RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- OTTOBRE 2017 -
HOME - L'EDITORIALE - Quelle lacrime per la scomparsa di Dalla

L'EDITORIALE

Quelle lacrime per la scomparsa di Dalla di Flavia Pankiewicz
CONDIVIDI Facebook Twitter

M

arzo si è aperto con una notizia molto triste, quella della morte di Lucio Dalla. E con una che dà conforto: scoprire quanto fosse amato il piccolo grande Lucio della canzone italiana.
     Dalla sua Bologna alla Puglia (“sua” anche questa per le vacanze d’infanzia a Manfredonia e per la villa-studio incastonata sulla scogliera di Cala Matana, alle Isole Tremiti, davanti a un panorama e a un mare d’incanto che ha ispirato canzoni come Luna Matana o Come è profondo il mare) tutta l’Italia è stata scossa da un brivido di commozione, di dolore, di rimpianto forse paragonabile solo a quello provato per altri due grandi artisti italiani: Pavarotti e Lucio Battisti.
      L’affetto di milioni di persone verso un personaggio pubblico che magari non si è mai incontrato nasce da quello che è stato capace di donare. E Dalla ha donato, oltre che musiche indimenticabili, testi che erano vere e proprie poesie, folgoranti, che andavano dritto al cuore. E se molti di noi, anche cinici e scafati negli affari quotidiani, non ce la fanno a non sentire un nodo alla gola quando risuonano le note di Caruso, con quel te voglio bene assaje semplice e struggente che ti trafigge come una freccia, o si ricordano quanto ci ha intenerito, all’inizio degli anni ’80, una canzone come Cara, o quanto ci entravano dentro, senza nessuna spiegazione plausibile, quel Balla balla ballerino o l’incantevole favola autobiografica di 4 marzo 1943, allora, evviva, significa che la nostra anima sentimentale, capace di amare, di intenerirsi, di commuoversi è ancora viva.
      E sulla scia della riscoperta di una sensibilità che sembrava scomparsa s’inserisce un’altra notizia, di cui parliamo nell’intervista di quest’edizione di Bridge. Si presenta a Roma, in anteprima nazionale, un documentario che la giovane regista Sabrina Digregorio ha dedicato alla vita e all’opera dell’anziano poeta pugliese-americano Joseph Tusiani. Personaggio con una singolare esperienza di vita tra le due sponde dell’Atlantico, di grande spessore culturale e umano, poeta e scrittore di talento insignito di innumerevoli riconoscimenti ma certamente non una rockstar che riempirà le sale. Ciononostante è a lui e alla sua vita che la Digregorio ha scelto di dedicare il suo film.
      Il messaggio è chiaro: siamo nel 2012 ma c’è ancora spazio per la poesia e voglia di raccontarla.
     E anche scoprire che tutta l’Italia piange la perdita di un grande cantautore fa riflettere.
    Con l’amarezza e la commozione per la morte di Dalla abbiamo scoperto quanto lo abbiamo amato. E lo abbiamo amato perché la sua musica e le sue parole ci hanno regalato emozioni forti. La sua improvvisa scomparsa in questo incerto inizio di primavera ce le ha ricordate. Ci siamo ricordati che siamo tutti uguali a quel barbone di Piazza Grande e come lui a modo mio avrei bisogno di carezze anch’io.

Dal matrimonio milionario a Madonna
Puglia mai così amata
11 bandiere blu al mare di Puglia
E Otranto tra i più bei borghi d’Italia
La La Land
“L’altra America” del new romantic Damien Chazelle
Lettera aperta a un grande regista
Puglia, attraente
365 giorni all’anno
Tra l’America e la Puglia
inquietudini, bilanci e propositi di fine anno
Puglia “regione più bella del mondo”
Presa d’assalto da re e divi
Quel disastro ferroviario in Puglia
che ha sconvolto la nostra estate
L’altra Puglia.
L’amara realtà del caporalato al di là degli scenari da copertina
Se la primavera inizia con la tragedia di Bruxelles Un 2016 all’insegna della Puglia, anche in America TEDx Lecce
Le vite straordinarie e le scelte “rivoluzionarie” della gente comune
Flavia Pennetta e Roberta Vinci
Icone di Puglia sulla scena mondiale
Puglia
La calda estate della cultura
Lecce ancora sul New York Times
L’innamoramento della stampa americana per la Puglia e il Sud continua…
Ben Hur a Matera
Il rilancio dell’Italia può partire dal Sud
Il ricordo di Mario Cuomo, orgoglio degli Italiani d’America TEDex
Da una conferenza le ispirazioni per progettare il futuro
Puglia presa d’assalto dai divi
Un treno da non perdere
Web
Vieste e Gallipoli le più cliccate dagli italiani
Bandiere blu
Dieci spiagge “10 e lode” per la Puglia
Rifiuti interrati, ricerche petrolifere e un gasdotto tra le acque cristalline.
Si metta uno stop ai misfatti in Puglia
Renata Fonte
30 anni fa il suo omicidio.
Difendeva Porto Selvaggio
Pugliamania Nebraska
La favola spiazzante dell’altra America
L’albero della vita di Otranto
simbolo dell’Italia all’Expo 2015
Fine d’anno di grandi speranze per la Puglia TEDx
Dalla California a Lecce il coraggio delle idee
Bill de Blasio.
È italoamericano il più gettonato candidato sindaco di New York
Se Lecce approda sul New York Times,
se alla “Notte della Taranta” arrivano 130.000 persone…
Pianoforti in strada a New York Il Grande Gatsby...
Se dal grande schermo il sogno americano fa irruzione nella nostra vita
“Se vedi qualcosa, di’ qualcosa”
Considerazioni dopo l’attentato di Boston
Il Salento “Territorio dell’anno 2013” 2013, Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti Buoni propositi di fine anno Obama rieletto
Tra sogni e pragmatismo la lezione americana all’Europa
La scomparsa di Cristanziano Serricchio, poeta della luce Dieci motivi per venire in vacanza in Puglia “Molto forte, incredibilmente vicino” Zeppole in California “Assolutamente grandioso” 11 settembre
dieci anni dopo
La prima volta sul web