RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Bridge Italia - Bologna - Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista
Bologna
Verona
Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista
Già in età augustea la città era considerata seconda, nell’Impero, soltanto a Roma.
Da sempre centro di traffici è ancora oggi il centro europeo di importanti reti commerciali. Richiamo irresistibile per turisti e visitatori anche per eventi come il Vinitaly, la FieraCavalli e l’imponente stagione lirica e di spettacoli nell’immortale Arena
di Dario C. Nicoli
CONDIVIDI Facebook Twitter

Verona. Panoramica. Foto Thilo Weimar gentilmente concessa dall'Archivio Fotografico Provincia di Verona Turismo. www.tourism.verona.it

Pensi a Verona e ti appare Giulietta. Bella come Olivia Hussey nel film di Franco Zeffirelli del 1967, intensa come Rebecca Saire nella produzione della BBC diretta da Alvin Rakoff nel 1978. E accanto a lei Romeo nelle sembianze, rispettivamente, di Leonard Whiting o Patrick Ryecart.

È la Verona del Trecento, con le sue faide e i suoi duelli, quella che fa da sfondo al Romeo e Giulietta di William Shakespeare, una delle più struggenti storie d’amore di tutti i tempi nella quale si celebrano allo stesso tempo la dirompente potenza della vita e il trionfo della morte. Nelle sue piazze e nei vicoli stretti da imponenti palazzi, si sviluppa la storia tormentata di Romeo Montecchi e Giulietta Capuleti. Un amore contrastato dalle rispettive famiglie in lotta fra di loro e che si conclude con la morte di entrambi nella cripta dell’antico monastero di San Francesco al Corso.

Sono almeno ottocentomila i nuovi visitatori che ogni anno frequentano la città scaligera che Shakespeare celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista. Un microcosmo così coinvolgente da far dire al giovane Montecchi, bandito da Bartolomeo della Scala ed esiliato a Mantova, che Non esiste mondo fuor dalle mura di Verona: ma solo purgatorio, tortura, inferno…”. Cercano il balcone di Giulietta, seguendo un fil rouge, punteggiato di formelle evocative, che li guida alla scoperta della città lungo le tappe del dramma shakespeariano. Da via Cappello a Piazza delle Erbe e Piazza dei Signori, tradizionale centro commerciale cittadino, al cortile del Mercato Vecchio. Sede di uno dei luoghi del potere cittadino, chiuso tra edifici decorati in cotto e tufo, quasi interamente porticato e contraddistinto dalla maestosa scala detta “della Ragione”, questo cortile conserva ancora il fascino austero di quel periodo.

Punto di partenza della passeggiata è sempre, e comunque per tutti, Piazza Bra, lo slargo longobardo dominato dalla grande Arena, che col Teatro in riva all’Adige, testimonia quanto la città fosse importante già in età augustea. Tanto da essere considerata la seconda per dimensioni e fasto dell’Impero dopo Roma.

Da tempo immemorabile crocevia di traffici e di popolazioni (leggenda vuole che sia stata fondata da Brenno durante la calata degli Unni in Italia nel 300 a.C.), Verona è, ancor oggi l’epicentro di una delle più moderne reti commerciali europee. Rinomata la sua Fiera Internazionale, specializzata nei cavalli e il Vinitaly. Per non dire dell’offerta turistica che propone vacanze indimenticabili lungo le rive del Garda e suggestive passeggiate sulle colline ricoperte di ulivi e vigneti che producono vini di alta qualità. Basti pensare al Recioto e all’Amarone, che le sono invidiati in tutto il mondo. Non mancano, naturalmente, i piatti tipici della cucina veneta. Con particolare riguardo ai tortellini di Valeggio sul Mincio, che si esaltano se annaffiati col Bianco di Custoza, e agli gnocchi di patate. Al “papà” dei quali è dedicata, fin dal ’500, la principale maschera del Carnevale di San Zeno.

Attrazione irresistibile è il festival lirico areniano che dal 1913 offre annualmente grandiosi spettacoli all’aperto da giugno a settembre. Nel cartellone del grande anfiteatro, che può ospitare oltre diecimila spettatori, non mancano mai l’Aida, con la quale fu inaugurato per celebrare il centenario della nascita di Giuseppe Verdi, e la Carmen di Bizet, opere che, più di ogni altra, prendono respiro su un grande palcoscenico. Concerti classici e rock, spettacoli di danza e di balletto completano il programma che, nel tempo, ha portato all’Arena i più grandi protagonisti del panorama artistico mondiale. Da Maria Callas, che vi debuttò nel 1947, interpretando la Gioconda di Amilcare Ponchielli diretta da Tullio Serafin, ai Kiss, la rock band statunitense che ha scelto Verona per l’unica e pirotecnica esibizione italiana con la quale intende celebrare il suo 40° compleanno l’11 giugno prossimo.

Altri articoli
Cultura   Eugenio Barba Tra vita, pensiero e pratica teatrale Cultura   Mark Bradford e Wade Guyton L’arte americana milionaria che spopola anche in Italia Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Libri   Neanche l’amore trasforma la Borsa dei destini Libri   E il sogno di conquista si trasformò nel miraggio di un deserto Libri   Il Gargano di Joseph Libri   La tragedia di Mattmark Un libro per non dimenticare Libri   Viaggio tra i giardini d’Italia Libri   Quando ad indagare sul “tempo” è la poesia Libri   Tra le tempeste della vita vince la forza di un cuore amorevole Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi Basilicata   Craco La “second life” del paese fantasma Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Bologna   Vuoi Essere FICO? A Bologna si può Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Viaggi   “Le mille e una Puglia” Viaggi   Capodanno in Salento Naonis Viaggi e Bridge propongono un primo “tour delle meraviglie” Viaggi   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra