si può entrare di notte nel bosco - di Maurizio Cucchi Per amore - di Luigi Fontanella Care parole che ascolti - di Cristanziano Serricchio Giocano intorno formiche e bimbi - di Cristanziano Serricchio La città celeste - di Luigi Fontanella Uno sguardo alle stelle - di Tommaso Di Ciaula Quando tornai al mio paese nel Sud - di Vittorio Bodini Viviamo in un incantesimo - di Vittorio Bodini Tu non conosci il Sud - di Vittorio Bodini laguerralapace: dal senza al sarà - di Walter Vergallo Carme Bisecolare - di Joseph Tusiani Una lunga guerra - di Tommaso Di Ciaula facciamoci ponte - di Robert Viscusi