RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- APRILE 2017 -
HOME - Bridge Italia - Eccellenze Italiane - Bologna “La dotta”, “La grassa”, “La rossa”
Eccellenze Italiane
Bologna
“La dotta”, “La grassa”, “La rossa”
La sua università è una delle più antiche e prestigiose del mondo; anche Dante e Petrarca furono tra i suoi studenti. E a renderla viva e cosmopolita contribuiscono gli 80.000 studenti che la frequentano oggi. Al fascino della storia si aggiunge quello di una gastronomia strepitosa, a partire dalle mitiche tagliatelle di Dario C. Nicoli
CONDIVIDI Facebook Twitter

Bologna vista dalla Torre degli Asinelli. L'arteria principale che si individua è la Strada Maggiore verso Ravenna. Tutte le strade della Bologna medievale si dipartono dalle Due Torri. Foto di Dario C. Nicoli

      La “Dotta” perché ospita la più antica università del mondo occidentale; la “Grassa” perché ama la buona cucina; “Turrita” perché nel Medioevo contava quasi 180 torri gentilizie; la “Rossa” per i riflessi dei mattoni con i quali erano stati costruiti torri e palazzi. Questa è Bologna: 300.000 abitanti nel cuore della città, altrettanti nell’hinterland nel quale i bolognesi doc si sono lentamente trasferiti, a partire dagli anni Settanta del secolo scorso, per sfuggire alla morsa dei prezzi esorbitanti richiesti dai palazzinari del centro.

      Bologna. Crocevia del Nord-Est, nodo stradale e ferroviario strategico per le comunicazioni dell’intero paese. Città che innamora, sempre viva di giorno e di notte con le sue osterie e i bomboloni alla Nutella caldi fino a mattina inoltrata. La si può visitare in un giorno, ma per dire di averla vista un pochino occorre almeno un weekend. Altrimenti, le uniche immagini che restano nella memoria del frettoloso turista sono le torri pendenti, Asinelli e Garisenda, che fanno da sfondo a via Rizzoli, e le imponenti forme del “Gigante”, la monumentale statua che rappresenta il dio Nettuno mentre placa le acque, fusa in bronzo dal Giambologna nel Cinquecento, che domina l’omonima piazza. Troppo poco. Perché la “fosca turrita Bologna” del Carducci va, oltre che vista, anche annusata, assaporata, scoperta lentamente, percorrendo, per quanto possibile, i suoi 35 chilometri di portici, visitando le sue chiese a partire da San Petronio – seconda per lunghezza solo alla basilica romana di San Pietro – con la sua straordinaria meridiana lineare, o soffermadosi per qualche minuto nel mercato del centro, dove c’è sempre qualcuno che discute e ti spiega come si fa un buon ragù. E non si possono trascurare l’Archiginnasio con l’antico teatro anatomico, la piazza grande, la pinacoteca ricca delle più famose opere della scuola bolognese dei Carracci, di Guido Reni e del Guercino, la chiesa di Santo Stefano costruita a imitazione del tempio di Gerusalemme, i merletti e le filigrane del palazzo della Mercanzia. Si trova tutto in un fazzoletto di spazio sotto le torri, cuore pulsante della città fin dal Medioevo, dalle quali si dipartono a raggera tutte le strade. Fra queste, la più importante è il rettilineo via Rizzoli-Strada Maggiore, vale a dire la strada che un tempo univa Pavia e Ravenna, mettendo in comunicazione l’imperatore dei Franchi con quello dell’Impero romano d’Oriente. Ed è proprio a Bologna, punto mediano del percorso, che le due potenze si ritrovavano per discutere di leggi. A Bologna, dove il vescovo Irnerio e i suoi glossatori studiavano il codice giustinianeo e formulavano giudizi che erano sentenze. La nascita dell’Università Alma Mater si fa risalire al 1088, ma è nel 1158 che Federico I promulga la Costitutio Habita con cui l’università diventa, per legge, un luogo in cui la ricerca si sviluppa indipendentemente da ogni altro potere. I primi studiosi di cui si ha documentazione sono proprio Pepone e Irnerio, quest’ultimo definito dai posteri “lucerna iuris”. Dal XIV secolo, alle scuole dei giuristi si affiancano quelle dei cosiddetti artisti”, studiosi di medicina, filosofia, aritmetica, astronomia, logica, retorica e grammatica. Dal 1364, viene istituito anche l’insegnamento di teologia. A Bologna trascorrono periodi di studio Dante Alighieri, Francesco Petrarca, Guido Guinizelli, Cino da Pistoia, Cecco d’Ascoli, Re Enzo, Salimbene da Parma e Coluccio Salutati.

      Bologna raggiunse il suo massimo splendore nel XIII secolo, non solo per l’università, ma anche perché le sue milizie cittadine sconfissero nel 1249 l’esercito dell’Imperatore e catturarono Re Enzo, figlio di Federico II di Svevia, trattenendolo prigioniero nella città sino alla morte.

      Fu un secolo di riforme sociali: nel 1256 Bologna fu la prima città europea ad abolire la servitù della gleba. Dotata di un sistema di approvvigionamento di energia idraulica che era tra i più avanzati del mondo la città, a partire dal XV secolo, si specializzò nel setificio: i mulini da seta “alla bolognese” rappresentarono la più alta espressione della tecnologia europea sino al XVIII secolo.

      Dal XIV secolo assistiamo a una serie di guerre sfortunate e di lotte civili, e alla progressiva soggezione della città al potere temporale dei papi. Così Bologna si avvia a perdere la sua piena sovranità. Durante più di due secoli essa fu volta a volta sotto il dominio dei Visconti, signori di Milano, sotto l’influenza del governo della Chiesa Romana, ebbe governi repubblicani, fu governata dalle più importanti famiglie cittadine in lotta tra loro per ottenere la supremazia.

      Dal XVI al XVIII secolo Bologna rimase inserita nello Stato della Chiesa, governata da un lato da un Cardinal Legato del Papa e dall’altro dal Senato della città. In questo periodo ospitò alcuni eventi di importanza storica, come l’incoronazione di Carlo V, l’incontro tra il papa Leone X e il re Francesco I di Francia, lo svolgimento di varie sessioni del Concilio di Trento.

      Al fascino della cultura e della storia si affiancano i profumi della cucina, che rapiscono il visitatore. Ovunque ci si sieda, un buon piatto è assicurato: sia che si entri da “Vito” nel quartiere della Cirenaica, dove alle 2 di notte è ancora possibile mangiare per 20 euro un piatto di tagliatelle e uno stinco accompagnati da un “pistone” (bottiglione da due litri) di ottimo Sangiovese, sia che si scelga lo charme del “Diana” in via dell’Indipendenza, dove imperano i tortellini e il carrello dei bolliti. Ovvio, che qui il prezzo salga, ma certe volte bisogna proprio dire che “noblesse oblige”. Da Vito si radunano studenti squattrinati o artisti alle prime armi (sui muri sono ancora appese le foto dei Morandi e dei Guccini quando cercavano di trovare un posto al sole), al Diana si pranza accanto ai grandi artisti internazionali, alle mogli dei Capi di Stato o ai manager più accreditati del momento. Per chi desiderasse la via di mezzo, ma con la certezza di assaporare il miglior piatto di tagliatelle autenticamente bolognesi, occorre uscire dalla città in direzione Ravenna per andare alla Borgatella, in zona Roveri, dove la signora “Vilma” sfoggia il meglio di quanto ha imparato a fare, lavorando per tutta una vita al “Pappagallo” e nei migliori ristoranti del centro.

      Tre indirizzi, ma potrebbero essere trenta o trecento. Sono il simbolo di una città che ama la buona tavola e che difende con i denti la sua tradizione di fronte all’aggressività della ristorazione cinese, del sushi giapponese, dei piatti greci, turchi, indiani e via dicendo. Perché anche Bologna, città di antica tradizione cosmopolita (non foss’altro che per le migliaia di studenti stranieri che hanno frequentato il suo Ateneo a partire dal 1088), subisce l’ondata delle nuove invasioni straniere, che si insediano nel centro cittadino.

      Se non fosse per la presenza costante degli 80.000 studenti che frequentano l’Alma Mater e che pagano cifre da capogiro per alloggiare a gruppi nelle abitazioni più vicine alla sede universitaria, Bologna rischierebbe forse di scomparire, con le sue tagliatelle “permalose” (guai se non le mangi appena messe nel piatto), i suoi tortellini mignon, le sue lasagne al forno rigorosamente verdi infarcite di besciamella e ragù, abbondantemente ricoperte di parmigiano reggiano. Gli studenti l’hanno fatta crescere nel Medioevo, gli studenti la salvano ancor oggi.

 

Altri articoli
Viaggi   “Le mille e una Puglia” Libri   Quella valle del Gargano così ricca di un passato da non dimenticare Libri   Grottaglie e le sue ceramiche attraverso la vita del benefattore Vincenzo Calò Libri   Ottant’anni di cultura gioiosa Libri   Quell’assedio del Sergente Romano come in un film Libri   Magnifici ottanta Libri   San Marco in Lamis vista dal suo campanile Libri   Il grande amore per la splendida Castro Libri   Meglio non tornare… Le lettere tra Italia e America durante la Prima Guerra Mondiale Libri   Storia di un poeta tra Puglia e America Libri   Morire di lavoro sotto il sole di Puglia Libri   Quando gli oggetti dimenticati raccontano la vita Libri   Masserie di Puglia Viaggio nella Bellezza Libri   Piccolo viaggio nel dialetto salentino… Mai pe iabbu Libri   La riscossa del Sud può iniziare dal suo “meglio” Libri   La vita, comunque! Libri   Arcobaleno di donne Libri   Tra i monti della Val d’Aosta …alla ricerca del colpevole Libri   …C’era una volta il passato Scriverne è un modo di preservarne la memoria Libri   Disordinazione e sperimentazione nelle case-museo di Ignazio Apolloni Libri   Storie salentine …alla ricerca del tempo perduto Libri   Pietro Marti, il grande alfiere della cultura del Salento Libri   Anche i tycoon piangono Libri   Se un’isola “balena” nasce una notte dal nulla… Libri   Dalla Calabria ancestrale a Roma I ricordi preziosi di tutta una vita Libri   L’importanza di riscoprire la “fraternità” Libri   Nel museo delle cere cercando il sogno di un mondo migliore Libri   Napoli “Baciata da Dio e stuprata dagli uomini” Libri   C’era una volta il padre-padrone Libri   Seconda guerra mondiale Il dramma dei caduti Libri   Tra le lagune di Savannah …per guarire Libri   Il senso del Novecento nella saga della famiglia Stille Libri   Ne La dolce vita di Fellini i germi dell’Italia di oggi Eccellenze Italiane   Andria L’orto di Pietro Zito È qui che nascono i suoi piatti pluripremiati Eccellenze Italiane   Il miglior panettone milanese è… salentino Delta del Po   Parco del Delta del Po Tra bellezze naturali e storia Bari   “Cieli americani” a Bari Verona   Verona Shakespeare la celebrò per la sua bellezza senza averla mai vista Courmayeur   Courmayeur Tutto il fascino della bassa stagione Ferrara   A Ferrara… si può ancora sognare Ferrara   “Ciak, si gira” Tra i mille set di Ferrara Musica   Porretta Soul Festival La Woodstock italiana della musica nera americana Matera   Pasolini-Matera Cinquant’anni fa il primo Vangelo nei Sassi Napoli   “Wood Stone and Friends” Al MADRE il vitalismo magico di Jimmie Durham Napoli   Miracoli d’arte a Vigna San Martino Napoli   Museo Hermann Nitsch Dall’orrore alla coscienza In viaggio   Sapore d’Italia tra Puglia e Basilicata In viaggio   “Le mille e una Puglia” Milano   EXPO 2015 Non solo cibo Milano   Le suggestioni oniriche di Joan Jonas Milano   “Autunno americano” Milano celebra gli States Milano   MILANO La metropoli è ancora “da bere” (…e “da mangiare”) Polignano   Da Brooklyn a Polignano Dodici artisti alla conquista dell’Europa Cinema   Con The Revenant DiCaprio risorge e punta all’Oscar Cinema   Quo Vado? Quando il terrone diventa politically correct Cinema   Quando il cinema ritorna al futuro Rovigo   Storia e arte nella capitale del Polesine Rovigo   “Il Divisionismo, la luce del moderno” A Rovigo 200 opere in mostra San Marino   “Da Hopper a Warhol” tra le dolci colline di San Marino San Marino   San Marino Il fascino della storia tra panorami mozzafiato Torino   Reggia di Venaria Reale Il tesoro ritrovato Torino   Museo Egizio di Torino Il fascino immortale dei Faraoni Torino   “For President” La fotogenia vincerà le elezioni Padova   Così tanto… nella città dei tre “senza” Bologna   Al MAMbo in vetrina l’Arte Povera Firenze   “American Dreamers” Il nuovo sogno di undici artisti americani in mostra a Firenze Roma   Quaranta giovani italiani con ONE per la lotta alla fame nel mondo Roma   “Empire State” L’epicentro dell’arte è ancora New York Cultura   “La povertà è sessista” I giovani ambasciatori di ONE a Parigi contro la povertà estrema Cultura   L’origine mediorientale del vetro soffiato, vanto di Venezia Cultura   “Tu non conosci il Sud” La cultura del Sud riparte da Otranto Cultura   Quelle donne del Sud che raccontano il mondo Cultura   Il purgatorio di Dante nell’incanto di Matera Cultura   Andy Warhol L’intramontabile guru della Pop Art Cultura   “Angeli e santi tra Chicago e Baltimora” Scambi culturali tra l’Università di Bari e gli USA Cultura   Quelle contadine commosse la prima volta che videro il mare… Cultura   La mia Puglia vista dall’ONU Cultura   Il progetto Fulbright? Una straordinaria opportunità di scambi culturali
Venezia   Il fascino immortale della “Regina del mare” Venezia   Tante “Illumi/nazioni” con la Biennale d’Arte