RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Bridge Italia - Bologna - “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze
Bologna
“American Dreamers”
Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze
Incubi, inquietudini e fantasie nostalgiche: c’è più fuga dalla realtà che non progetto di benessere e libertà nell’arte under 40 del difficile decennio post 11 settembre di Pietro Marino
CONDIVIDI Facebook Twitter

Thomas Doyle. Acceptable. 2008. Dettaglio

      “American Dreamers” è il titolo di una collettiva che presenta a Firenze (fino al 15 luglio 2012) 11 artisti di recente generazione (fra i 30 e i 40 anni) nella Strozzina. Si chiama così lo spazio per l’arte contemporanea aperto nei sotterranei del prestigioso Palazzo Strozzi, dove è in corso la mostra “Americani a Firenze” sugli artisti che da oltre Oceano calarono in Toscana tra la seconda metà dell’Ottocento e i primi del Novecento inseguendo il sogno italiano di bellezza dell’arte e della natura. Ma l’American Dream degli artisti di oggi non è quello che ha ispirato e motivato la crescita degli Stati Uniti sin dalla loro fondazione, il progetto collettivo di una società proiettata verso un futuro di progresso, di benessere e di libertà, forte del suo “diritto alla felicità”. È proprio il sogno come evasione dalla realtà, proiezione onirica di desideri e di paure individuali, o metafora del ripiegamento su pratiche di vita smarrite, come la vita a contatto della natura, i lavori domestici e della mano femminile, i piaceri ingenui dei sensi… In generale, una “tendenza al ritiro verso il privato o alla reinvenzione del rapporto tra individuo e comunità”, osserva Franziska Neri, curatrice della mostra e direttrice del Centro “La Strozzina”.

      Così, fantasie vaganti e contrastanti compongono il variegato percorso della rassegna fiorentina. Thomas Doyle mette graziosi modellini delle tipiche villette unifamiliari d’America dentro sfere trasparenti come bolle di sapone. Ma le case sporgono sull’orlo di un precipizio o sono sospese su profonde voragini. Villette simili sono dipinte dentro limpidi paesaggi di rassicurante serenità rurale da Adam Cvijanovic; ma sono pannelli di tessuto leggero, smontabili e trasportabili come scenari della finzione per teatri poveri. Patrick Jacobs fa spiare da piccoli oblò incantevoli paesaggi in miniatura tridimensionale con fiori, funghi e praterie: sembrano a portata di mano, ma sono inaccessibili. Christy Rupp presenta scheletri di grandi uccelli preistorici estinti, ma sono fatti con ossi e cartilagini di polli e tacchini recuperati dagli scarti di fast food e barbecue.

      A simili incubi o inquietudini si contrappone la fantasia nostalgica di Will Cotton, che dipinge eroine del pop come modelle nude distese su nuvole di bambagia rosa come nei frivoli quadri rococò di Fragonard, e paesaggi fatti di zucchero filato, confetti e caramelle. Fluttuano invece nell’aria notturna e nell’acqua come fantasmi in veli della seduzione le belle donne fotografate in c-print da Adrien Boom. Con carte pergamene trasparenti dai mille colori Kirsten Hasserfeld costruisce lampadari stellari, diamanti luminosi, addobbi che sanno di Natale e di Mille e una Notte. Foreste incantate con esuberanze di vegetazione tropicale e favolistica, “regni celesti” con soli, lune e stelle sono evocati da Mandy Greer intrecciando cascami di fibre colorate, lane all’uncinetto, bottoni e perline.

      Il più visionario di tutti è Nick Cave, protagonista da Chicago del Fashion Design. A Firenze è esposta una serie spettacolare dei suoi Soundsuits (Abiti Sonori): manichini di personaggi con strumenti musicali, interamente ricoperti da “costumi” fatti con i materiali più disparati, pellicce sintetiche, coperte patchwork, capelli, tappi di bottiglie e quant’altro. Diventano così fantasmi colorati e grotteschi, con memoria di Carnevali sudamericani o di New Orleans. Al capo opposto, i quadri a tinte nette e contorni grafici in stilizzato post-pop e le fredde sagome ritagliate di Richard Deon. Ha inventato un personaggio solitario, “il Soggetto” (“The Subject”), di solito perdente, evocato in situazioni surreali di abbandono o di deserto urbano.

      Non è facile stabilire quale peso hanno, nel loro complesso, queste diverse esperienze nel contrastato panorama dell’arte contemporanea americana. Certamente sono un sintomo di disagio. Una “via di fuga dal caos e dall’indifferenza che vedono nel mondo circostante”, sostiene Barthomew F. Bland. E questo, in un tempo preciso degli States, “l’età dell’incertezza” che sembra essersi aperta dopo due crolli, quelli del Muro di Berlino e delle Twin Towers. Ma c’è un rimedio, una risposta? In catalogo è riportato un articolo apparso su The Nation il 10 ottobre 2011, che riferiva della nascita a Washington di un American Dream Movement al grido, appunto, “Take Back the American Dream”. È seguito, subito dopo, il movimento “Occupy Wall Street”, nello Zuccotti Park di New York. Ma quali chances ha questa sfida di cittadini che vogliono “riprendersi il sogno americano”, di affermarsi nel contrastato tempo di Barack Obama alla Casa Bianca? Se lo chiedono in chiusura di catalogo (in italiano e in inglese) Robert Borosage e Katrina Vanden Heuvel. Ma all’arte, si sa, non compete dare risposte ma fare domande. E sognare, talvolta.

Altri articoli
Cultura   Eugenio Barba Tra vita, pensiero e pratica teatrale Cultura   Mark Bradford e Wade Guyton L’arte americana milionaria che spopola anche in Italia Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Libri   Neanche l’amore trasforma la Borsa dei destini Libri   E il sogno di conquista si trasformò nel miraggio di un deserto Libri   Il Gargano di Joseph Libri   La tragedia di Mattmark Un libro per non dimenticare Libri   Viaggio tra i giardini d’Italia Libri   Quando ad indagare sul “tempo” è la poesia Libri   Tra le tempeste della vita vince la forza di un cuore amorevole Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi Basilicata   Craco La “second life” del paese fantasma Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Bologna   Vuoi Essere FICO? A Bologna si può Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Viaggi   “Le mille e una Puglia” Viaggi   Capodanno in Salento Naonis Viaggi e Bridge propongono un primo “tour delle meraviglie” Viaggi   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra