RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- OTTOBRE 2017 -
HOME - Bridge Italia - Basilicata - Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi
Basilicata
Ne La dolce vita di Fellini
i germi dell’Italia di oggi
C’è un rapporto strettissimo, quasi simbiotico, tra cinema e realtà. Se ne parla anche nell’ultimo saggio di Oscar Iarussi, C’era una volta il futuro, l’Italia della Dolce Vita, in cui il critico cinematografico pugliese individua nell’Italia felliniana degli anni Sessanta una profetica visione del futuro di Enrica Simonetti
CONDIVIDI Facebook Twitter

Marcello Mastroianni e Anita Ekberg in una scena de La Dolce Vita (1960)

       Un autentico maestro del cinema come Jean-Luc Godard lo aveva capito da tempo: diceva che il film “è verità ventiquattro volte al secondo”. Una realtà parallela, un mondo che stranamente non è solo simile ma addirittura identico al nostro perché immerso nella nostra vita, calato con un “ciak” nel nostro modo di essere società. Si fatica a crederlo, pensando alla nostra idea di cinema, quella delle mille finzioni, con le scenografie capaci di trasformare un paesaggio, di sradicare un contesto, di illudere e far sognare. Ma se riflettiamo con attenzione, ci accorgiamo che un film può essere molto più vicino alla realtà di quanto lo siano una fotografia, un dipinto o un romanzo. Perché in queste forme d’arte la costruzione scenica è meno evidente, ma solo per quanto riguarda le apparenze.  

       Non perde la sua atmosfera sognante il cinema del reale. Anzi, è sempre più intriso di noi che stiamo lì immobili a guardare ma invece inconsapevolmente partecipiamo, perché siamo un po’ nel film. Lo siamo persino nella fantascienza, che sembrerebbe una dimensione lontana ma che in realtà non fa che confrontare l’alieno con l’uomo, così pesantemente che lo stesso marziano ET è ricordato per la sua voglia di “telefono-casa”. Il sentimento, l’umanizzazione dei personaggi fa tendere il cinema verso il reale. In ogni epoca: da Via col vento (1939), a Tutti insieme appassionatamente (1965), fino a Qualcuno volò sul nido del cuculo (1975) – tanto per citare alcuni premi Oscar – c’è tanta società in pellicola. Il nostro romanticismo, le nostre paure, gli anni Sessanta, l’incubo dei manicomi: tutto ciò che siamo finisce prima o poi nella pentola del grande schermo, che quasi diventa uno specchio di noi stessi. A volte, raccontando in modo veritiero e verosimile il passato – come il Noi credevamo di Martone, che ci ha fatto riflettere sul Risorgimento – e a volte insistendo sull’attualità: dai tanti film che ripercorrono l’odissea dei migranti di oggi a quelli in stile “docu” di Michael Moore sull’America contemporanea.

      Ma se volessimo analizzare le pellicole storiche o dense di cronaca dei nostri tempi l’elenco sarebbe lungo. C’è invece un tipo di film su cui vale la pena soffermarsi, perché senza raccontare la grande storia o la vera attualità, è diventato profetico e si sa che la capacità di divinazione non è tanto diffusa al mondo! Un autore come Federico Fellini entra in questa gloriosa schiera e potremmo considerarlo un “mago” non solo per l’indiscusso valore dei suoi film, ma anche per quello che ci ha messo dentro, per il suo aver indagato più o meno consapevolmente il futuro. Ad accorgersi di questa dote straordinaria e a parlarne in un libro interessante, dal titolo Cera una volta il futuro. LItalia della Dolce Vita (edito da Il Mulino), è Oscar Iarussi, critico cinematografico, responsabile delle pagine di Cultura e Spettacoli della Gazzetta del Mezzogiorno e docente di Storia del cinema americano all’Università di Bari. Il suo saggio affronta una tesi e la dimostra con argute deduzioni: Fellini, nella sua celebrazione di un’Italia anni Sessanta in preda alla Dolce Vita, ha parlato anche dell’Italia di oggi. L’euforico e disordinato profilo di un Paese da miracolo economico (ancora pieno di tic e di zone d’ombra) è anche il ritratto di noi stessi, figli di quel tempo, allo stesso modo divisi tra entusiasmo e depressione. Il Paese che Fellini dipingeva viveva una grande fame di futuro, come del resto accade anche da noi, con i ragazzi di mezzo mondo che vorrebbero “occupare il futuro” e si accontentano di fermarsi a dormire nelle piazze delle banche. Una società un po’ fellininana – dimostra Iarussi – siamo quindi anche noi oggi, che avanziamo incerti, sentendoci “vitelloni” ma allo stesso tempo frenati dai lacci, in bilico sul mito, intrisi di quel passato che così abilmente Fellini aveva tratteggiato.

      Una Dolce Vita continua, in una nazione che si eccita con le varie “Anita Ekberg” di turno, restando – scrive Iarussi – “allucinata e visionaria, tuttavia miope e strabica, se non proprio cieca”. Una caratteristica che l’autore definisce “ciclotimia italiana, l’alternanza umorale colta nell’affresco felliniano che presagisce uno spleen ancora lungi dal manifestarsi nel tessuto sociale”. Da questo raffronto di epoche e di sensazioni nasce nel saggio il tentativo di comprendere il nostro mondo, rassegnato e stanco, appagato da quella Dolce Vita patinata che sembra inserirsi nelle famiglie, nonostante la crisi, nonostante i crolli di un sistema invecchiato. Ed ecco il “Real Italy Show”, ecco il cinema che senza accorgersene dipinge la realtà di ieri e di oggi, con l’affaccio sul Grande Nulla, con l’assenza di certezza e la voglia di crogiolarsi nel benessere (che c’è o che non c’è).

      L’illusione cinematografica di Fellini diventa previsione meteo-patica del nostro essere nel Terzo Millennio degli indecisi. Pochi autori hanno saputo essere così previdenti e il saggio di Iarussi insiste su questo raffronto inedito tra gli anni Sessanta e i nostri giorni, spiegando quel “film del moderno” che è il nostro vivere, tanti decenni dopo. Senza dimenticare il giornalismo, che con il cinema racconta l’attualità: che dire delle paparazzate dell’era felliniana, di cui ci nutriamo ancora oggi? E dello strapotere della didascalia e dell’immagine che oggi come ieri ammalia gran parte della carta stampata, del web... per non parlare della tv, mito della emozione “fredda” di cui parlava McLuhan (e oggi potremmo aggiungere anche che il piccolo schermo è la Casa delle passioni tristi). Nel 2013 ricorrono i vent’anni dalla scomparsa di Federico Fellini, ma la sua opera – come si vede – non perde smalto, perché il reale di cui lui ci ha parlato è sempre rimasto tra noi, e non solo nel nostro immaginario.

      È questa la magia del cinema, quel riuscire a sorprendere anche molto tempo dopo di un “ciak”, anche dopo che la macchina da presa è spenta. Negli Usa, ma ora anche in Italia, c’è una nuova terapia che si diffonde, la cine-therapy: ossia il film considerato come metodo di analisi psicanalitica. Scorrendo i titoli utilizzati nelle sedute, non è raro trovare vecchi e bellissimi film come La vita è una cosa meravigliosa, di Frank Capra, un autentico generatore di autostima, spiegano gli esperti. E c’è chi ci crede, oltre che addirittura chi spiega di aver tratto beneficio da questa nuova applicazione della passione universale per il cinema. Quanto potere in una pellicola: aveva ragione Fellini e forse non esagerava quando diceva che “il cinema è il modo più diretto per entrare in competizione con Dio”.

Altri articoli
Basilicata   Craco La “second life” del paese fantasma Cultura   RITRATTO D’ARTISTA Pamela Diamante Processo alla realtà post mediale Tra arte e scienza Cultura   Mark Bradford e Wade Guyton L’arte americana milionaria che spopola anche in Italia Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Bologna   Vuoi Essere FICO? A Bologna si può Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Viaggi   “Le mille e una Puglia” Viaggi   Capodanno in Salento Naonis Viaggi e Bridge propongono un primo “tour delle meraviglie” Viaggi   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte Libri   Il Gargano di Joseph Libri   La tragedia di Mattmark Un libro per non dimenticare Libri   Viaggio tra i giardini d’Italia Libri   Quando ad indagare sul “tempo” è la poesia Libri   Tra le tempeste della vita vince la forza di un cuore amorevole Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille