RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Bridge Italia - Bologna - Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni
Bologna
Museo Egizio di Torino
Il fascino immortale dei Faraoni
Con i suoi oltre trentamila reperti, con pezzi di inestimabile valore, è considerato il museo di civiltà egizia più importante del mondo.
Grazie anche a una ristrutturazione radicale degli spazi e alla mostra “Immortali”, già in corso, sarà tra le grandi attrazioni dell’Expo 2015
di Mario T. Barbero
CONDIVIDI Facebook Twitter

Pendua e Nefertari, statua in calcare del XIII secolo a.C., simbolo della mostra “Immortali”. Foto gentilmente concessa dal Museo delle Antichità Egizie di Torino

Il Museo Egizio di Torino è il secondo al mondo dopo quello de Il Cairo, ma è considerato il primo per l’importanza e l’unicità dei reperti. Fin dalla sua costituzione, molti studiosi di fama internazionale si dedicarono allo studio delle sue collezioni, primo fra tutti il decifratore di geroglifici egizi Jean-Francois Champollion che, giunto a Torino nel 1824, ha così scritto: “La strada per Menfi e Tebe passa da Torino”.

Fu fondato nel 1824 con il nome di Regio Museo delle Antichità Egizie da re Carlo Felice, con l’acquisto dell’imponente raccolta di Bernardino Drovetti, nominato Console di Francia in Egitto da Napoleone Bonaparte. Grazie alla sua amicizia con Mohamed Ali, viceré d’Egitto, Drovetti riuscì a trasportare in Europa 5.268 reperti, composti da 100 statue, 170 papiri, stele, sarcofagi, mummie, bronzi, amuleti e oggetti della vita quotidiana, attualmente accolti nella sede del Palazzo dell’Accademia, progettato nel XVII secolo dall’architetto Guarino Guarini. La collezione torinese esponeva inizialmente oggetti raccolti nella zona tebana, successivamente, tra il 1913 e il 1920, Ernesto Schiapparelli la ha arricchita con reperti estratti dagli scavi di Qau el Kebir e Gebelein e in seguito la Missione Archeologica Italiana, nel 1935, ha ampliato la raccolta a Eliopoli, Giza, Deir-el-Medina, Hammamija, la Valle delle Regine a Tebe e Asiut.

Una delle ultime acquisizioni importanti è il Tempietto di Ellesija, donato all’Italia dalla Repubblica araba d’Egitto nel 1970 per il significativo supporto tecnico e scientifico fornito durante la campagna di salvataggio dei monumenti nubiani minacciati dalla costruzione della grande diga di Assuan. Attualmente conta più di trentamila pezzi che danno una grande veduta sull’arte, la storia e gli aspetti più diversi della civiltà egiziana dopo il periodo paleolitico. Nello statuario sono raccolti i monumenti più grandi del Museo, la maggior parte proveniente dal Tempio di Ammone a Tebe, fra cui sarcofagi di pietra, due grandi sfingi di Amenhotep III, leoni con testa umana che stanno a simboleggiare la divinità solare del re e le grandi statue dei re d’Egitto, fra cui primeggia quella di Ramesse II, il famoso re della XIX dinastia, considerata “capolavoro dell’arte egiziana”. Fra gli altri, citiamo quello della regina Nefertari, della cui tomba tebana il museo espone alcuni reperti, il colosso di Sethi II che reca sul capo una elaborata corona, la statua di Anen, astronomo tebano del 1400 a.C., oltre a quelle di sovrani dell’età tolemaica. Di notevole interesse la statua di Thutmose III e il gruppo di Ammone, con la figura di un giovane re identificabile con Tutankhamon, e il sarcofago di Gemenfharbak della XXVI dinastia. Nelle sale del museo poste ai piani superiori del palazzo vi sono fra gli altri Il Libro dei Morti (il nome del defunto era scritto su un papiro e rappresentava la sua entrata nel regno dei morti), la tomba della regina Nefertari, la tomba di Kha, una collezione rara di papiri, una mano di mummia con un anello su cui è fissato uno scarabeo di pietra, animale considerato sacro al sole. Fra gli dèi più venerati d’Egitto vi è la testimonianza di Anubi, il dio dei morti, a forma di sciacallo, il dio Seth, a forma di asino, un tabernacolo di legno di Kasa, uno dei più antichi e pregiati oggetti di culto. Da alcuni anni si stanno compiendo lavori di ristrutturazione per rendere meglio accessibile al pubblico un patrimonio non solo torinese ma dell’intera umanità.

Il 1° agosto 2013, con la mostra dal titolo “Immortali” si è dato il via alla fase finale di una imponente fase di rimodernamento, utilizzando anche i locali della Galleria Sabauda. Ciò è avvenuto con l’inaugurazione dei nuovi ambienti ipogei posti al piano sotterraneo del seicentesco palazzo del Collegio dei Nobili. Tale lavoro di radicale ristrutturazione porterà nel 2015 a uno spazio espositivo interamente rinnovato e finalizzato alla piena valorizzazione del patrimonio museale. In futuro il Piano Ipogeo avrà una diversa destinazione, mentre il percorso museale definitivo inizierà risalendo al secondo piano attraverso un sistema di scale mobili collocate in un ideale e suggestivo percorso “di risalita del Nilo”: una emozionante passeggiata di tre piani attraverso l’affascinante mistero delle antichità egizie.

La mostra temporanea “Immortali, l’Arte e i Saperi degli antichi egizi”, che sarà la grande attrazione dell’Expo 2015, è un percorso moderno ed essenziale pensato per valorizzare un migliaio di reperti tra i più rappresentativi della collezione museale. Un cammino informale che offre al visitatore un suggestivo quanto originale approccio diretto, offrendogli la possibilità di vedere ogni reperto nelle sue tre dimensioni. Il senso della mostra è il culto dell’aldilà che rappresenta uno degli aspetti più affascinanti della cultura egizia: la tensione verso la vita oltre la vita era affidata alla benevolenza delle divinità, ma paradossalmente è stato il lavoro degli uomini a rendere eterna questa civiltà.

Altri articoli
Cultura   Eugenio Barba Tra vita, pensiero e pratica teatrale Cultura   Mark Bradford e Wade Guyton L’arte americana milionaria che spopola anche in Italia Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Libri   Neanche l’amore trasforma la Borsa dei destini Libri   E il sogno di conquista si trasformò nel miraggio di un deserto Libri   Il Gargano di Joseph Libri   La tragedia di Mattmark Un libro per non dimenticare Libri   Viaggio tra i giardini d’Italia Libri   Quando ad indagare sul “tempo” è la poesia Libri   Tra le tempeste della vita vince la forza di un cuore amorevole Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi Basilicata   Craco La “second life” del paese fantasma Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Bologna   Vuoi Essere FICO? A Bologna si può Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Viaggi   “Le mille e una Puglia” Viaggi   Capodanno in Salento Naonis Viaggi e Bridge propongono un primo “tour delle meraviglie” Viaggi   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra