RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- NOVEMBRE 2017 -
HOME - L'EDITORIALE - Bill de Blasio. È italoamericano il più gettonato candidato sindaco di New York

L'EDITORIALE

Bill de Blasio.
È italoamericano il più gettonato candidato sindaco di New York
di Flavia Pankiewicz
CONDIVIDI Facebook Twitter

O

rmai è conto alla rovescia. La data fatidica in cui New York elegge il suo nuovo sindaco è il 5 novembre. E in quella data, in Italia, una piccola città della Campania seguirà le elezioni in diretta non-stop. Si tratta di Sant’Agata dei Goti, provincia di Benevento, ed è il paese d’origine dei nonni materni del democratico Bill de Blasio, che i sondaggi danno nettamente in testa nella corsa per il Comune di New York.

È da Sant’Agata che negli anni Venti i de Blasio emigrarono per gli Stati Uniti e certo non potevano immaginare che quasi un secolo dopo un loro nipote sarebbe stato una perfetta incarnazione del sogno americano, mettendosi nelle condizioni di poter aspirare alla carica di sindaco più ambita del mondo.

Nato a New York col nome (paterno) di Warren Milhelm, e cresciuto nel Massachusets, l’aspirante sindaco ha cambiato legalmente il cognome con quello della madre d’origine italiana. Ha 52 anni ed è un gigante di quasi due metri. È difensore civico e vive a Park Slope (Brooklyn) con la moglie afroamericana, poetessa femminista ed ex lesbica dichiarata, e i due figli, Dante e Chiara, di 16 e 18 anni. Parte del suo successo sembra si debba proprio al giovanissimo Dante e al suo breve (34 secondi) ed efficace spot per promuovere la campagna elettorale del padre (visibile su YouTube).

Bill de Blasio sta cercando a sua volta di risvegliare l’orgoglio dell’elettorato liberal parlando di una New York divisa in due: i super-ricchi e i poveri, e il suo slogan parla chiaro: “due città da ricomporre”. Nel suo programma ci sono l’aumento delle tasse dei più ricchi per pagare gli asili nido per tutti, investimenti nell’edilizia popolare e lo stop ai fermi facili, soprattutto a danno delle minoranze etniche, da parte della Polizia di New York.

Se dovesse vincere sarebbe il quarto sindaco italoamericano nella storia di New York, dopo Fiorello La Guardia (1934-1945), da molti ancora considerato uno dei migliori sindaci che la città abbia mai avuto, il meno noto Vincent Impellitteri (1950-1953) e Rudolph Giuliani (1994-2001), un’altra “star”.

Lo sfidante, il repubblicano Joseph (Joe) Lhota, già direttore della Metropolitan Transportation Authority, la società che gestisce il trasporto pubblico nello Stato di New York, è d’origine ceca, con una nonna materna ebrea e un nonno materno d’origini italiane. Una vaga origine italiana, dunque, c’è anche per Lhota.

Tuttavia sembra che il fattore etnico non sia più importante come un tempo nel determinare l’elezione di un candidato. Una volta, in America, l’elettorato italoamericano o afroamericano, irlandese o ebreo votava compatto. Ora si guarda maggiormente agli interessi economici, alla sicurezza, alla qualità della vita che un certo programma elettorale potrebbe tutelare meglio di un altro. Questo per gli americani.

Mentre a Sant’Agata dei Goti non ci saranno eccezioni: aspetteranno tutti col fiato sospeso l’elezione del “loro” candidato. Come faranno tanti fan italiani della Grande Mela, che sarebbero felici di vedere le chiavi della città nelle mani di un sindaco d’origine italiana.

Puglia
Sotto l’albero di Natale vorrei…
Considerazioni sull’appello di Mirren e Hackford
Dal matrimonio milionario a Madonna
Puglia mai così amata
11 bandiere blu al mare di Puglia
E Otranto tra i più bei borghi d’Italia
La La Land
“L’altra America” del new romantic Damien Chazelle
Lettera aperta a un grande regista
Puglia, attraente
365 giorni all’anno
Tra l’America e la Puglia
inquietudini, bilanci e propositi di fine anno
Puglia “regione più bella del mondo”
Presa d’assalto da re e divi
Quel disastro ferroviario in Puglia
che ha sconvolto la nostra estate
L’altra Puglia.
L’amara realtà del caporalato al di là degli scenari da copertina
Se la primavera inizia con la tragedia di Bruxelles Un 2016 all’insegna della Puglia, anche in America TEDx Lecce
Le vite straordinarie e le scelte “rivoluzionarie” della gente comune
Flavia Pennetta e Roberta Vinci
Icone di Puglia sulla scena mondiale
Puglia
La calda estate della cultura
Lecce ancora sul New York Times
L’innamoramento della stampa americana per la Puglia e il Sud continua…
Ben Hur a Matera
Il rilancio dell’Italia può partire dal Sud
Il ricordo di Mario Cuomo, orgoglio degli Italiani d’America TEDex
Da una conferenza le ispirazioni per progettare il futuro
Puglia presa d’assalto dai divi
Un treno da non perdere
Web
Vieste e Gallipoli le più cliccate dagli italiani
Bandiere blu
Dieci spiagge “10 e lode” per la Puglia
Rifiuti interrati, ricerche petrolifere e un gasdotto tra le acque cristalline.
Si metta uno stop ai misfatti in Puglia
Renata Fonte
30 anni fa il suo omicidio.
Difendeva Porto Selvaggio
Pugliamania Nebraska
La favola spiazzante dell’altra America
L’albero della vita di Otranto
simbolo dell’Italia all’Expo 2015
Fine d’anno di grandi speranze per la Puglia TEDx
Dalla California a Lecce il coraggio delle idee
Se Lecce approda sul New York Times,
se alla “Notte della Taranta” arrivano 130.000 persone…
Pianoforti in strada a New York Il Grande Gatsby...
Se dal grande schermo il sogno americano fa irruzione nella nostra vita
“Se vedi qualcosa, di’ qualcosa”
Considerazioni dopo l’attentato di Boston
Il Salento “Territorio dell’anno 2013” 2013, Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti Buoni propositi di fine anno Obama rieletto
Tra sogni e pragmatismo la lezione americana all’Europa
La scomparsa di Cristanziano Serricchio, poeta della luce Dieci motivi per venire in vacanza in Puglia “Molto forte, incredibilmente vicino” Zeppole in California Quelle lacrime per la scomparsa di Dalla “Assolutamente grandioso” 11 settembre
dieci anni dopo
La prima volta sul web