RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - L'EDITORIALE - Il Grande Gatsby... Se dal grande schermo il sogno americano fa irruzione nella nostra vita

L'EDITORIALE

Il Grande Gatsby...
Se dal grande schermo il sogno americano fa irruzione nella nostra vita
di Flavia Pankiewicz
CONDIVIDI Facebook Twitter

P

atinato ed elegantissimo il film del ’74 di Jack Clayton (con Robert Redford e Mia Farrow indimenticabili), sfarzoso con punte di kitsch, ma non meno intenso, quello 2013 targato Baz Lurhmann. Questa è la forma, “l’involucro”, delle ultime due versioni cinematografiche del Grande Gatsby, il magnifico romanzo (1925) di Francis Scott Fitzgerald che attraverso la storia di Jay Gatsby affronta i temi universali dell’amore e della vita tra bellezza e tragedia, tra sogno e disincanto.

Pur accogliendola freddamente, tra mille puntualizzazioni, e confrontando costantemente l’opera di Lurhmann con quella del ’74, la critica ha riconosciuto all’unanimità una strepitosa interpretazione di Leonardo Di Caprio, e in ogni caso non si può negare che si tratti di 142 minuti di grande cinema, imperdibili per chi ami l’America, Fitzgerald, Di Caprio, Carey Mulligan o tutte queste cose insieme.

In particolare, per chi ama l’America, il film come il romanzo sono un must. Il sogno americano: qualcuno che partendo dal nulla riesce a costruire una fortuna immensa, il jazz, le ville-regge di Long Island (poco importa se Lurhmann ha ricostruito gli ambienti in Australia). E naturalmente New York, fascinosa più che mai già negli anni Venti, splendidamente fotografata mentre si ascoltano le parole, altrettanto seducenti, di Fitzgerald: La città vista dal Queensboro Bridge è sempre la città vista per la prima volta, nella sua prima promessa selvaggia di tutto il mistero e la bellezza nel mondo...

Voce narrante della storia è uno dei personaggi (una tecnica utilizzata anche da Henry James), Nick Carraway (un ottimo Tobey Maguire), e il suo punto di vista è evidentemente quello di Fitzgerald, che adora lasciarsi sedurre dal “sogno” ma è capace di un amaro e altrettanto poetico disincanto.

È difficile restare insensibili davanti al fascino di un personaggio solare, dall’ottimismo granitico, che crede fermamente di potersi riappropriare del passato: Gatsby credeva nella luce verde, nel futuro orgastico che anno dopo anno si ritira davanti a noi. Allora ci è sfuggito, ma non importa; domani correremo più forte, allungheremo le braccia ancora di più… E un bel mattino… Così navighiamo di bolina, barche contro la corrente, riportati senza posa nel passato.

Nelle nostre giornate piene di cronaca nera, di notizie di economia depressa, di grigio tran-tran, dal grande schermo ha fatto irruzione la Bellezza, la vita sentita e narrata in modo poetico, immagini abbaglianti che restano impresse, un invito a perseguire con forza i sogni, accantonando ogni ragionevole scetticismo. Al di là del tragico epilogo, il film come il libro ci lasciano nella mente e nel cuore quella luce verde in fondo all’orizzonte, il faro verso cui continuare a navigare.

Puglia
Sotto l’albero di Natale vorrei…
Considerazioni sull’appello di Mirren e Hackford
Dal matrimonio milionario a Madonna
Puglia mai così amata
11 bandiere blu al mare di Puglia
E Otranto tra i più bei borghi d’Italia
La La Land
“L’altra America” del new romantic Damien Chazelle
Lettera aperta a un grande regista
Puglia, attraente
365 giorni all’anno
Tra l’America e la Puglia
inquietudini, bilanci e propositi di fine anno
Puglia “regione più bella del mondo”
Presa d’assalto da re e divi
Quel disastro ferroviario in Puglia
che ha sconvolto la nostra estate
L’altra Puglia.
L’amara realtà del caporalato al di là degli scenari da copertina
Se la primavera inizia con la tragedia di Bruxelles Un 2016 all’insegna della Puglia, anche in America TEDx Lecce
Le vite straordinarie e le scelte “rivoluzionarie” della gente comune
Flavia Pennetta e Roberta Vinci
Icone di Puglia sulla scena mondiale
Puglia
La calda estate della cultura
Lecce ancora sul New York Times
L’innamoramento della stampa americana per la Puglia e il Sud continua…
Ben Hur a Matera
Il rilancio dell’Italia può partire dal Sud
Il ricordo di Mario Cuomo, orgoglio degli Italiani d’America TEDex
Da una conferenza le ispirazioni per progettare il futuro
Puglia presa d’assalto dai divi
Un treno da non perdere
Web
Vieste e Gallipoli le più cliccate dagli italiani
Bandiere blu
Dieci spiagge “10 e lode” per la Puglia
Rifiuti interrati, ricerche petrolifere e un gasdotto tra le acque cristalline.
Si metta uno stop ai misfatti in Puglia
Renata Fonte
30 anni fa il suo omicidio.
Difendeva Porto Selvaggio
Pugliamania Nebraska
La favola spiazzante dell’altra America
L’albero della vita di Otranto
simbolo dell’Italia all’Expo 2015
Fine d’anno di grandi speranze per la Puglia TEDx
Dalla California a Lecce il coraggio delle idee
Bill de Blasio.
È italoamericano il più gettonato candidato sindaco di New York
Se Lecce approda sul New York Times,
se alla “Notte della Taranta” arrivano 130.000 persone…
Pianoforti in strada a New York “Se vedi qualcosa, di’ qualcosa”
Considerazioni dopo l’attentato di Boston
Il Salento “Territorio dell’anno 2013” 2013, Anno della Cultura Italiana negli Stati Uniti Buoni propositi di fine anno Obama rieletto
Tra sogni e pragmatismo la lezione americana all’Europa
La scomparsa di Cristanziano Serricchio, poeta della luce Dieci motivi per venire in vacanza in Puglia “Molto forte, incredibilmente vicino” Zeppole in California Quelle lacrime per la scomparsa di Dalla “Assolutamente grandioso” 11 settembre
dieci anni dopo
La prima volta sul web