RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- OTTOBRE 2017 -
HOME - Bridge Italia - Cultura - A Ferrara… si può ancora sognare
Cultura
A Ferrara… si può ancora sognare In un elzeviro dell’autore, apparso sul Corriere della Sera nel lontano 1987, la raffinata analisi di una città illustre ma provinciale che diventa il simbolo d’ogni città di provincia d’Italia di Roberto Pazzi
CONDIVIDI Facebook Twitter

Il duomo di Ferrara con riflesso
del Palazzo Municipale.
Foto di Marco Caselli Nirmal

      È davvero difficile dipingere il clima morale, l’identità di una città in cui si è sempre vissuti. Gli altri captano l’odore che noi portiamo addosso, non noi, gli altri ci vedono, non noi... Così mentre almanaccavo fra me e me come descrivere per Bridge quel che di irripetibile e unico ha la mia Ferrara, oggi, nel 2012, non mi soccorre niente di più efficace di un mio elzeviro uscito sul Corsera nel 1987. Penso che il suo clima di ex capitale ducale ancora così splendida, insieme a quel carattere di provincia arresa al suo destino minore, eppure così innamorata di se stessa, sia dato coglierli ancora in questo mio scritto. Il topos letterario leopardiano del tormentato rapporto Recanati-Roma spiega molte cose della mentalità ferrarese, ma in realtà penso sia la chiave di interpretazione del rapporto di tutte le città italiane con la capitale più bella del mondo.

R. P.

 

A Ferrara si può sognare

di Roberto Pazzi

Corriere della Sera, 16 febbraio 1987

 

      Messer Lodovico, dove mai siete andato a cercare tante coglionerie?”. Queste parole del cardinale Ippolito d’Este a Lodovico Ariosto, dopo che ebbe terminato la lettura dei primi canti del Furioso mi sono cresciute dentro negli anni. Sarà la coincidenza di vivere nella medesima città, di camminare e parlare per le stesse vie di quel Grande, sarà l’inevitabile sovrapporsi di un’immagine letteraria assoluta e perfetta, alla mia, così povera e provvisoria, di uomo sempre in bilico sull’orlo del vuoto per strappare il fiore della parola giusta; quelle parole così definitive e implacabili, invece, mi hanno persuaso e subito illuminato, forse addirittura aiutato a capire in me stesso una comune vicenda.

      Da Ferrara chi scrive, concependo questo atto come assoluto, fugge. Nessuno rimane. Bassani, Antonioni, Caretti vivono da sempre altrove. E quei fuggenti sembrano volerci dire che non si può vivere qui. La città ha una sua mitica presenza nella memoria turistica e storica di chi, interrogato a Parigi o Londra se sappia dove si trovi, subito risponde ai suggerimenti di prossimità a Venezia e a Firenze, rimemorando gli Estensi e la Borgia – m’è capitato a Parigi con Erté –. Due secondi dopo, però, capitolerà e correrà a nominare Ravenna, supplendo con i mosaici di quella all’aporia informativa. Eppure non v’è straniero di passaggio di ieri come di oggi che, camminando per piazza Ariostea o nei pressi della casa di Biagio Rossetti, non si stupisca di non esserci già stato, col rimorso d’una tardiva scoperta, mentre sfoglia l’orario ferroviario per il treno che lo porterà nelle più famose vicine città.

      Bassani non ha probabilmente colto che un lato intimistico e privato della sua atmosfera elevandola a poesia; forse solo i pittori metafisici, inseguendo la cruda ed elettrica luce di Cosmè Tura, rendono testimonianza assoluta di quell’immobile trasparenza di cristallo che garantisce a questa nave, che viaggia da mille anni nel Tempo, una rotta tranquilla verso un porto ignoto, lo stesso al quale sono diretti i versi di Lodovico Ariosto, che un giorno trovarono nella sordità del cardinale un aiuto a schivare destinazioni vicine e sicure. Perché la sordità e l’apatica indifferenza del cardinale Ippolito sono l’eterna difesa che a Ferrara connota la disperazione del tranquillo italiano medio, il quale non vuole essere scomodato; la vita a Ferrara svela la nuda trama di cui è intessuta. Liceo, Casa Cini o Fgci, lavoro, fidanzamento, acquisto della casa, matrimonio, figli, pensionamento e morte. Le “liete voglie sante” che la natura biologicamente dona alle stirpi umane. E che nessuno venga a svegliare i morti che vivono, i quali ogni domenica allieteranno il desco delle paste alla crema o al cioccolato. E le loro anime, arrese alle paste, contente.

      In questo modo nasce a Ferrara, la città emiliana così appartata dalle altre, così discreta e rassegnata, un paradigma di contrasto fra l’Essere e l’esserci, e la città acquista una prodigiosa modernità se aiuta a capire un problema molto più grande di quello del provincialismo. Roma, Milano, Firenze non hanno offerto tanta chiarezza: confondono i termini della condizione moderna – o postmoderna, come oggi si dice –, fanno ancora intravedere il Nulla che esse vivono e rivestono senza pietà, la fine dell’illusione che, almeno là, la vita viva. Ma se l’Essere là è avvilito e fugato, dove mai andremo a scoprirlo? Se davvero i grandi sono coloro che hanno musilianamente sostituito all’“Effetto della Grandezza la Grandezza dell’Effetto”, in quale silenzio andremo a cercare rifugio per la Parola?

      La disperata dolcezza del vivere nella buia notte di Recanati, ritornato da Roma nel 1823, era per Giacomo conferma di quel che aveva già compreso prima di uscirne. Qui i valori sono custoditi dall’incallita aridità del cardinale Ippolito, qui può nascere ancora un’appassionata difesa della fantasia e del sogno davanti a un attacco così grossolano. Una dichiarazione di fede può nascere solo davanti a una persecuzione autentica, di fronte a un abbassamento onestamente scoperto della tensione morale dell’esistenza. Ferrara è tutto questo, perciò l’amo e non l’abbandonerò mai.

      In nessuna città italiana dal nobile passato – e quale mai città d’Italia, non ha illustre passato? – è più evidente il contrasto fra l’antico e il moderno. Lo ripetiamo: Roma, Milano, Firenze confondono i termini del problema, ingannano su una possibile eternità della loro grandezza perché là si consumano i riti necessari alle Istituzioni deputate. Ma qui gli dèi sono fuggiti, rimangono solo le magnifiche pietre del Tre, del Quattro, del Cinquecento. Qui si vive coscienti, come Kavafis, che “la vita consumata in questo angolo discreto / la si è consumata in tutta la terra… e “non troverai altro luogo né altro mare / la città ti verrà dietro”. Ma è concesso di sognare, di continuare a combattere contro il mortificante realismo e la rassegnazione, e intanto strappare al mare qualche nuova provincia della fantasia, al riparo di nuove dighe metafisiche.

      Ecco perché Ferrara ha potuto legare se stessa al mito della metafisica di De Chirico, Carrà e Morandi, gli artisti della gran città che riscoprivano, alla luce del pensiero nicciano e schopenhaueriano, in Ferrara un simbolo inquietante dell’uomo moderno. Qui, compiute le due o tre cose che assicurano il vivere quotidiano, rimane sempre e comunque tanto tempo da riempire. Gli orologi delle stazioni di De Chirico scoraggiano l’attesa proprio come le parole del cardinale Ippolito d’Este annullano l’aspettativa e il sogno della gloria: paiono dire che non c’è nulla da attendere, che non verrà nessuno, che la Storia, l’Evento salvifico ed escatologico, la Rivoluzione, l’Imperatore, il Veltro, Dio insomma non passerà più di qui, se pure mai è passato una volta. Resta nei cortili di Ferrara il lugubre singhiozzare delle tortore, lo stesso che dovette udire dal suo albergo ferrarese, il giovane Zar Pietro, di passaggio dalla nostra città, in uno degli ultimi anni del Seicento, e che non poté o non volle denunciare la propria presenza, firmandosi solo “il Re del Nord”.

Altri articoli
Basilicata   Craco La “second life” del paese fantasma Cultura   RITRATTO D’ARTISTA Pamela Diamante Processo alla realtà post mediale Tra arte e scienza Cultura   Mark Bradford e Wade Guyton L’arte americana milionaria che spopola anche in Italia Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Bologna   Vuoi Essere FICO? A Bologna si può Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Viaggi   “Le mille e una Puglia” Viaggi   Capodanno in Salento Naonis Viaggi e Bridge propongono un primo “tour delle meraviglie” Viaggi   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte Libri   Il Gargano di Joseph Libri   La tragedia di Mattmark Un libro per non dimenticare Libri   Viaggio tra i giardini d’Italia Libri   Quando ad indagare sul “tempo” è la poesia Libri   Tra le tempeste della vita vince la forza di un cuore amorevole Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi