RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Bridge Italia - Basilicata - Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore
Basilicata
Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Nell’ultimo romanzo di Raffaele Nigro, Il custode del museo delle cere (Rizzoli), un sontuoso caleidoscopio di storie dentro altre storie.
Statue parlanti che raccontano cent’anni di storia. Il sogno del Socialismo e la morte dell’utopia. Ma forse si può ancora sperare
di Giuseppe Lupo
CONDIVIDI Facebook Twitter

In uno dei capitoli di Verifica dei poteri (1965) Franco Fortini scrive: “Il socialismo è stato una favola, sognata per un secolo”. Questa frase, per quanto lontana un cinquantennio dai nostri giorni, si sposa benissimo con Il custode del museo delle cere (Rizzoli, pp. 281, euro 19), la recente opera narrativa con cui Raffaele Nigro prova a rievocare, almeno in termini di simboli e di allegorie, i riverberi mai spenti di un credo politico predicato ai deboli e agli indifesi. L’idea centrale del libro, ciò che sostiene l’impalcatura del racconto e permette al lettore di attraversare le pagine da cima a fondo, consiste proprio nel rapporto di osmosi tra la Storia (quella con la S maiuscola) e i singoli accadimenti che riguardano il destino degli individui, le loro speranze non sempre realizzate, le poche certezze di resistere all’usura del tempo. Ma procediamo con ordine. Incominciamo dalla fine, cioè dalle parole con cui Raffaele Nigro si congeda dai lettori, domandandosi con una buona dose d’ironia (e forse anche con un po’ di polemica) sull’“opportunità” e sull’“inutilità di una siffatta narrativa”. Togliamo subito ogni dubbio: Il custode del museo delle cere è un’opera tanto opportuna quanto utile, è – come già Viaggio a Salamanca (2001), di cui ricorda in un certo modo lo schema narrativo – un sontuoso, ricco, suggestivo caleidoscopio di storie dentro altre storie. La sua forma, infatti, richiama quel tipico raccontare arabo-mediterraneo che ha per compagni di strada Boccaccio o Basile: un nonno invita suo nipote a visitare un museo delle cere, nella città di Bari, dove per miracolo le statue si svegliano dal silenzio e dall’immobilità per elargire un pezzo della loro vita, per specchiare nel gran mare della macrostoria il frammento del proprio tempo vissuto. Si tratta di racconti in cornice, dunque, o di romanzo polifonico. Noi che leggiamo gli strani dialoghi che il nonno si procura con le statue attraversiamo numerose geografie: le epoche dei Goti e dei Bizantini, l’Italia di Federico II, la Sicilia appena prima della battaglia di Lepanto, le gesta brigantesche che hanno infiammato l’appennino meridionale dopo il 1861, l’Albania transitata dall’Impero ottomano nell’orbita stalinista. Valichiamo civiltà e linguaggi diversi fra loro, ma tenuti ben saldi da una sostanziale sfiducia nei confronti di qualsiasi ufficialità; restiamo in bilico fra i tormenti di un passato mai troppo sedimentato e il vento di un futuro che ha fiutato il volto delle chimere. Siamo trascinati da Nigro a riflettere su uno dei motivi più profondi, da cui si origina un sostanziale sospetto non tanto nei confronti della Storia, quanto nella maniera in cui viene raccontata. E ci viene in soccorso il magnifico dialogo tra Borjes (il militare spagnolo inviato in soccorso dei briganti nel Meridione post-unitario) e Crocco (il capo dei briganti). L’uno che crede nella testimonianza scritta e grida: “Le carte sono la storia. Se distruggete la storia distruggete la memoria”; l’altro invece che riconosce il primato della vita sul racconto della storia: “E che conta, egregio signor Borjes: la storia che scriveranno domani o quella che stiamo vivendo oggi?”. Allora – ci chiediamo – un libro che coinvolge simili questioni può essere inutile? Perché dubitare di siffatta narrativa? La risposta sta nelle parole del nonno, quando rivela al nipote che gli scrittori di oggi “si vestono da detective e cercano assassini. Si occupano di amori e fastidi dei politici e della gente del cinema, oppure aspirano a uscire in tivù, indagando su codici misteriosi, sul Graal e su scabrosi omicidi per far svagare i lettori preoccupati dai guai della vita”. Nigro parla usando la bocca delle sue creature, in questo caso un anziano intellettuale mai troppo restio ad ascoltare le sirene di quell’antico progetto di mondo egualitario, il Socialismo appunto, non realizzato se non nelle sue forme degeneri (la dittatura di Enver Hoxha, per esempio), eppure lungamente invocato all’alba del Novecento quale definitivo antidoto ai veleni della Storia. Sarà anche vero che in questo libro-museo non ci sono commissari in azione, né metronotte che vegliano sulle sorti di chi dorme, ma Nigro non teme di inscenare, attraverso i suoi fantasmi di cera e di carne, il più grave degli omicidi: la fine dell’utopia come morte della speranza di un mondo nuovo. È qui, infatti, che conduce la passeggiata di nonno e nipote, due generazioni poste di fronte agli ultimi cento anni, nati all’insegna del Sole dell’Avvenire e purtroppo dipinti come un “secolo malato”. Ciò non vuol dire che i sogni siano stati cancellati dalla faccia della terra. Semmai sono stati banditi dalle mode di una letteratura che va troppo spesso a caccia di colpevoli, quando invece dovrebbe coltivare l’azzardo della memoria quale grammatica dell’identità, partecipare in prima linea al funerale di Raffaele Crovi (uno degli episodi più struggenti del romanzo, probabilmente un settore in cui Nigro va alle radici della sua stessa narrativa), sentendosi interprete ed erede di una vicenda che, da Vittorini a Pasolini, da Carlo Levi a Sciascia, da Scotellaro a Dolci, fa di ciascuna pagina scritta un tribunale della coscienza, un testamento, un vangelo.

Altri articoli
Basilicata   Craco La “second life” del paese fantasma Cultura   Mark Bradford e Wade Guyton L’arte americana milionaria che spopola anche in Italia Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Libri   Neanche l’amore trasforma la Borsa dei destini Libri   E il sogno di conquista si trasformò nel miraggio di un deserto Libri   Il Gargano di Joseph Libri   La tragedia di Mattmark Un libro per non dimenticare Libri   Viaggio tra i giardini d’Italia Libri   Quando ad indagare sul “tempo” è la poesia Libri   Tra le tempeste della vita vince la forza di un cuore amorevole Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Viaggi   “Le mille e una Puglia” Viaggi   Capodanno in Salento Naonis Viaggi e Bridge propongono un primo “tour delle meraviglie” Viaggi   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte Bologna   Vuoi Essere FICO? A Bologna si può Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera