RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - ATTUALITÀ - Cosimo Durante Anteprima di tutte le novità della “Città del Libro” 2017

ATTUALITÀ

Cosimo Durante
Anteprima di tutte le novità della “Città del Libro” 2017
di Dino Levante
CONDIVIDI Facebook Twitter

 

Ormai più che maggiorenne, giunge alla XXII edizione la “Città del Libro”, rassegna di autori ed editori, nata 23 anni fa per volontà del sindaco di Campi Salentina (poco a Nord di Lecce), Egidio Zacheo, che in una terra martoriata dalla mafia puntò sulla cultura e sul libro per la rinascita sociale dell’intera area del Nord Salento.

La scommessa fu vinta e in seguito la “Città del Libro” si è strutturata divenendo una Fondazione onlus e oggi è tra le principali manifestazioni del settore nel panorama italiano.

Nel 2016, la prima manifestazione a firma del presidente della Fondazione, Cosimo Durante, e del nuovo direttivo, la manifestazione si è svolta nel centro storico della città che diede i natali a Carmelo Bene, il poliedrico attore di fama mondiale, al quale sarà intitolato il locale teatro comunale. Durante, una delle più significative personalità del panorama politico salentino, dopo aver ricoperto diversi ruoli (assessore della Provincia di Lecce, sindaco del Comune di Leverano, vicepresidente vicario dell’Anci in Puglia), oggi è presidente del Gal Terra d’Arneo ed è capo segreteria del sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti, Umberto Del Basso De Caro.

La “Città del Libro” di Campi Salentina 2017 si terrà a Lecce? È questo ciò che è stato annunciato nell’ultimo “Salone del Libro” di Torino?

La manifestazione – risponde Durante – si terrà nell’ultima settimana di novembre, sempre a Campi Salentina, mentre il titolo di “Città del Libro 2017” è stato assegnato a Lecce, inteso probabilmente come riconoscimento per l’intero territorio salentino. Il capoluogo, infatti, non ha ancora emanato alcuna linea guida e pertanto, insieme con altre associazioni del territorio, ci stiamo organizzando per onorare al meglio questo importante riconoscimento, realizzando il “Maggio dei libri” e altre iniziative. Tra queste, “Un libro ponte di pace”, con la quale porteremo in giro, in Puglia e in Italia (abbiamo già contatti con Matera e con il “Salone del Libro” di Torino), il Vangelo di fine Cinquecento della tipografia medicea custodito nella Biblioteca Calasanziana di Campi Salentina, scritto in arabo con interlinee in latino.

Il tema è stato già scelto: “I cammini dell'uomo”, perché?

L’obiettivo generale, legato al tema di quest’anno, è cercare di capire, con l’aiuto degli illustri ospiti che interverranno e del pubblico, quanto sia possibile arricchire ancora le nostre conoscenze attraverso “i libri”, i loro magisteri e le loro indicazioni, nella forma cartacea o digitale. Ciò per creare progetti per un futuro di convivenza civile, economica, sociale e religiosa di tutti i popoli. Pertanto, tramite le presentazioni di libri, ma anche tavole rotonde, workshop, convegni, spettacoli, ripercorreremo la storia della cultura antica, fino ad arrivare al moderno, con autorevoli testimonianze storiche, filosofiche, letterarie e psicologiche.

Il programma si struttura in tre settori: “Il cammino della storia”, “Il cammino interiore” e “Le vie del cibo”. Che cosa li mette insieme e perché?

Sono le tre declinazioni del programma di quest’anno, unite tra loro dall’uomo e dalle sue attitudini, dalle sue esigenze, dalla sua storia e dalla sua spiritualità. Il perché si ritrova nella storia o nelle storie degli uomini e dei popoli, che nel corso dei secoli hanno costruito grandi civiltà.

Ha ancora senso organizzare una rassegna nazionale di autori ed editori in Puglia     mentre si affaccia sempre più la crisi del libro cartaceo a favore degli e-book? In quale direzione va il futuro?

Nella sua forma cartacea il libro è unico e insostituibile e la crisi non è dovuta all’avvento degli e-book, perché contribuiscono a incrementare l’approccio delle nuove generazioni al libro e alla lettura. Il problema della lettura più che del libro in sé, in Italia e soprattutto nel Mezzogiorno, è dovuto a una scarsa educazione alla lettura che parte dalla crisi delle famiglie e delle istituzioni scolastiche. Le manifestazioni come la “Città del Libro” devono servire a far percepire il libro come un fattore positivo, aggregante e che dà gioia. Gli studenti che nei giorni della manifestazione vengono a visitare la Città del Libro o a prendere parte a laboratori didattici o a presentazioni di libri, vanno via con la consapevolezza di aver imparato qualcosa e nello stesso tempo sono stati loro stessi i protagonisti di una festa.

Ha l’opportunità di raggiungere lettori pugliesi, italiani e statunitensi, che cosa vorrebbe suggerire a proposito della lettura?

Entrando a Campi Salentina si ha la possibilità di osservare dei banner elettronici che riportano il seguente messaggio da parte della Fondazione: “Prenditi cura di te, leggi un libro”. Questo è un messaggio universale che oggi un’istituzione come la nostra deve promuovere, dappertutto.

 

Campi Salentina, “Città del Libro” 2016. Da sinistra: On. Federico Massa, On. Alessandro Bratti, Cosimo Durante, Tonio Cantoro, Angelo Sirsi

 

 Campi Salentina. “Città del Libro” 2016. Scolaresche in visita alla Fiera

 

 

 

 

 

 

 

 

Helen Mirren
No alle trivelle in Salento
 - di 
Celeste Casciaro
La vita in casa Winspeare
 - di Flavia Pankiewicz
Bruno Ciccarese Gorgoni
Sindaco di Cavallino
“Puntare sulla cultura, scelta vincente”
 - di Olimpia Ruffo
Bari
Conclusa con successo l’edizione 2017 del Bifest
 - di Giovanni De Benedictis
Franco Ungaro “Il teatro, forma di resistenza alla perdita di valori”  - di Dino Levante Christian Cordella
“Così ho disegnato Star Trek Beyond
 - di Giovanni De Benedictis
Antonio Monda
L’indegno: quando l’amore mette la fede a dura prova
 - di Giovanni De Benedictis
Michele Emiliano
Presidente Regione Puglia
“Puglia attraente grazie alla sua armonia mediterranea”
 - di Flavia Pankiewicz
PEPPINO CIRACI
“SAPETE COS’È UN PASTICCIOTTO?”
 - di Peppino Ciraci
Sean Hepburn Ferrer
“Mia madre Audrey? Un perfetto pacchetto di imperfezioni”
 - di Lino Patruno
Vincenzo Zara
Rettore Università del Salento
“Essere nel cuore del Mediterraneo favorisce il dialogo tra culture”
 - di Flavia Pankiewicz
Edoardo Winspeare parla del suo ultimo film
“Tornare alla natura. In grazia di Dio
 - di Flavia Pankiewicz
Loredana Capone
Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia
“Con l’internazionalizzazione l’export volano della Puglia”
 - di Flavia Pankiewicz
Antonio Uricchio,
Rettore Università di Bari
“Lanceremo un ponte verso gli italiani all'estero”
 - di Lino Patruno
Dileep Rao
L’interprete di Avatar a Lecce
“La Puglia è la mia seconda casa”
 - di Awdie Coppola
Al Bano
“La mia America? Mio figlio piccolo conquistato da Disneyland”
 - di Toti Bellone
Canzoniere Grecanico Salentino
“L'America conquistata dalla nostra pizzica”
 - di Flavia Pankiewicz
Oscar Iarussi
Critico Cinematografico
“Nel cinema on the road lo spirito dell'America”
 - di Flavia Pankiewicz
Dario Stefàno
Assessore Risorse Agroalimentari Regione Puglia
Qualità e tipicità dei “Prodotti di Puglia”
Per una sfida vincente
 - di Flavia Pankiewicz
Christian Cordella
Costume-concept designer
Da Lecce a Los Angeles
“I miei disegni per i grandi film di Hollywood”
 - di Flavia Pankiewicz
Antonio Monda
“L'America esiste”
Flavia Pankiewicz, Lino Patruno e Raffaele Nigro conversano con l'autore de L'America non esiste
 - di 
Doris Zaccone
Conduttrice Radio Capital
“Noi e Lonely Planet sedotti dalla Puglia”
 - di Flavia Pankiewicz
Roberto Cingolani
Direttore Scientifico IIT
“Superare la fantascienza è nel nostro destino”
 - di Flavia Pankiewicz
Anthony Julian Tamburri
Direttore “Calandra Italian American Institute”
“L’italiano in America: da lingua etnica a lingua di cultura”
 - di Flavia Pankiewicz
Raffaele Nigro
Letteratura oggi
“In Puglia autori di grande interesse”
 - di Flavia Pankiewicz
Joseph Tusiani
Il poeta delle due terre in un film
 - di Flavia Pankiewicz
Emanuele Arciuli
Pianista
“Da Bari a Santa Fe la mia musica per gli Indiani d’America”
 - di Ugo Sbisà
Mario Desiati
Scrittore
“La letteratura ci salva la vita”
 - di Flavia Pankiewicz
Maurizio Molinari
Corrispondente de La Stampa dagli Stati Uniti
“Il successo degli italiani di New York: creatività e duro lavoro”
 - di Flavia Pankiewicz
Oscar Iarussi
Presidente Apulia Film Commission
FRONTIERE a Bari con tanta America
 - di Flavia Pankiewicz
Edoardo Winspeare
Regista
“Racconto il mio Sud per raccontare il mondo”
 - di Flavia Pankiewicz
Paolo Perrone
Sindaco di Lecce
“La carta vincente è la nostra forte identità culturale”
 - di Flavia Pankiewicz
Giuseppe De Tomaso
Direttore Gazzetta del Mezzogiorno
Un ponte di libertà, memoria e turismo tra Puglia e Stati Uniti
 - di Flavia Pankiewicz