RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- OTTOBRE 2017 -
HOME - L'EDITORIALE - TEDx Lecce Le vite straordinarie e le scelte “rivoluzionarie” della gente comune

L'EDITORIALE

TEDx Lecce
Le vite straordinarie e le scelte “rivoluzionarie” della gente comune
di Flavia Pankiewicz
CONDIVIDI Facebook Twitter

“L

a ricetta che non c’è”. Nell’esporre il suo pensiero sul metodo per affrontare gli ostacoli della vita Sammy Basso, ventenne affetto da progeria, malattia genetica rarissima conosciuta anche come sindrome da invecchiamento precoce, non ha dubbi: “L’unico ingrediente siamo noi stessi”. E aggiunge: “accettare chi siamo, credere in noi. E davanti ai muri non fermarci, ma utilizzarli per salirci sopra e guardare oltre”. Straordinario tra i tanti magnifici relatori della quarta edizione del TEDx di Lecce ha raccolto, in un Teatro Politeama letteralmente gremito e con un pubblico caloroso con tutti i partecipanti, l’unica standing ovation.

TEDx, approdato quest’anno con una prima edizione di successo anche a Bari, è un programma di eventi che si propone di diffondere idee di valore. Nato oltre trent’anni fa in California, annovera tra i relatori che hanno partecipato alle edizioni americane, nomi come quelli di Bill Gates, Al Gore, Stephen Hawking, Isabel Allende. Oggi si svolge in oltre 130 paesi e 1.200 città in tutto il mondo. La formula: un tema ispiratore e storie straordinarie di persone ordinarie raccontate dal vivo. Il tema ispiratore dell’evento di Lecce, come sempre ben organizzato da Gabriella Morelli e Vito Margiotta e condotto quest’anno oltre che dalla Morelli dal giornalista Pierpaolo Lala, era “revolutionary roads”. In pratica le strade non canoniche per arrivare al successo o per trovare se stessi.

Toccante e applauditissimo l’intervento di Vincenzo Rubano, non vedente che ha saputo “guardare lontano” grazie a intelligenza, intuito e volontà non comuni. Diplomato con 100 e lode presso l’istituto Galilei-Costa di Lecce era stato apostrofato come pazzo quando aveva espresso il desiderio, nelle sue condizioni, di studiare Informatica. Lo sta facendo con successo all’Università di Bologna e nel 2012 ha fondato il sito titengodocchio.it con la finalità di rendere accessibili ai disabili i siti internet. Oggi è l’unico developer italiano nel team di sviluppo internazionale di Drupal, uno dei più importanti Content Management System open source esistenti. Curiosità e perseveranza le parole chiave del percorso dell’americana Angela Sun, biologa marina, giornalista e regista che sta concentrando la sua attenzione sulla denuncia dei danni della plastica all’ecosistema marino. Il suo documentario, Plastic Paradise, racconta il suo viaggio in un paradiso tropicale inondato da tonnellate di rifiuti plastici. Applausi scatenati per l’intervento di Max Casacci, chitarrista, compositore e autore delle canzoni dei Subsonica, che ha messo in guardia dai meccanismi del mercato che oggi più che mai condizionano e appiattiscono la creatività di chi compone musica e ha esortato a non perdere mai di vista le controculture – patria per eccellenza ne è stata San Francisco – linfa vitale per ogni forma di creatività. Emozioni in sala per il bellissimo intervento di Andrea Pietrabissa, ordinario di Chirurgia Generale all’Università di Pavia e pioniere della chirurgia laparoscopica, che è partito proprio da un verso dell’omonima canzone di Lucio Battisti e dalla patologia che aveva colpito il grande cantautore per raccontare i progressi scientifici in materia e i successi della nuova chirurgia robotica con tecniche mininvasive. Ha narrato poi del caso di un giovane con la vita distrutta dalla patologia, salvato grazie al prelievo di un rene da un donatore vivente, la stessa madre del giovane, con il lieto fine del ritorno a una vita normale e piena. E con il commovente colpo di scena finale: il ragazzo e sua madre erano suo figlio e sua moglie.

Apprezzati i discorsi dei partecipanti alle “NeturalWalk”, camminate antropologiche di gruppi di persone sconosciute che decidono di condividere scoperte e storie lungo il cammino, ispirandosi a una vita semplice e lontana dalle pressioni sociali, e l’intervento appassionato della regista Paola Leone, dal 2011 alla guida di “Io ci provo”, laboratorio teatrale realizzato con i detenuti all’interno della Casa Circondariale “Borgo San Nicola” di Lecce. E poi storie entusiasmanti come quella del giornalismo coraggioso di Lirio Abbate o di imprenditrici che hanno trasformato fallimenti o difficoltà in storie di successo, ricercatori e progettisti con storie affascinanti, il futuro della robotica umanoide raccontato da Giorgio Metta dell’IIT di Genova, un designer d’altissimo profilo come Marco Rainò che trasforma le “revolutionary” in “evolutionary roads”, narra la storia di un nativo americano analfabeta che nell’Ottocento riuscì ad inventare un alfabeto sillabico per il suo popolo e conclude affermando che il design e la progettazione devono essere strumento di trasformazione sociale. E per finire, l’energia contagiosa dell’esibizione del Coro delle mani bianche della Scuola Musicale del Testaccio, composta da bambini sordi e con abilità speciali, e della Giovane Orchestra del Salento.

Oltre che un evento culturale di grande spessore il TEDx dimostra ancora una volta di essere rassegna in grado di offrire un’efficace panoramica sulle tendenze positive del sentire contemporaneo. E poi la formula parla chiaro: sul palcoscenico, al di là di qualche slide, non c’è che il relatore, una persona, da sola, che racconta al pubblico la propria esperienza. Dal vivo. Il messaggio è chiaro e “rivoluzionario”: riscoprire la pratica ancestrale del racconto orale come nuovo strumento di crescita intellettuale e di progresso, e riportare al centro, in un mondo smarrito nella tecnologia, “la persona”.

Dal matrimonio milionario a Madonna
Puglia mai così amata
11 bandiere blu al mare di Puglia
E Otranto tra i più bei borghi d’Italia
La La Land
“L’altra America” del new romantic Damien Chazelle
Lettera aperta a un grande regista
Puglia, attraente
365 giorni all’anno
Tra l’America e la Puglia
inquietudini, bilanci e propositi di fine anno
Puglia “regione più bella del mondo”
Presa d’assalto da re e divi
Quel disastro ferroviario in Puglia
che ha sconvolto la nostra estate
L’altra Puglia.
L’amara realtà del caporalato al di là degli scenari da copertina
Se la primavera inizia con la tragedia di Bruxelles Un 2016 all’insegna della Puglia, anche in America Flavia Pennetta e Roberta Vinci
Icone di Puglia sulla scena mondiale
Puglia
La calda estate della cultura
Lecce ancora sul New York Times
L’innamoramento della stampa americana per la Puglia e il Sud continua…
Ben Hur a Matera
Il rilancio dell’Italia può partire dal Sud
Il ricordo di Mario Cuomo, orgoglio degli Italiani d’America TEDex
Da una conferenza le ispirazioni per progettare il futuro
Puglia presa d’assalto dai divi
Un treno da non perdere
Web
Vieste e Gallipoli le più cliccate dagli italiani
Bandiere blu
Dieci spiagge “10 e lode” per la Puglia
Rifiuti interrati, ricerche petrolifere e un gasdotto tra le acque cristalline.
Si metta uno stop ai misfatti in Puglia
Renata Fonte
30 anni fa il suo omicidio.
Difendeva Porto Selvaggio
Pugliamania Nebraska
La favola spiazzante dell’altra America
L’albero della vita di Otranto
simbolo dell’Italia all’Expo 2015
Fine d’anno di grandi speranze per la Puglia TEDx
Dalla California a Lecce il coraggio delle idee
Bill de Blasio.
È italoamericano il più gettonato candidato sindaco di New York
Se Lecce approda sul New York Times,
se alla “Notte della Taranta” arrivano 130.000 persone…
Pianoforti in strada a New York Il Grande Gatsby...
Se dal grande schermo il sogno americano fa irruzione nella nostra vita
“Se vedi qualcosa, di’ qualcosa”
Considerazioni dopo l’attentato di Boston
Il Salento “Territorio dell’anno 2013” 2013, Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti Buoni propositi di fine anno Obama rieletto
Tra sogni e pragmatismo la lezione americana all’Europa
La scomparsa di Cristanziano Serricchio, poeta della luce Dieci motivi per venire in vacanza in Puglia “Molto forte, incredibilmente vicino” Zeppole in California Quelle lacrime per la scomparsa di Dalla “Assolutamente grandioso” 11 settembre
dieci anni dopo
La prima volta sul web