RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Bridge Italia - Cultura - Eugenio Barba Tra vita, pensiero e pratica teatrale
Cultura
Eugenio Barba
Tra vita, pensiero e pratica teatrale
L’esperienza dell’Odin Teatret di Barba è al centro di due volumi di recente pubblicazione.
Franco Ungaro, profondo conoscitore del pensiero e del teatro del grande maestro, traccia una lucida analisi di quella che resta una straordinaria e unica esperienza culturale
di Franco Ungaro
CONDIVIDI Facebook Twitter

Eugenio Barba

Sappiamo tutti che il Salento ha dato le origini a due fra i più importanti protagonisti del teatro contemporaneo, Carmelo Bene di Campi Salentina e Eugenio Barba di Gallipoli, oppure di Brindisi come testimonia l’anagrafe comunale. La loro produzione letteraria e saggistica non è inferiore all’attività artistica di produzione di spettacoli; ne ho visti tanti di spettacoli ma ho letto e studiato tanti dei loro libri, che aprono squarci illuminanti per capire e interpretare gli spettacoli e la loro visione del mondo.

Bene e Barba sono due imprescindibili punti di riferimento per la cultura teatrale internazionale, davvero unici nel saper coniugare pensiero e pratica teatrale, nel fare della vita e dell’arte un unicum senza soluzione di continuità, il primo nutrendosi del pensiero filosofico contemporaneo, da Nietzsche a Derrida, il secondo addirittura fondando una nuova disciplina teorica, l’antropologia teatrale. La loro statura intellettuale e la radicata e indiscussa riconoscibilità internazionale fanno sì che testi critici, biografie e opere affollino ormai gli scaffali di biblioteche e videoteche pubbliche e private, spesso tradotti in numerose lingue straniere.

I cinque continenti del teatro (Edizioni di Pagina, Bari, 2017), scritto a quattro mani da Nicola Savarese ed Eugenio Barba, e Odino nelle terre del rimorso. Eugenio Barba e l’Odin Teatret in Salento e Sardegna 1973-1975 (Squilibri, Roma, 2017), di Vincenzo Santoro, sono gli ultimi e più recenti volumi pubblicati su Barba. Opere preziose soprattutto perché consentono di approfondire le innovazioni di linguaggio del grande regista, che sono anche innovazioni etiche, sociali e politiche, in un intreccio inestricabile di pensiero e pratica teatrale. Provare a elencare e analizzare i punti di contatto fra questi due poli vuol dire raccontare una storia originale e unica, il cui inizio è la fondazione, dapprima in Norvegia e poi a Holstebro, in Danimarca, di una solida ‘comunità teatrale’ che vede ancora oggi al proprio interno presenti e attivi alcuni dei suoi protagonisti originari, da Jan Fervslev a Iben Nagel Rasmussen, da Else Marie Laukvik a Tage Larsen. Non è perciò per nulla inutile e irrilevante sottolineare la dimensione comunitaria dell’Odin Teatret, non solo perché tutti sappiamo che il teatro nasce originariamente come modalità di incontro fra i cittadini nell’agorà e quindi come forma specifica di relazione fra le persone ma anche perché negli anni Sessanta e Settanta, ma direi anche prima e dopo, ogni modello e istanza di cambiamento sociale fa i conti con il bisogno di comunità, di utopia, di futuro. Vincenzo Santoro racconta con grande dovizia di riferimenti storici e teorici l’esperienza/esperimento del baratto culturale realizzato a Carpignano Salentino e illumina emblematicamente il modo in cui una comunità teatrale, quella dell’Odin Teatret, si relazionò con un’altra comunità.

Per cinque mesi, nel 1974, Eugenio Barba e i suoi attori si trasferirono nel piccolo centro salentino per preparare il loro nuovo spettacolo e avviarono un dialogo con i cittadini che si basava sullo scambio e sul dono reciproco di ciò che entrambi avevano più a cuore. I carpignanesi conoscevano bene il repertorio di canti, passi di danza e musiche tradizionali del Salento, mentre gli attori dell’Odin conoscevano bene tecniche attoriali in cui utilizzavano la voce, il canto, il corpo, la musica, l’acrobatica, la clownerie, alla loro maniera, esercitando l’arte dell’attore fuori dai teatri e agendo in spazi urbani inconsueti. Gli uni e gli altri barattarono cultura e identità a cielo aperto, per le strade, i vicoli, i giardini, le piazze di Carpignano.

Il libro di Vincenzo Santoro documenta tutto ciò con le splendide foto di Tony D’Urso, le testimonianze dei partecipanti e le immagini contenute nel video allegato, In cerca del teatro.

Barba aveva avviato un percorso teorico che lo spingerà a studiare le diverse tecniche e tradizioni dell’attore in diversi contesti culturali e sociali, ad avvicinare la ricerca sull’attore e le sue tradizioni alla ricerca sulle persone e le loro tradizioni culturali. L’antropologia teatrale, dirà Barba, è lo studio del comportamento scenico pre-espressivo che sta alla base dei differenti generi, stili, ruoli e delle tradizioni personali o collettive.

Succede così che nel 1980 fonda l’Ista (Scuola Internazionale di Antropologia Teatrale) e pubblica nel 1982, insieme a Nicola Savarese, L’arte segreta dell’attore, di cui I cinque continenti del teatro è, dopo ulteriori trentacinque anni di studio e ricerca, il sequel, ancora più ricco di foto e di immagini (da 700 a 1400), particolare per le dimensioni extra-large da atlante, per la commistione originale di testi e immagini, intrigante nell’accumulo di materiali (foto di scena e di luoghi teatrali, ma anche francobolli commemorativi, locandine, copertine di libri), citazioni, memorie e aneddoti. Un viaggio appassionato dentro le storie e le culture degli attori, dei teatri, dei drammaturghi, dei registi, dei produttori e di tutti coloro che con le loro azioni hanno costruito la tradizione, nel tempo cangiante, del teatro.

(1 – continua)

Altri articoli
Cultura   Mark Bradford e Wade Guyton L’arte americana milionaria che spopola anche in Italia Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Libri   Neanche l’amore trasforma la Borsa dei destini Libri   E il sogno di conquista si trasformò nel miraggio di un deserto Libri   Il Gargano di Joseph Libri   La tragedia di Mattmark Un libro per non dimenticare Libri   Viaggio tra i giardini d’Italia Libri   Quando ad indagare sul “tempo” è la poesia Libri   Tra le tempeste della vita vince la forza di un cuore amorevole Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi Basilicata   Craco La “second life” del paese fantasma Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Bologna   Vuoi Essere FICO? A Bologna si può Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Viaggi   “Le mille e una Puglia” Viaggi   Capodanno in Salento Naonis Viaggi e Bridge propongono un primo “tour delle meraviglie” Viaggi   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra