RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- OTTOBRE 2017 -
HOME - Bridge Italia - Basilicata - RITRATTO D’ARTISTA Pamela Diamante Processo alla realtà post mediale Tra arte e scienza
Basilicata
RITRATTO D’ARTISTA
Pamela Diamante
Processo alla realtà post mediale
Tra arte e scienza
Esperienze nell’Esercito, seguite da una laurea presso l’Accademia delle Belle Arti di Bari sono il singolare background di questa giovane artista, originaria di Molfetta.
Ricerca e talento per creare video, installazioni e foto che pongono interrogativi sui drammi dell’umanità, sul nostro modo di recepirli e sulla manipolazione delle informazioni
di Antonella Marino
CONDIVIDI Facebook Twitter

Senza titolo, dittico fotografico, carta Baryta, 2016, dettaglio dittico

Uno sparo sul vetro. I segni evidenti di un proiettile che s’infrange sulla vetrata d’ingresso. Un tentativo di furto? Un attentato? Inevitabile l’impressione di allarme trasmessa ai visitatori della prima personale che Pamela Diamante ha tenuto alla galleria Rossmut di Roma lo scorso anno. Trentadue anni, molfettese, senza dubbio tra le personalità più interessanti del panorama artistico pugliese di ultima generazione, Pamela gioca spesso ad amplificare il nostro senso di allerta. A rimarcare cioè quello stato di crisi permanente con cui disastri di ogni tipo, dal terrorismo alle emergenze climatiche, ci hanno costretto a convivere oggi più di ieri, complice il martellante bombardamento mediatico.

Fa la differenza però sapere che in questo caso era stata lei stessa a sparare: con la precisione fredda di chi, nella sua vita precedente, è stata per 5 anni nell’Esercito col ruolo di caporal maggiore, specializzandosi come tiratore scelto ed arruolandosi anche nella Folgore, prima donna paracadutista in Italia.

Una storia intrigante e molto atipica la sua. Segnata da un talento artistico coltivato in solitario durante il periodo trascorso nell’Arma, quando trasferte o missioni umanitarie in luoghi caldi della scena geo-politica divenivano anche occasione per studiare. E poi dalla decisione di seguire totalmente la sua vocazione, di iscriversi e laurearsi all’Accademia di Belle Arti di Bari. Da quel momento il percorso di Pamela Diamante si è sviluppato tra rapide conferme nel circuito dell’arte anche internazionale. Dopo un’esperienza come assistente curatoriale in prestigiose rassegne organizzate da Giacomo Zaza e Michela Casavola nel Torrione Passari di Molfetta e al Padiglione cubano della Biennale di Venezia 2015, Pamela è stata notata da critici e galleristi. Oltre che a Roma, ha tenuto personali a Milano (The Open box) e a Cuba (quale vincitrice del Premio Maretti). E il suo parterre di impegni nell’ultimo periodo si sta affastellando: intervento ad un seminario sull’errore nel Teatrino di Palazzo Grassi a Venezia a fine settembre; una residenza a Teheran nel mese di novembre; una collettiva ancora in Iran in primavera…

Merito di una ricerca originale, condotta con piglio da ricercatrice, tra attenta documentazione scientifica e cosmologica, consultazione di archivi come quello della Nasa o del CRED (Centro di ricerca sull’epidemiologia dei disastri), immagini su You Tube e altri materiali trovati in rete. Un lavoro che attraverso video, installazioni, foto, s’interroga (e ci interroga) su questioni complesse della realtà post mediale.

In particolare la riflessione di Pamela si concentra da un lato sugli scambi reciproci tra arte e scienza. Uno delle sue prime opere ad esempio, “I Doser” del 2014, visualizzava sulla superficie dell’acqua le interazioni tra cervello umano e onde sonore. Mentre in una audio-installazione del 2016 era possibile ascoltare la traduzione in suono di tsunami spaziali. Dall’altro indaga sui meccanismi dei dispositivi mediologici, sulle strategie di trasmissione e manipolazione delle informazioni e le modalità con cui noi le recepiamo. Con particolare riguardo ad eventi accidentali come catastrofi ambientali, tecnologiche, ed emergenze umanitarie. Esemplare è il video “Da Atlantide a Kiribati”, in cui con taglio professionale Pamela simula un servizio del tg che annuncia come vera la scomparsa di un piccolo arcipelago dell’Oceania, Kiribati, minacciato dai cambiamenti di clima. Così pure “Senza titolo” del 2017, in cui attribuisce le immagini di un’alluvione avvenuta in Pakistan nel 2010 ad una più recente inondazione: prassi peraltro abituale in epoca di dilagante post-verità.

Carattere di “Comunicazione istituzionale”, dunque veritiera, ha anche la video-notizia della colonizzazione di Marte, quale soluzione definitiva per la collocazione dei migranti… Altrove, come in “2015” e “2016”, l’accadimento straordinario serve invece da paradossale principio ordinatore che interrompe la linearità dello scorrere del tempo: un intero anno è condensato sullo schermo in meno di due ore e l’accelerazione costante dei giorni viene frenata solo dall’ irrompere intermittente dei disastri accaduti nello stesso arco temporale.

Nella serie dei “Black mirror”, l’ultimo dei quali sarà esposto per la prima volta alla prossima fiera di Verona, i dispositivi si fanno infine più essenziali, il discorso di Pamela Diamante assume un più marcata valenza concettuale. Lo schermo, esibito nella sua scura nudità privo di immagini, porta infatti alle estreme conseguenze la sua funzione simulacrale di filtro ormai privilegiato con il mondo: esibendosi letteralmente come specchio, che riflette ciascuno di noi e l’ambiente intorno.

Altri articoli
Basilicata   Craco La “second life” del paese fantasma Cultura   Mark Bradford e Wade Guyton L’arte americana milionaria che spopola anche in Italia Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Bologna   Vuoi Essere FICO? A Bologna si può Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Viaggi   “Le mille e una Puglia” Viaggi   Capodanno in Salento Naonis Viaggi e Bridge propongono un primo “tour delle meraviglie” Viaggi   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte Libri   Il Gargano di Joseph Libri   La tragedia di Mattmark Un libro per non dimenticare Libri   Viaggio tra i giardini d’Italia Libri   Quando ad indagare sul “tempo” è la poesia Libri   Tra le tempeste della vita vince la forza di un cuore amorevole Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi