RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Usa - Mondo Italoamericano - Scrittori italoamericani in parata
Mondo Italoamericano
Scrittori italoamericani in parata Succede a New York, dove in occasione del 73° Columbus Day Barnes & Noble, la celebre catena statunitense di librerie, ha chiesto agli scrittori italoamericani di sfilare in parata per promuovere i propri libri.
La scrittrice barese-americana, Annie Lanzillotto, racconta perché lo ha fatto con entusiasmo
CONDIVIDI Facebook Twitter

New York. Annie Rachele Lanzillotto durante la parata degli scrittori italoamericani. Foto gentilmente concessa da Audrey Kindred

Il Columbus Day, nonostante le recenti polemiche, è ancora una grande ricorrenza negli USA e molti italoamericani la celebrano con entusiasmo.

La data è quella del secondo lunedì di ottobre e a New York i festeggiamenti e gli incontri di rito culminano con una mastodontica parata che quest’anno ha visto sfilare, su invito della grande catena Barnes & Noble, scrittori italoamericani che con fantasia e vitalità hanno percorso le strade di Manhattan su un carro allestito per l’occasione.

Annie Rachele Lanzillotto, che ci tiene a precisare di essere barese-americana, con radici ad Acquaviva delle Fonti, è autrice di L is for Lion e Schistsong e sono di prossima uscita (marzo 2018), per Guernica Editions, due suoi nuovi volumi: Hard Candy: caregiving, mourning and stage light e Pitch, Roll, Yaw.

“Sono aperta al pluralismo –racconta – mi piace andare dove non sono d’accordo con tutti. Così, quando agli autori italoamericani è stato chiesto di marciare sulla Fifth Avenue nella Parata del Columbus Day 2017, con il gran maresciallo Leonard Riggio, fondatore e presidente di Barnes & Noble, ho risposto sì. Ho voluto esercitare il mio diritto di libertà di parola con cartelli fatti a mano che esprimevano le mie convinzioni. Su un cartello ho scritto: Leggimi. Sono italiano, per sfatare gli stereotipi in base ai quali dobbiamo essere baciati o pizzicati e per evidenziare fortemente la nostra grandezza letteraria. Ho marciato con in mente i miei antenati, contadini baresi, che sono stati autodidatti nella loro alfabetizzazione. Mia nonna, Rose, di Acquaviva delle Fonti, che da ragazza lavorava nei campi, imparò da sola a leggere, nel Bronx, studiando le parole che la circondavano: parole che sfrecciavano dappertutto, ai lati dei camion, nei negozi, sui treni”.

“Su un altro cartello – prosegue la Lanzillotto – ho scitto Onora l’indigeno per fare riferimento alla consapevolezza che proprio qui, sulla Fifth Avenue, marciamo su un terreno tribale sacro dove massacri, stupri, saccheggi, guerre, schiavitù e la decimazione degli indigeni hanno portato alla nascita di questo luogo che ora conosciamo come ‘paese’, sì lo stupro ha avuto come risultato la nascita, il risultato è stato il ‘paese’. Ho marciato per sostenere ed essere in sintonia con una pluralità di voci. Dobbiamo continuare a parlare, onorare il passato e non solo pavimentarlo. Da molti, uno soltanto”.