RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Bridge Italia - Bologna - Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia
Bologna
Parco del Delta del Po
Tra bellezze naturali e storia
Un paradiso di 70.000 ettari, tra Emilia Romagna e Veneto, che potrebbe diventare Riserva della Biosfera.
La sua parte più antica, dalle saline di Cervia al Po di Goro, è già parco naturale riconosciuto dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità
di Dario C. Nicoli
CONDIVIDI Facebook Twitter

Parco del Delta del Po. Valle con lavoriero. Foto gentilmente concessa dall' Archivio fotografico del Parco
del Delta del Po

Metti un gruppo di fenicotteri rosa che setacciano le acque basse della laguna, uno stormo di migratori che vola alto nel cielo, mentre un altro stormo si posa sull’acqua per prendere fiato e becchetta i pesci argentei che popolano una valle da pesca. Metti una passeggiata nel boscone della Mesola, orgoglio e vanto dei duchi d’Este, sotto lo sguardo incuriosito di un cervo, raro esemplare di specie antica sopravvissuta, nei secoli, soltanto qui. E ancora, tramonti mozzafiato sullo sfondo di canneti percorsi da un labirinto di minuscoli canali accessibili soltanto con piccole barche a fondo piatto. Anguille, branzini, orate, cozze, vongole, dune fossili, piante e fiori che non esistono altrove. Risaie che producono un Carnaroli particolare, recentemente premiato dall’Unione Europea con il marchio di origine protetta.

Immagini da paradiso terrestre quelle che accolgono i visitatori nel Delta del Po, un territorio di 70.000 ettari, che aspira a diventare Riserva della Biosfera, ma che, nella sua parte più antica, dalle saline di Cervia al Po di Goro, in Emilia Romagna, è già parco naturale riconosciuto dall’UNESCO come patrimonio dell’umanità. La porzione più moderna, dal Po di Goro all’Adige, appartiene, invece, al Veneto che lo tutela attraverso un piano d’area, perché presenta grandi distese coltivate accanto a biotopi che garantiscono la salvaguardia di 360 specie di uccelli nidificanti e migratori, 3 specie di rettili tra i quali una testuggine rarissima, due specie di anfibi e 10 di pesci. Per non parlare dei fiori e delle piante autoctone, protette nel Giardino Botanico di Rosolina Mare. Perla fra le perle l’isola vacanze di Albarella, fiorita a partire dagli anni Settanta lungo il litorale ai margini di una laguna e di una valle da pesca.

Il parco ha la sua culla nella notte dei tempi e ci parla di Spina, antica città portuale, scalo prediletto dei commercianti Greci e di Adria, la città etrusca dalla quale avrebbe preso nome il mare Adriatico. Ci parla delle guerre fra la Repubblica di Venezia e il Ducato di Ferrara, ma anche dell’amore che gli Estensi avevano per l’ambiente e delle grandi bonifiche compiute dai nobili veneziani per strappare al mare e alla palude i territori da coltivare. Luoghi di riferimento privilegiato i musei di Adria e di Spina, il castello della Mesola in provincia di Ferrara, costruito come “delizia” di campagna da Niccolò d’Este nel 1385 e il Museo della bonifica di Ca’ Vendramin, in provincia di Rovigo. Emblematica e paradossale, la presenza, alla foce del Po della Pila, di una centrale termoelettrica progettata dall’Enel negli anni Settanta e attiva fino a pochi anni fa, che ha deturpato la linea dell’orizzonte, innalzando un camino in cemento armato alto 250 metri; ma che, per salvaguardare se stessa, ha dovuto, involontariamente, strappare alle mareggiate e alle alluvioni l’intero territorio.

Chilometri di spiaggia sabbiosa, per gran parte al naturale, percorsi ciclabili lungo gli argini delle valli da pesca nelle quali brulicano orate e branzini, house boat, trekking, pesca con la lenza o col bilancione, birdwatching, fotografia, buona cucina. Un territorio umido che ha caratteristiche per alcuni versi simili e per altri unici rispetto ad altri Delta europei, un patrimonio che le Regioni Veneto ed Emilia Romagna, insieme, hanno condensato in un pacchetto di proposte turistiche da presentare all’Expo 2015 dal 1° maggio al 31 ottobre. Sia nella sede milanese, sia nella sede Aquae Venezia, aperta in parallelo nello stesso periodo di tempo. Perché sono tante le motivazioni che ogni anno spingono oltre 100.000 nuovi visitatori a innamorarsi del Delta del Po. Non ultima, la breve distanza che lo separa da Ravenna, Ferrara, Bologna, Venezia, Padova e Verona, città d’arte ricche di storia, ben servite da strade, autostrade ferrovia e aeroporti. Come soprammercato, per questa occasione straordinaria, Ferrara, la città della bicicletta, patrimonio dell’umanità, offre una mostra di Giovanni Boldini e Filippo De Pisis, protagonisti della scena artistica internazionale fra Ottocento e Novecento, che ospita nelle preziose sale del Castello Estense, mentre Rovigo propone a Palazzo Roverella, dal 14 febbraio, “Il demone della modernità. Pittori visionari nel secolo breve”.

Altri articoli
Cultura   Eugenio Barba Tra vita, pensiero e pratica teatrale Cultura   Mark Bradford e Wade Guyton L’arte americana milionaria che spopola anche in Italia Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Libri   Neanche l’amore trasforma la Borsa dei destini Libri   E il sogno di conquista si trasformò nel miraggio di un deserto Libri   Il Gargano di Joseph Libri   La tragedia di Mattmark Un libro per non dimenticare Libri   Viaggio tra i giardini d’Italia Libri   Quando ad indagare sul “tempo” è la poesia Libri   Tra le tempeste della vita vince la forza di un cuore amorevole Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi Basilicata   Craco La “second life” del paese fantasma Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Bologna   Vuoi Essere FICO? A Bologna si può Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Viaggi   “Le mille e una Puglia” Viaggi   Capodanno in Salento Naonis Viaggi e Bridge propongono un primo “tour delle meraviglie” Viaggi   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra