RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Bridge Italia - Basilicata - Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Basilicata
Il progetto Fulbright?
Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Parla il Console James Rodriguez, responsabile dell’Ufficio Public Affairs del Consolato Generale degli Stati Uniti a Napoli, intervenuto all’American Day del Liceo Scientifico De Giorgi di Lecce di Flavia Pankiewicz
CONDIVIDI Facebook Twitter

Il Console James Rodriguez

Un American Day, una giornata interamente dedicata alla cultura americana e agli scambi culturali con l’Italia è stata organizzata con successo, all’inizio di quest’anno, dal Liceo Scientifico Cosimo De Giorgi di Lecce. Da numerose città italiane (Firenze, Roma, Cosenza, Gubbio, Napoli) e persino dalla Norvegia sono intervenuti gli “ETAs”, gli “English Teaching Assistants” vincitori delle borse di studio “Fulbright”, che stanno trascorrendo un anno in Italia.

C’erano: Lindsay Paiva, Andrea Leone, Elyse McLaughlin, Tiffanie Bui, Nicholas Crown, David D’Antonio e Mattea Cumoletti, che sta operando come English Teaching Assistant presso il Liceo De Giorgi di Lecce.

I loro sintetici ma brillantissimi interventi hanno trattato i temi più diversi: dal luogo da cui provengono alla storia del jazz, dalla squadra preferita di football americano a problematiche didattiche.

All’incontro, oltre al Dirigente Scolastico, Giovanna Caretto, ed alla Prof. Patrizia Sanguedolce, organizzatrice dell'evento, ha partecipato il Console James Rodriguez, delegato alla Cultura e ai rapporti con la Stampa, del Consolato Generale degli Stati Uniti a Napoli. Nato a Washington DC, proviene da una famiglia originaria di El Salvador. È a Napoli con la moglie e tre figlie ed è un grande estimatore della cultura ed anche della cucina italiana.

Gli abbiamo rivolto alcune domande sul “Progetto Fulbright”.

Signor Console, può spiegarci in sintesi com’e’ nato e come si articola il “Progetto Fulbright”?

Il “Pogetto Fulbright” è nato dopo la Seconda Guerra Mondiale con lo scopo di promuovere la comunicazione interculturale. Attualmente rappresenta un programma davvero prestigioso, al quale hanno partecipato molti leader internazionali. Uno degli aspetti meno conosciuti è forse costituito dal programma “ETA” – “English Teaching Assistant”. L’ETA seleziona giovani laureati americani che lavoreranno come assistenti di lingua inglese in alcune scuole secondarie superiori. Da un lato, gli studenti nelle scuole ne beneficiano in termini di miglioramento delle loro abilità linguistiche e dall’altro, gli ETAs hanno modo di approfondire la conoscenza della cultura del paese che li ospita, che poi condivideranno con altri al loro ritorno. Cerchiamo di inviare gli ETAs in tutta Italia per lavorare come “piccoli ambasciatori”.

Quanti borsisti ci sono quest’anno in Italia, in quali città operano e con quale criterio è stata assegnata la destinazione “Italia”?

I borsisti sono di un numero limitato, quest’anno in Italia ne abbiamo sei e le città in cui lavorano sono: Gubbio, Lecce, Napoli, Palermo, Roma, Cosenza. Loro indicano un’area geografica di preferenza e poi in base anche alle scuole selezionate vengono effettuati gli abbinamenti. Gli ETAs sono molto richiesti e noi siamo contenti di metterli a disposizione.

Con quali criteri sono state selezionate le scuole?

Lavoriamo in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione che ci aiuta ad individuare le scuole che rappresentano le eccellenze nel paese, con studenti tra i più meritevoli che possano effettivamente beneficiare della presenza, nel loro istituto, di un madrelingua americano. Inoltre, uno dei principali criteri di selezione è rappresentato dalla capacità della scuola stessa di fornire a un ETA un’adeguata assistenza logistica e didattica.

Lei sta per concludere il suo mandato in Italia. Può tracciare un bilancio della sua esperienza?

Lavorare in Italia è un sogno che coltivavo da tempo, e infatti ho scelto questa destinazione rifiutando un’identica proposta di lavoro come Public Affairs Officer a Melbourne in Australia. L’Italia è una delle destinazioni più richieste tra i diplomatici. In particolare, del Sud amo la cultura, le persone e il cibo. Ci sono così tante opportunità di visitare luoghi storici e di interesse culturale. È stato fantastico! Ho incontrato persone meravigliose che hanno cercato concretamente di contribuire al miglioramento della situazione economica qui al Sud. Spero che il mio italiano sia migliorato in questo periodo. Direi che è stata un’esperienza esaltante, ne conserverò solo bei ricordi e spero di poter tornare nel prossimo futuro.

Quali sono state le impressioni della visita a Lecce?

Lecce è una città meravigliosa: ora capisco finalmente perché è soprannominata “la piccola Firenze del Sud”. In realtà, non solo Lecce ma tutto il Salento è stupendo: gli abitanti possono persino scegliere la mattina in quale mare tuffarsi. Poi ci sono ulivi dovunque. Ho avuto l’opportunità di visitare un’azienda agricola che produce forse il miglior olio d’oliva d’Italia, se non del mondo intero! Spero di poter tornare presto anche lì.

Altri articoli
Basilicata   Craco La “second life” del paese fantasma Cultura   Mark Bradford e Wade Guyton L’arte americana milionaria che spopola anche in Italia Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Libri   Neanche l’amore trasforma la Borsa dei destini Libri   E il sogno di conquista si trasformò nel miraggio di un deserto Libri   Il Gargano di Joseph Libri   La tragedia di Mattmark Un libro per non dimenticare Libri   Viaggio tra i giardini d’Italia Libri   Quando ad indagare sul “tempo” è la poesia Libri   Tra le tempeste della vita vince la forza di un cuore amorevole Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Viaggi   “Le mille e una Puglia” Viaggi   Capodanno in Salento Naonis Viaggi e Bridge propongono un primo “tour delle meraviglie” Viaggi   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte Bologna   Vuoi Essere FICO? A Bologna si può Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera