RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- OTTOBRE 2017 -
HOME - Bridge Italia - Cultura - L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia
Cultura
L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Presso il Corning Museum of Glass, nello stato di New York, in USA, si tiene la mostra, “Ennion: Master of Roman Glass”. In esposizione tre magnifiche coppe in vetro soffiato provenienti da Adria e attribuite al Maestro Ennione, straordinario artista del I secolo d.C. di Dario C. Nicoli
CONDIVIDI Facebook Twitter

Una china di Bruno Maggio ispirata ad una delle coppe di Ennione (I secolo d.C.)

  L’arte del vetro soffiato, vanto della città di Venezia, potrebbe avere un’origine medio orientale. Lo testimoniano tre antiche coppe provenienti dalla città di Adria, esposte in questi giorni nel Corning Museum of Glass (Usa) nell’ambito della mostra “Ennion: Master of Roman Glass”, intitolata a uno dei più famosi produttori di vetro soffiato del I secolo d.C. 

Due coppe, di un bel colore blu cobalto trasparente, perfettamente integre, appartengono al Museo archeologico di Adria. La terza al Museo di Corning. Furono rinvenute, tra il 1904 e il 1905, in una ricca tomba romana a incinerazione con altri straordinari vetri e portano, inconfondibile, la firma del loro autore. Separate subito dopo il ritrovamento, sono state riunite dopo quasi cent’anni e ora raccontano la loro storia agli americani fino al 19 di ottobre quando le coppe adriesi torneranno in Italia.

Come fossero giunte in località “Cuora” di Cavarzere, a sei chilometri da Adria, non è dato sapersi, ma è certo che, fin dall’antichità, grandi quantitativi di oggetti in vetro e ceramiche attiche seguivano le ricche rotte commerciali delle navi provenienti dalla Grecia e dirette ai porti di Aquileia e di Adria, dotati di magazzini e “fondachi” gestiti dalle multinazionali dell’epoca. Di qui le merci partivano in tutte le direzioni dell’Europa.

Il Museo archeologico nazionale di Adria conserva oltre a preziosi reperti paleoveneti ed etruschi, una straordinaria collezione di vetri romani. Di particolare raffinatezza sono le coppe a nastri policromi e a mosaico, l’elegante corno potorio a testa di lumaca, il prezioso balsamario a forma di colombina. A testimonianza di un’arte che si era sviluppata anche in loco.

“Le coppe di Ennione sono state realizzate nella tecnica della soffiatura a stampo” spiega Maria Cristina Vallicelli, direttrice del Museo di Adria. Essa consentiva di ottenere superfici decorate a rilievo e forme dai profili sagomati, che imitavano quelle del vasellame in metallo. Le pareti dal profilo carenato risultano decorate nella parte superiore da motivi vegetali, tra i quali si inseriscono due tabelle ansate con iscrizioni in greco: la firma del maestro vetraio “Ennione fece” e il messaggio augurante “che il compratore lo ricordi”.

“Il maestro vetraio realizzò per lo più coppe, brocche, pissidi in vetro monocromo trasparente, ornate da baccellature e motivi fitomorfi stilizzati a rilievo” prosegue la Direttrice del Museo. “Le sue produzioni sono state rinvenute in Grecia, in Israele e prevalentemente in Occidente, in particolare nell’Italia settentrionale, segno dei vivaci scambi commerciali diffusi tra Mediterraneo orientale e Adriatico nonché della circolazione di artigiani e conoscenze tecniche. Per questo motivo è ipotesi diffusa, sebbene non suffragata da prove inconfutabili, che lo stesso Ennione possa aver trasferito la sua bottega dalle coste dell’Asia Minore a quelle Alto Adriatiche, forse Aquileia”. 

“Ad oggi” conclude la dottoressa Vallicelli, “in tutto il mondo risultano sopravvissuti circa cinquanta vasi attribuibili ad Ennione, molti dei quali frammentari, conservati in musei e collezioni private di Europa, Stati Uniti e Israele”.

Dal I al III secolo d.C. produttori di vetro come Ennione e Aristeas lasciano una traccia significativa nella provincia romana della Dalmazia, sia che le loro merci vengano importate sia prodotte localmente. Poi, le invasioni barbariche destabilizzano gli equilibri socio-politici del Nord Italia. Nel 452 Attila distrugge Aquileia e cosparge di sale le rovine della città costringendo gli abitanti delle località costiere a rifugiarsi nelle isole della laguna. Nasce Venezia. Ed è qui che, probabilmente, si trasferiscono anche le competenze artigiane della popolazione. Per tre secoli scompare ogni traccia del vetro soffiato; ma recenti indizi, rilevati nell’isola di Torcello, lasciano supporre che i veneziani non abbiano mai spesso di produrre i loro trasparenti, fragili e incantevoli capolavori.

 
Altri articoli
Basilicata   Craco La “second life” del paese fantasma Cultura   RITRATTO D’ARTISTA Pamela Diamante Processo alla realtà post mediale Tra arte e scienza Cultura   Mark Bradford e Wade Guyton L’arte americana milionaria che spopola anche in Italia Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Bologna   Vuoi Essere FICO? A Bologna si può Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Viaggi   “Le mille e una Puglia” Viaggi   Capodanno in Salento Naonis Viaggi e Bridge propongono un primo “tour delle meraviglie” Viaggi   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte Libri   Il Gargano di Joseph Libri   La tragedia di Mattmark Un libro per non dimenticare Libri   Viaggio tra i giardini d’Italia Libri   Quando ad indagare sul “tempo” è la poesia Libri   Tra le tempeste della vita vince la forza di un cuore amorevole Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi