RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- OTTOBRE 2017 -
HOME - L'EDITORIALE - Obama rielettoTra sogni e pragmatismo la lezione americana all’Europa

L'EDITORIALE

Obama rieletto
Tra sogni e pragmatismo la lezione americana all’Europa
di Flavia Pankiewicz
CONDIVIDI Facebook Twitter

“U

n’America aperta ai sogni”. Tra le prime parole pronunciate da Barak Obama, appena rieletto presidente degli Stati Uniti, c’è la parola cardine di quel pensiero americano che in pochi secoli di storia ha messo insieme quella che, al di là delle inevitabili imperfezioni, è ancora la più grande democrazia del pianeta: “sogno”.

Sogno come meta apparentemente impossibile da rendere reale e concreta. Sogno che, nella terra in cui pochi decenni fa l’apartheid era ancora una realtà, nella terra che ha prodotto mostri come il Ku Klux Klan, ha reso possibile ad un afroamericano la scalata e la riconferma alla carica istituzionale più potente del pianeta.

Crediamo in un’America generosa, tollerante, aperta ai sogni – ha detto il presidente. – E i nostri contrasti sono il segno della nostra libertà. Il meglio deve ancora venire”.

Poche parole che sono un concentrato del pensiero americano. I “contrasti” letti dal pensiero positivo sono in fondo possibili solo in democrazia e quindi da apprezzare come fattore di arricchimento. E il forte richiamo all’ottimismo con “il meglio deve ancora venire” ci ricorda che nessuna “ripresa”, economica o di qualsiasi altro genere, è possibile se non soffia forte il vento vivificante della speranza e dell’ottimismo.

L’antieuropeo e anti-italiano Romney, che qualche giorno fa profetizzava, in caso di vittoria di Obama, una crisi economica, in America, come quelle di Europa, Italia e Spagna è stato sconfitto ed è rapidamente rientrato nei parametri del politically correct telefonando a Obama per ammettere la sconfitta e augurargli “buon lavoro”. Con fair play ancora più generoso il neo presidente ha risposto: “nelle prossime settimane ci incontreremo per vedere su cosa potremo lavorare insieme per portare avanti il paese”. Una scena impensabile nell’Italia del livore e dei veleni in cui i casi di collaborazione tra le parti, per il bene del Paese, sono quasi inesistenti.

Non si può non menzionare Michelle Obama, forse la migliore first lady che sia mai comparsa sulla scena internazionale. Un asso nella manica che ha certamente avuto un peso nella rielezione di Barak. Solida, solare, propositiva, ha portato avanti campagne intelligenti e validissime come quella contro l’obesità e a favore della dieta mediterranea, dell’educazione alimentare, della riscoperta degli orti. L’ultima mossa giusta: rindossare, per la rielezione del marito, un abito già usato in altre occasioni. “Niente sprechi”, un modo per essere vicina alle famiglie stritolate dalla crisi e per mostrare al mondo, per decenni indottrinato dalla filosofia del lusso, che la sobrietà, per molti obbligata, può essere una scelta, vincente, di gran classe.

Dal matrimonio milionario a Madonna
Puglia mai così amata
11 bandiere blu al mare di Puglia
E Otranto tra i più bei borghi d’Italia
La La Land
“L’altra America” del new romantic Damien Chazelle
Lettera aperta a un grande regista
Puglia, attraente
365 giorni all’anno
Tra l’America e la Puglia
inquietudini, bilanci e propositi di fine anno
Puglia “regione più bella del mondo”
Presa d’assalto da re e divi
Quel disastro ferroviario in Puglia
che ha sconvolto la nostra estate
L’altra Puglia.
L’amara realtà del caporalato al di là degli scenari da copertina
Se la primavera inizia con la tragedia di Bruxelles Un 2016 all’insegna della Puglia, anche in America TEDx Lecce
Le vite straordinarie e le scelte “rivoluzionarie” della gente comune
Flavia Pennetta e Roberta Vinci
Icone di Puglia sulla scena mondiale
Puglia
La calda estate della cultura
Lecce ancora sul New York Times
L’innamoramento della stampa americana per la Puglia e il Sud continua…
Ben Hur a Matera
Il rilancio dell’Italia può partire dal Sud
Il ricordo di Mario Cuomo, orgoglio degli Italiani d’America TEDex
Da una conferenza le ispirazioni per progettare il futuro
Puglia presa d’assalto dai divi
Un treno da non perdere
Web
Vieste e Gallipoli le più cliccate dagli italiani
Bandiere blu
Dieci spiagge “10 e lode” per la Puglia
Rifiuti interrati, ricerche petrolifere e un gasdotto tra le acque cristalline.
Si metta uno stop ai misfatti in Puglia
Renata Fonte
30 anni fa il suo omicidio.
Difendeva Porto Selvaggio
Pugliamania Nebraska
La favola spiazzante dell’altra America
L’albero della vita di Otranto
simbolo dell’Italia all’Expo 2015
Fine d’anno di grandi speranze per la Puglia TEDx
Dalla California a Lecce il coraggio delle idee
Bill de Blasio.
È italoamericano il più gettonato candidato sindaco di New York
Se Lecce approda sul New York Times,
se alla “Notte della Taranta” arrivano 130.000 persone…
Pianoforti in strada a New York Il Grande Gatsby...
Se dal grande schermo il sogno americano fa irruzione nella nostra vita
“Se vedi qualcosa, di’ qualcosa”
Considerazioni dopo l’attentato di Boston
Il Salento “Territorio dell’anno 2013” 2013, Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti Buoni propositi di fine anno La scomparsa di Cristanziano Serricchio, poeta della luce Dieci motivi per venire in vacanza in Puglia “Molto forte, incredibilmente vicino” Zeppole in California Quelle lacrime per la scomparsa di Dalla “Assolutamente grandioso” 11 settembre
dieci anni dopo
La prima volta sul web