RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- FEBBRAIO 2018 -
HOME - Puglia - Cinema - Ice Scream L’horror made in Puglia che ha conquistato Hollywood
Cinema
Ice Scream
L’horror made in Puglia che ha conquistato Hollywood
Dal premiatissimo cortometraggio dei due giovani registi baresi, Roberto De Feo e Vito Palumbo, un film che sarà presto sugli schermi.
Il successo funestato dalla tragica scomparsa del giovanissimo protagonista, Damiano Russo, avvenuta in un incidente nel 2011
di Livio Costarella
CONDIVIDI Facebook Twitter

Damiano Russo in una scena di Ice Scream, il premiatissimo cortometraggio horror dei pugliesi Roberto De Feo e Vito Palumbo

Il gelato pugliese piace anche a Hollywood. Con un retrogusto noir e horror. Stavolta però non parliamo di gusti alimentari, ma di cinema: il gelato cinematografico made in Puglia più famoso al mondo, infatti, sta per diventare un film, dopo aver collezionato premi in tutto il mondo a suon di record. I “mastri gelatai” sono i giovani registi baresi Roberto De Feo e Vito Palumbo, rispettivamente classe ’81 e ’74, e il loro cortometraggio Ice Scream, nel giro di un paio d’anni, ha messo d’accordo critica e pubblico, senza alcuna distinzione. Il geniale lavoro di due dei talenti registici più interessanti del cinema pugliese ha conquistato l’affermazione più prestigiosa a San Diego, dove all’inizio del 2011 si è svolta la serata di gala dei California Film Awards, manifestazione che premia i film e i corti con il numero maggiore di riconoscimenti in festival internazionali. Per l’Europa, nella sezione corti, ha trionfato Ice Scream, piccolo miracolo produttivo (costato circa 50.000 euro, coprodotto da Nicola Mossa, Dario Sardelli, Ennio Pontis, Mtv e Giuseppe De Feo, con il contributo di Apulia Film Commission) e – come recitava la motivazione ufficiale della giuria – “il primo nel suo paese a raggiungere una distribuzione nazionale e il primo short film italiano su Itunes Usa”.

I numeri e i dati parlano da soli: Ice Scream è il corto italiano più premiato all’estero nel 2010/2011, è il primo corto italiano distribuito in Blu-Ray e Dvd; è stato distribuito in 14 nazioni da Premium Films (società francese) ed è stato trasmesso dalle emittenti Mtv, Mediaset Premium, Nbc Universal e Channel 1. Intanto, però, la società di produzione californiana Little Studio Films ha comprato l’opzione per la realizzazione di un film tratto dal cortometraggio e ha chiamato i due cineasti a Los Angeles: da luglio 2012, infatti, De Feo e Palumbo guardano dal loro nuovo ufficio la scritta più famosa del mondo del cinema: “Hollywood”.

Quando nel 2008 scrivemmo il soggetto di Ice Scream – spiegano – durante un workshop di scrittura di Apulia Film Commission, volevamo creare un cortometraggio diverso da tutti quelli che avevamo visto fino a quel momento. Ha funzionato”. E anche bene: in ventidue minuti Ice Scream racconta la vicenda di Micky (nel corto interpretato da Damiano Russo, scomparso tragicamente nell’ottobre 2011 in un incidente), un ventenne dall’aspetto pulito e insicuro nei modi, che dopo essere entrato in un bar per comprare un gelato, si imbatte in due bulletti suoi conoscenti, Brando e Alex. È solo l’inizio di una giornata che non dimenticherà mai.

Il corto – hanno spiegato i registi – è ispirato a una storia vera. Nel 2008, in provincia di Bari, un ragazzo di buona famiglia cadde con il motorino finendo sulla fiancata dell’auto di un delinquente del posto. Costui decise di vendicarsi del danno subito e con l’aiuto di una coppia di amici, rapì il ragazzo, lo portò in campagna, e dopo averlo legato ad un albero e torturato, lo bruciò vivo. Abbiamo tuttavia trasposto questa terribile storia in maniera quasi fumettistica, sia nella scelta delle location che nella costruzione di ciascun personaggio, volutamente sopra le righe: è una storia molto semplice, raccontata con una prospettiva surreale e grottesca”.

E se dunque è stata una mail di Alexia Melocchi a cambiare la vita dei due cineasti (è la loro agente/manager americana e presidente della Little Studio Films, la prima a credere nel progetto, insieme al direttore generale Alexandra Yacovlef e al produttore di American Psycho Christian Halsey Solomon), “Ice Scream - Il film” potrebbe diventare una prova del nove fondamentale per il futuro della loro carriera. Mentre il pensiero finale, in questi mesi di duro lavoro, va al loro protagonista Damiano Russo: “Sono stati gli stessi produttori – spiega De Feo – a dirci che lui avrebbe senza dubbio avuto una parte importante nel remake. C’era un ruolo perfetto per le sue caratteristiche e sarebbe stato un sogno averlo qui con noi, se lo meritava. Ma nel film Damiano ci sarà lo stesso, vi stupiremo!”.