RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - L'EDITORIALE - Pianoforti in strada a New York

L'EDITORIALE

Pianoforti in strada a New York di Flavia Pankiewicz
CONDIVIDI Facebook Twitter

E

ccola: New York. Con i mille grattacieli che svettano arditi verso l’alto. Con il traffico che scorre incessantemente per le sue strade. Ma anche con i suoi mille spazi di città-giardino. A cominciare dall’ormai mitica High Line, la passeggiata tra i grattacieli lungo un binario dismesso sopraelevato che portava le merci nel vecchio Meatpacking District (ora la zona più trendy della città), con un nuovo tratto aperto da poco, con gli alberi ancora più alti, e tra i binari più verde, più fiori. Con il nuovo Waterfront lungo l’East River, nei pressi del Pier 17, con nuovi parchi-giochi per bambini e i nuovissimi parchi per cani. Con tante aree riservate ai pedoni, ai ciclisti, a tavolini e sedie lasciati in strada solo per i passanti, liberi di fermarsi quanto vogliono. Con i water taxi che tra l’Ikea di Red Hook a Brooklyn e Manhattan fanno la spola gratuitamente. Un salotto a cielo aperto, più bella e accogliente che mai, New York si rinnova e si reinventa continuamente, non smette mai di stupire, anche per chi, come me, l’ha visitata, nel giugno scorso, per la quarantesima volta.

A Brooklyn c’è un nuovo, magnifico parco: il Brooklyn Bridge Park, dove ogni sera, d’estate, si tengono nuove iniziative. I telescopi puntati verso il cielo per osservare le stelle con gli astronomi che offrono spiegazioni, una sorta di anfiteatro di granito, dove Shakespeare va in scena all’aperto, gratuitamente, per chiunque si voglia fermare. Poco distante, a DUMBO (down under the Manhattan Bridge overpass) un’antica giostra con i cavalli regala una magica atmosfera retrò.

Ma per due settimane, in giugno, c’era un’altra sorpresa a New York. Pianoforti. Pianoforti in strada, nei parchi, nelle piazze, nei sottopassaggi. Non con i relativi pianisti ma lasciati in giro solo per i passanti.

È il terzo anno che in giugno si tiene in città questa iniziativa. È a cura di “Sing for Hope”, un’organizzazione non-profit che mira a rendere le arti disponibili per tutti, specialmente per le comunità svantaggiate. Questa volta i pianoforti erano 88 (!), distribuiti nei cinque distretti di New York. Verticali, a un quarto di coda, a coda, decorati da artisti, illustratori, graphic designers. Alla fine delle due settimane sono stati donati a scuole, ospedali e organizzazioni di quartiere.

Scoprirli, per strada, è stata una grande emozione. Vedere newyorkesi e turisti ordinatamente in fila per suonare a cielo aperto. Guardare i teli di plastica lasciati a terra, accanto ai pianoforti, perché i passanti stessi provvedessero a coprirli in caso di pioggia. Ascoltare una melodia incantevole e scoprire che chi la suonava è un giovane ottico che l’ha anche composta. Stupirsi davanti a un bambino che a meno di cinque anni, seduto allo sgabello senza neanche arrivare lontanamente con i piedi a terra, suona a memoria pezzi di musica classica con una disinvoltura da pianista consumato… è stata una grande emozione. E poi anche a chi non si è mai accostato alla musica può venire una gran voglia di mettersi a suonare sotto il sole o sotto le stelle, davanti allo skyline incantato di Manhattan. Puoi farlo anche se non sai suonare. Questa è New York.

Pianoforti in strada. Un’altra emozione indimenticabile tra i ricordi dei viaggi.

Puglia
Sotto l’albero di Natale vorrei…
Considerazioni sull’appello di Mirren e Hackford
Dal matrimonio milionario a Madonna
Puglia mai così amata
11 bandiere blu al mare di Puglia
E Otranto tra i più bei borghi d’Italia
La La Land
“L’altra America” del new romantic Damien Chazelle
Lettera aperta a un grande regista
Puglia, attraente
365 giorni all’anno
Tra l’America e la Puglia
inquietudini, bilanci e propositi di fine anno
Puglia “regione più bella del mondo”
Presa d’assalto da re e divi
Quel disastro ferroviario in Puglia
che ha sconvolto la nostra estate
L’altra Puglia.
L’amara realtà del caporalato al di là degli scenari da copertina
Se la primavera inizia con la tragedia di Bruxelles Un 2016 all’insegna della Puglia, anche in America TEDx Lecce
Le vite straordinarie e le scelte “rivoluzionarie” della gente comune
Flavia Pennetta e Roberta Vinci
Icone di Puglia sulla scena mondiale
Puglia
La calda estate della cultura
Lecce ancora sul New York Times
L’innamoramento della stampa americana per la Puglia e il Sud continua…
Ben Hur a Matera
Il rilancio dell’Italia può partire dal Sud
Il ricordo di Mario Cuomo, orgoglio degli Italiani d’America TEDex
Da una conferenza le ispirazioni per progettare il futuro
Puglia presa d’assalto dai divi
Un treno da non perdere
Web
Vieste e Gallipoli le più cliccate dagli italiani
Bandiere blu
Dieci spiagge “10 e lode” per la Puglia
Rifiuti interrati, ricerche petrolifere e un gasdotto tra le acque cristalline.
Si metta uno stop ai misfatti in Puglia
Renata Fonte
30 anni fa il suo omicidio.
Difendeva Porto Selvaggio
Pugliamania Nebraska
La favola spiazzante dell’altra America
L’albero della vita di Otranto
simbolo dell’Italia all’Expo 2015
Fine d’anno di grandi speranze per la Puglia TEDx
Dalla California a Lecce il coraggio delle idee
Bill de Blasio.
È italoamericano il più gettonato candidato sindaco di New York
Se Lecce approda sul New York Times,
se alla “Notte della Taranta” arrivano 130.000 persone…
Il Grande Gatsby...
Se dal grande schermo il sogno americano fa irruzione nella nostra vita
“Se vedi qualcosa, di’ qualcosa”
Considerazioni dopo l’attentato di Boston
Il Salento “Territorio dell’anno 2013” 2013, Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti Buoni propositi di fine anno Obama rieletto
Tra sogni e pragmatismo la lezione americana all’Europa
La scomparsa di Cristanziano Serricchio, poeta della luce Dieci motivi per venire in vacanza in Puglia “Molto forte, incredibilmente vicino” Zeppole in California Quelle lacrime per la scomparsa di Dalla “Assolutamente grandioso” 11 settembre
dieci anni dopo
La prima volta sul web