RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- AGOSTO 2017 -
HOME - Bridge Italia - Libri - Quell’assedio del Sergente Romano come in un film
Libri
Quell’assedio del Sergente Romano
come in un film
Briganti e piemontesi a Gioia del Colle dopo l’annessione sabauda (1861) nell’ultimo romanzo di Marco Cardetta. Le pagine del giovane scrittore pugliese intrise di emozione evocativa e istinto teatrale di Sergio D’Amaro
CONDIVIDI Facebook Twitter

   Sergente Romano di Marco Cardetta (LiberAria, pp. 170, € 12) sembrerebbe essere a prima vista l’ennesima prova narrativa ispirata all’epopea del brigantaggio postunitario. Il tema è irresistibile, per la verità, e risulta l’equivalente che uno scrittore americano avrebbe a disposizione per raccontare il suo bravo west condito di una sanguinosa guerra civile, esattamente coincidente come tempo (1861-1865) coi fatti italiani seguiti all’annessione sabauda. D’altro canto, è oggettivamente difficile per un autore per di più pugliese misurarsi col successo del romanzo di Raffaele Nigro, I fuochi del Basento, che ebbe il premio Campiello nel 1987 e che oggi è indicato come testa di serie per chi voglia cimentarsi con tale tematica.
   Cardetta, però, è riuscito a scegliersi un suo particolare spazio e a ritagliarsi un ben individuato periodo del brigantaggio, privilegiando i due mesi (giugno e luglio 1861) che toccarono in sorte alla cittadina di Gioia del Colle assediata dalla banda del Sergente Romano, al secolo Pasquale Domenico Romano, un ex ufficiale dell’esercito borbonico fedele all’ultimo re di Napoli Francesco II (alias Franceschiello) e determinato a sbarazzarsi delle bandiere piemontesi. Lo spazio del giovane Cardetta è animato dal suo istinto teatrale e performativo, visto che le sue attività si estendono al cinema e alla musica, risultando poi questa sua poliedricità opportuna per calarsi letteralmente in quella particolare vicenda ed estrarne voci e immagini di un vivo palcoscenico.
   Assistiamo così, anche grazie al controcanto parallelo di documenti d’epoca che sfilano in coda a ciascun capitolo, alle concitate settimane che precedono l’assedio della banda del Sergente Romano. L’autore diventa letteralmente reporter, registra i dialoghi, le emozioni, le imprecazioni, i gesti di questi inediti fratelli d’anima di Billy the Kid e di Jessie James, chiusi nella loro scelta violenta e disperata, pronti ad ogni atrocità, lontani dalla luce di qualunque pietà. Le battute dei personaggi sono aspre, taglienti, scabre come il paesaggio in cui vivono, e la loro lingua si contorce in un dialetto espressionistico talmente teso da spezzare ogni diplomazia comunicativa.
   Cardetta, impegnandosi come cantore popolare, srotola giorno dopo giorno le scene del dramma, immedesimandosi in quella vicenda senza tregua e cogliendo nelle sue creature così resuscitate la residua energia per gridare una loro pur stremata dignità. Non c’è intento celebrativo o assolutorio, non ci sono tentazioni neoborboniche: c’è solo emozione evocativa, riflessione antropologica. Né manca il guizzo dell’attore, anzi del regista, se molto (auto-) ironicamente in appendice scherza col lettore e con l’editore, sgomento per tanta audacia di idee e di scrittura. È che il Sergente Romano, morto a trent’anni nel 1863, riassume senz’altro la figura del vinto, e Cardetta ne resta affascinato per quel suo alone di fatale incarnazione di eroe di una causa persa in partenza. Un racconto così può fare anche a meno di dorature da letteratura retorica.
Altri articoli
Cultura   Mark Bradford e Wade Guyton L’arte americana milionaria che spopola anche in Italia Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Libri   Il Gargano di Joseph Libri   La tragedia di Mattmark Un libro per non dimenticare Libri   Viaggio tra i giardini d’Italia Libri   Quando ad indagare sul “tempo” è la poesia Libri   Tra le tempeste della vita vince la forza di un cuore amorevole Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Viaggi   “Le mille e una Puglia” Viaggi   Capodanno in Salento Naonis Viaggi e Bridge propongono un primo “tour delle meraviglie” Viaggi   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte