RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Bridge Italia - Bologna - “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara
Bologna
“Ciak, si gira”
Tra i mille set di Ferrara
Un percorso tra i luoghi che hanno fatto da set ad una lunga serie di film girati dai primi del 900 ad oggi. È la proposta dell’associazione culturale FILMa pART.
Da La lunga notte del ‘43 di Vancini, con Enrico Maria Salerno, a Il giardino dei Finzi Contini di De Sica, da Gli occhiali d’oro di Montaldo a Il mestiere delle armi di Olmi. Tanti celebri film e un unico set: Ferrara
di Dario C. Nicoli
CONDIVIDI Facebook Twitter

Dominique Sanda e Lino Capolicchio ne Il giardino dei Finzi Contini (1970) di Vittorio De Sica, tratto dall'omonimo romanzo (1962) di Giorgio Bassani, ambientato negli anni tra il 1938 e il '43 e girato a Ferrara

      La cinepresa spazia a semicerchio sulle cupole di una città surreale immersa nella nebbia e si posa su una finestra. Ferrara, novembre 1943: il paese è allo sbando, da poco è nata la Repubblica di Salò. Dietro i vetri che si affacciano sul castello, un giovanissimo Enrico Maria Salerno nei panni del farmacista Pino Barilari prende in giro i passanti, ribelle alla malattia venerea che lo corrode e lo immobilizza su una sedia a rotelle. È il personaggio centrale del film girato nel 1960 da Florestano Vancini, La lunga notte del ’43, che racconta l’eccidio di un gruppo di partigiani per mano fascista. Barilari, unico testimone di questo delitto, morirà senza rivelare il nome degli assassini per vendetta nei confronti della bellissima moglie che lo tradiva.

      Ferrara visitata attraverso l’occhio della cinepresa. Un modo originale di guardare una città che vanta origini risalenti al longobardo Astolfo, che è stata la prima signoria nel 1208, con Azzo VI d’Este, e la città più moderna d’Europa nel Rinascimento, proposto da Massimiliano Gaudiosi e Mariasole Mautone dell’Associazione culturale FILMa pART. Il percorso di visitazione tocca i luoghi più cari ai registi italiani e stranieri. La città del Savonarola, di Balbo e di Giorgio Bassani rivisitata attraverso l’occhio della cinepresa. Perché Ferrara, come set cinematografico, affonda le sue radici nel 1909, quando fu girato il melologo Parisina, su soggetto del ferrarese Domenico Tumiati. Alla prima del film, proiettato nel cortile del castello, era ospite, tra gli altri, Gabriele D’Annunzio. Da allora i riflettori si sono accesi una o più volte l’anno in una città che si appalesa come set sempre aperto e ospitale. E quando la città non basta è sufficiente andare verso il Delta del Po, dove di tanto in tanto si incontrano le meravigliose “Delizie”, le dimore di campagna degli Estensi e un ambiente acquatico che evoca storie antiche e offre paesaggi di struggente bellezza.

      Nel 1912 si gira Sotto a chi tocca nelle vie della città medievale e il successo di questa comica fu tale che durante i 15 giorni di proiezione il pubblico doveva essere regolamentato dai vigili urbani. Nel 1913 Roberto Danesi realizza Torquato Tasso riempiendo il castello di armigeri. Poi film minori, fino al 1942, quando Luchino Visconti gira Ossessione piazzando le sue cineprese in Piazza della Repubblica, davanti al Castello Estense, in via Saraceno e alla Stazione ferroviaria. La lunga notte del ’43, del 1960, viene girata da Florestano Vancini in alcune vie della città ma anche in uno studio nel quale il castello è riprodotto con assoluta fedeltà. Nel 1963 Antonio Pietrangeli realizza Pina con Sandra Milo e nel ’70 è la volta di De Sica che, ispirandosi all’omonimo libro di Bassani, gira Il giardino dei Finzi Contini, collocandolo lungo via Ercole I d’Este, nel luogo in cui lo scrittore lo aveva immaginato. Vancini gira nel 1974 Amore amaro ambientando il racconto di Carlo Bernari anziché a Roma, come sarebbe stato più corretto, nella città in cui il regista aveva trascorso la sua fanciullezza. Piazza Ariostea compare nel film di Giuliano Montaldo del 1987, Gli occhiali d’oro, tratto ancora da un romanzo di Bassani, nel quale un eccezionale Philippe Noiret veste i panni di un maturo omosessuale ai tempi del regime. Anche il Barone di Munchausen di Terry Gilliam (1989) vede in uno dei suoi viaggi il castello di Ferrara, città nella quale un Michelangelo Antonioni gravemente malato gira Al di là delle Nuvole nel 1995. Tra gli altri titoli sono da ricordare Ravanello Pallido di Gianni Costantino del 2001, Il Mestiere delle armi di Ermanno Olmi del 2002, Ciao America di Frank Ciota ( 2002), La vita come viene di Stefano Incerti del 2003, E ridendo l’uccise di Vancini (2004). Tanti e recenti i film per la Tv.

      La visita turistica mette in mostra le sue pietre preziose: il duomo consacrato nel 1135, il castello quattrocentesco, Palazzo Schifanoia, la Palazzina di Marfisa d’Este, il Palazzo dei Diamanti, un edificio cinquecentesco decorato da 12.600 blocchi di marmo appuntiti, opera di Biagio Rossetti, come le possenti mura che cingono la città per quasi 9 chilometri . Edifici che parlano di intrighi, di guerre e di armi ma anche di cultura, musica e arte. Alla corte degli Estensi hanno trovato accoglienza i Pisanello, i Veronese, il Tasso e l’Ariosto. Tanti sarebbero i nomi del passato da ricordare, ma tanti sono anche gli artisti che hanno arricchito la città facendola conoscere al mondo attraverso le nuove arti. Un nome per tutti, il direttore d’orchestra Claudio Abbado.
 

Altri articoli
Cultura   Eugenio Barba Tra vita, pensiero e pratica teatrale Cultura   Mark Bradford e Wade Guyton L’arte americana milionaria che spopola anche in Italia Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Libri   Neanche l’amore trasforma la Borsa dei destini Libri   E il sogno di conquista si trasformò nel miraggio di un deserto Libri   Il Gargano di Joseph Libri   La tragedia di Mattmark Un libro per non dimenticare Libri   Viaggio tra i giardini d’Italia Libri   Quando ad indagare sul “tempo” è la poesia Libri   Tra le tempeste della vita vince la forza di un cuore amorevole Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi Basilicata   Craco La “second life” del paese fantasma Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Bologna   Vuoi Essere FICO? A Bologna si può Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Viaggi   “Le mille e una Puglia” Viaggi   Capodanno in Salento Naonis Viaggi e Bridge propongono un primo “tour delle meraviglie” Viaggi   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra