RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- NOVEMBRE 2017 -
HOME - L'EDITORIALE - TEDex Da una conferenza le ispirazioni per progettare il futuro

L'EDITORIALE

TEDex
Da una conferenza le ispirazioni per progettare il futuro
di Flavia Pankiewicz
CONDIVIDI Facebook Twitter

L’

ultimo mese dell’anno è il momento in cui si tracciano bilanci e si cercano insegnamenti e prospettive per affrontare il futuro. Ripercorrendo questo 2014 e tutto ciò con cui sono entrata in contatto direi che l’evento più notevole da cui trarre linfa vitale e idee per progettare il futuro è stato il TEDex 2014, tenutosi alla fine di ottobre al Politeama di Lecce.

TEDex è una manifestazione nata in California ed oggi diffusa in molti paesi del mondo, in cui si riuniscono, in un incontro-fiume aperto al pubblico, grandi menti e persone che hanno realizzato esperienze straordinarie e raccontano, in sintesi, la loro storia e la loro esperienza. La finalità è diffondere idee di valore. Il merito di averla portata a Lecce, per il terzo anno consecutivo, è di Gabriella Morelli e Vito Margiotta, con il coordinamento di Laura Casciotti. L’incontro di quest’anno era dedicato proprio al futuro. Diciotto strepitosi relatori, di fama nazionale e internazionale, hanno parlato di economia, scienza, impresa, food, arte, teatro, impegno sociale, diritti umani e civili, agricoltura, nuove tecnologie e comunicazione. Racconti e proposte avvincenti che hanno catturato senza sosta l’attenzione del pubblico per più di cinque ore. Bisognerebbe riferire di tutti ma in omaggio alla sintesi, che è uno degli elementi ispiratori del TEDex, cito tre interventi che mi hanno colpito particolarmente. Innanzitutto quello di Alexander Aleinikoff, vice Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati, che ha riferito di una tragica realtà su cui raramente si accendono i riflettori dei media: quella dei campi-profughi, in cui spesso i rifugiati trascorrono tutta la vita. Espulsi o fuggiti dal proprio paese per guerre, carestie o persecuzioni politiche o religiose, sono persone che hanno dovuto abbandonare il lavoro, la famiglia, la comunità e che in terre straniere finiscono in tendopoli, nei deserti o ai margini delle città, e in questi non-luoghi, senza uno status, senza una patria, senza un “futuro” passano spesso decenni o tutta la vita. Un messaggio, quello di Aleinikoff, teso a risvegliare coscienze addormentate o concentrate esclusivamente sul proprio orticello.

Dell’intervento dell’astrofisico Amedeo Balbi memorabile, oltre alle immagini di galassie che si trovano a distanze siderali dal nostro pianeta, il concetto di “orizzonti che arretrano” per il sapere, in astronomia come in qualunque altro campo. Più si sa e più si scopre quanto è vasto ciò che non si sa. Anche questa volta una presa di coscienza, quella del limite, ma con la gioiosa consapevolezza, guardando le immagini dello spazio infinito a cui si rivolgono gli studi astronomici, di quanto genio ci sia negli esseri umani e di quanto non sia giusto considerare sempre e soltanto “il male”.

Interrotto da innumerevoli applausi, come nessun altro, l’intervento dell’Harry Potter di Vicenza, il quindicenne Cesare Cacitti. Una certa somiglianza con il celebre maghetto, è un giovanissimo genio che a tredici anni ha costruito, da solo e con pezzi rimediati in garage, la sua prima stampante 3D! Oggi continua a studiare, a suonare il piano, a fare sport ma sviluppa senza sosta, con l’ausilio di organizzazioni che sostengono i giovani talenti digitali, le sue straordinarie capacità. Ha sedotto il pubblico raccontando con semplicità, spigliatezza ed un certo humor, la sua vita e le sue esperienze. Il suo sogno è arrivare a realizzare il teletrasporto. Il suo motto? Work hard, dream big. Lavorare sodo, sognare in grande.

Qualcuno ha citato anche una frase attribuita al grande compositore e scrittore americano, John Cage: “Nothing is a mistake. There’s no win and no fail, there’s only make”. Niente è un errore. Non c’è vittoria, né fallimento. C’è solo il fare.

È una frase bellissima, e potrebbe essere un appello, in questo ennesimo anno che volge al termine, a liberarsi da ogni paura di sbagliare, per abbracciare senza indugi l’unica filosofia che in qualsiasi campo possa dare frutti: quella dell’azione, quella del pragmatismo.

Puglia
Sotto l’albero di Natale vorrei…
Considerazioni sull’appello di Mirren e Hackford
Dal matrimonio milionario a Madonna
Puglia mai così amata
11 bandiere blu al mare di Puglia
E Otranto tra i più bei borghi d’Italia
La La Land
“L’altra America” del new romantic Damien Chazelle
Lettera aperta a un grande regista
Puglia, attraente
365 giorni all’anno
Tra l’America e la Puglia
inquietudini, bilanci e propositi di fine anno
Puglia “regione più bella del mondo”
Presa d’assalto da re e divi
Quel disastro ferroviario in Puglia
che ha sconvolto la nostra estate
L’altra Puglia.
L’amara realtà del caporalato al di là degli scenari da copertina
Se la primavera inizia con la tragedia di Bruxelles Un 2016 all’insegna della Puglia, anche in America TEDx Lecce
Le vite straordinarie e le scelte “rivoluzionarie” della gente comune
Flavia Pennetta e Roberta Vinci
Icone di Puglia sulla scena mondiale
Puglia
La calda estate della cultura
Lecce ancora sul New York Times
L’innamoramento della stampa americana per la Puglia e il Sud continua…
Ben Hur a Matera
Il rilancio dell’Italia può partire dal Sud
Il ricordo di Mario Cuomo, orgoglio degli Italiani d’America Puglia presa d’assalto dai divi
Un treno da non perdere
Web
Vieste e Gallipoli le più cliccate dagli italiani
Bandiere blu
Dieci spiagge “10 e lode” per la Puglia
Rifiuti interrati, ricerche petrolifere e un gasdotto tra le acque cristalline.
Si metta uno stop ai misfatti in Puglia
Renata Fonte
30 anni fa il suo omicidio.
Difendeva Porto Selvaggio
Pugliamania Nebraska
La favola spiazzante dell’altra America
L’albero della vita di Otranto
simbolo dell’Italia all’Expo 2015
Fine d’anno di grandi speranze per la Puglia TEDx
Dalla California a Lecce il coraggio delle idee
Bill de Blasio.
È italoamericano il più gettonato candidato sindaco di New York
Se Lecce approda sul New York Times,
se alla “Notte della Taranta” arrivano 130.000 persone…
Pianoforti in strada a New York Il Grande Gatsby...
Se dal grande schermo il sogno americano fa irruzione nella nostra vita
“Se vedi qualcosa, di’ qualcosa”
Considerazioni dopo l’attentato di Boston
Il Salento “Territorio dell’anno 2013” 2013, Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti Buoni propositi di fine anno Obama rieletto
Tra sogni e pragmatismo la lezione americana all’Europa
La scomparsa di Cristanziano Serricchio, poeta della luce Dieci motivi per venire in vacanza in Puglia “Molto forte, incredibilmente vicino” Zeppole in California Quelle lacrime per la scomparsa di Dalla “Assolutamente grandioso” 11 settembre
dieci anni dopo
La prima volta sul web