RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- MARZO 2017 -
HOME - Bridge Italia - Eccellenze Italiane - Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato
Eccellenze Italiane
Reggia di Venaria Reale
Il tesoro ritrovato
Dopo quasi quattrocento anni dalla sua costruzione è tornato al suo antico splendore il magnifico complesso della Reggia di Venaria Reale.
Edifici sontuosi, preziose opere d’arte, marmi, stucchi e gli incantevoli giardini fanno di questa Reggia Sabauda una delle maggiori attrazioni d’Italia
di Mario T. Barbero
CONDIVIDI Facebook Twitter

Torino. Reggia di Venaria. La Reggia e la Peschiera del Parco Basso. Foto gentilmente concessa dall'Ufficio Stampa de “La Venaria Reale”

Forse non sono proprio quattro secoli ma sta di fatto che l’imponente complesso della Reggia di Venaria Reale, alle porte di Torino, è stato riportato al suo antico splendore solamente agli inizi del terzo millennio. Oggi la Reggia è il secondo sito visitato in Italia, dopo i Musei Vaticani e prima di altri importanti siti italiani conosciuti in tutto il mondo. In motivo di questo successo è nell’unicum di un complesso architettonico che non ha eguali, anche per la sua storia e le infinite bellezze che racchiude al suo interno.

La storia della Reggia comincia dal lontano 1661, quando Amedeo di Castellamonte, su incarico del duca Carlo Emanuele II, ideò uno dei più bei complessi architettonici del tempo, ideale per l’esercizio della caccia, tanto da divenire modello per le più antiche residenze delle corti europee. Il complesso era costituito da un grande apparato scenografico, ricco di fontane, giardini e aiuole su duplice livello, cui si accedeva dall’asse rettilineo dell’antico borgo di Altessano e il cui nucleo centrale era costituito dalla Reggia di Diana, mentre nel giardino inferiore vi era una grande Peschiera. A seguito della distruzione di alcuni edifici, avvenuta nel 1693 ad opera delle truppe francesi, l’architetto Michelangelo Garove, su incarico di Vittorio Amedeo II, progettò una ricostruzione più ampia dell’intero complesso che fu realizzata in epoche diverse: dal 1699 al 1713 furono edificati il Padiglione a Mezzogiorno e la Galleria nonché il rustico del Padiglione verso il borgo; nel 1716 il cantiere riprese sotto la direzione di Filippo Juvarra che rimodellò l’impianto castellamontiano, realizzando anche la sopraelevazione della Galleria ed edificando la Cappella di S. Uberto. In seguito, furono poi realizzate la Citroniera e la Scuderia Grande nella zona sud-orientale. L’allestimento dei giardini fu curato da Henry Duparc secondo modelli francesi. Altri lavori, svolti dal 1739 al 1767, interessarono le scuderie e il maneggio e furono affidati a Benedetto Alfieri e commissionati da re Carlo Emanuele III. In seguito, tra il Settecento e l’Ottocento, gli architetti Piacenza e Randoni curarono il riarredo interno degli appartamenti. Tuttavia, successivamente, l’abbandono della Reggia a favore della Palazzina di Stupinigi diede il via ad una triste fase di decadenza; con la Restaurazione, la Reggia fu adibita a caserma e in seguito il degrado venne completato dall’intervento delle truppe tedesche durante il secondo conflitto mondiale e dagli atti di vandalismo degli stessi abitanti del Borgo.

Un altro dei gioielli che compongono questa inimitabile struttura sono i giardini, che si presentano come uno stretto connubio tra antico e moderno, tra insediamenti archeologici e opere contemporanee, il tutto incorniciato da una visione all’infinito che non trova riscontri in analoghi giardini storici in Italia. I Giardini della Venaria Reale sono il degno complemento di questo complesso imponente. Il progetto seicentesco aveva previsto la realizzazione di un “Giardino all’italiana” articolato su tre livelli, con una ricca presenza scultorea e decorativa rappresentata dalla Citroniera, dalla Loggia a Teatro, dalla Fontana dell’Ercole, dal Tempio di Diana e da circa quattrocento tra busti, bassorilievi, statue e telamoni. Agli inizi del Settecento l’apparato dei giardini venne riformulato secondo i canoni del “Giardino alla francese”, con la demolizione del registro precedente, per arrivare a una sua nuova definizione con un’estensione in lunghezza di circa un chilometro e mezzo, equiparabile a quella del Gran Canale di Versailles. Poi, con l’occupazione napoleonica del 1798, anche i giardini conobbero un lento declino fino a Novecento inoltrato, al punto che dei novanta ettari dell’area la gran parte era caduta in rovina, impedendo persino la possibilità di recepire la conformazione originale. Fin qui il passato.

Ora veniamo al presente. Dal 2000 questo luogo di Caccia Reale, che era stato definito Venatio Regia e quindi Venaria Reale, inizia ad essere restaurato. E si è arrivati alla vera e propria ricostruzione di “un paesaggio”. I tracciati delle Allee, i dislivelli, i terrapieni, i filari di alberate, le delimitazioni delle isole di verzura e dei boschetti sono stati ripristinati coerentemente con i segni rimasti visibili nel tempo. Così come sono stati portati alla luce e salvaguardati i manufatti e gli arredi marmorei. Contemporaneamente sono stati resi fruibili l’area della Grande Peschiera nel “Parco Basso”, con interventi di arte contemporanea del maestro Giuseppe Penone nel “Giardino delle Sculture Fluide”, gli insediamenti archeologici seicenteschi della Fontana dell’Ercole e del Tempio di Diana, gli spazi dei Giardini inglesi, dei Fiori e delle Rose, e l’area dei boschetti, oltre al ripristino del Gran Parterre a sud della Reggia.

I numeri di questo complesso sono comunque impressionanti: 80.000 metri quadrati di superficie del complesso della Reggia; 145.000 metri quadrati di stucchi e intonaci; 25.000 metri quadrati di pavimentazioni interne; 1.000 metri quadrati di affreschi; 11 chilometri di cornici decorative; 1 chilometro di balaustre. Il muro di cinta del Parco è di 35 chilometri e il percorso di visita misura ben un chilometro e mezzo. Inoltre, i circa 9.000 metri quadrati delle ex scuderie alfieriane della Reggia sono ora adibite al Centro per la Conservazione e il Restauro.

La Reggia è infine diventata anche un importante polo di attrazione culturale con spettacoli, concerti, mostre ed eventi a livello internazionale.

Altri articoli
Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi In viaggio   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Bologna   Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte