RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Puglia - Cucina pugliese - Dita degli apostoli
Cucina pugliese
Dita degli apostoli Due ricette di dolci assolutamente squisiti! di Dario Ersetti
CONDIVIDI Facebook Twitter

Le dita degli apostoli, deliziosa ricetta di tradizione i cui ingredienti principali sono uova, zucchero di canna, ricotta e cioccolato fondente. Foto di Dario Ersetti

È un dolce, anzi per la precisione sono due dolci, diffusi in tutta la Puglia. Hanno lo stesso nome e, curiosamente, hanno come ingrediente principale l’uno il tuorlo d’uovo e l’altro l’albume.

La loro origine è oscura, ma sembra probabile che per la loro eleganza e per l’uso dello zucchero non siano un piatto di origine popolare ma, visto anche il loro nome, di provenienza conventuale.

Per spiegare le “dita degli apostoli” create con l’albume si potrebbe ipotizzare che le suore che producevano gli agnelli di pasta di mandorle ripieni di faldacchiera si trovassero grandi quantitativi di albume inutilizzati (ricordiamo che la faldacchiera è una sorta di zabaione a base di tuorli d’uovo e zucchero). 

 

Le ricette

 

   Ingredienti:

 

- 3 albumi

- la scorza grattugiata di 1 limone

- 200 gr di ricotta

- 50 gr di zucchero di canna

- 50 gr di cioccolato fondente

- 20 gr di burro

- 1 cucchiaio di zucchero a velo

- 1 bicchierino di liquore dolce e profumato

- un po’ di cannella macinata

- sale

 

Mescolare la ricotta ben sgocciolata con lo zucchero, il cioccolato grattugiato e il liquore (per esempio Strega o San Marzano o rum agricolo) e far riposare per un po’ in frigo.

Sbattere gli albumi con una presa di sale e la scorza di limone fino a renderli spumosi (non montati a neve). Mettere sul fuoco un tegamino, imburrarlo e quando sarà ben caldo metterci un cucchiaio di albume e creare una frittatina molto sottile, girarla e proseguire la cottura. Questa sarà brevissima in quanto le frittatine dovranno rimanere chiare proprio per ricordare le dita degli apostoli, chiare per convenzione. La bravura, e la difficoltà, consiste nel farle sottilissime e non colorite; in questo modo non interferiranno con il sapore e la consistenza del ripieno ma daranno un tocco di eleganza gustativa al tutto.

Quando le frittatine saranno pronte e raffreddate vi si metterà un po’ di impasto e si arrotoleranno a formare cannoli. Servire cospargendo di zucchero a velo e cannella macinata (poca). In un tegamino da 10 cm di diametro, con tre albumi, si otterranno 8 frittatine.

 

L’altra ricetta sembra sia nata nel 1793 a Galatina (Lecce), dove la pasticceria ha una lunga tradizione, e anche in questo caso i tuorli sono quasi certamente un sottoprodotto di qualcosa d’altro, per esempio delle meringhe. Queste “dita degli apostoli” sono anche conosciute con il nome di “africani”.

 

 

   Ingredienti:

 

- 3 tuorli

- 100 gr di zucchero di canna

 

Sbattere molto a lungo con la frusta (anche elettrica) i tuorli con lo zucchero fino a ottenere un composto gonfio e di colore quasi bianco.

Disporre l’impasto sulle formine di carta forno considerando che si gonfieranno e cuocerle al forno con lo stesso sistema delle meringhe. Ci vuole pratica. Sistemarle nel forno caldo ma spento per circa mezz’ora. Le “dita degli apostoli” si dovranno semplicemente seccare senza bruciarsi.

Per questo “zabaione secco” l’ideale è mangiarlo dopo averlo intinto in una tazza di buon cioccolato caldo. Se ne ricorda anche un uso più “malizioso”: le dame lo offrivano inzuppato nel marsala o nel vermut ai maschietti troppo freddi…

Articoli correlati
DIETA MEDITERRANEA   Ricotta Buona, nutriente e leggera
Altri articoli
Cucina pugliese   Gnocchetti di farina con lo scrum Cucina pugliese   Scapece gallipolina Cucina pugliese   Cupeta golosità irresistibile Cucina pugliese   Simulata con le cozze Cucina pugliese   Polpette di sarde Cucina pugliese   Il fruttone, l’altra faccia del pasticciotto Cucina pugliese   Zuppa di patate e zucchine Cucina pugliese   Pasta al forno con melanzane e pomodori Cucina pugliese   Ostie ripiene Cucina pugliese   Seppie con carciofi e patate Cucina pugliese   Pisieddhri a cecamariti o Pisieddhri cu li muersi Cucina pugliese   Zuppa di pesce alla tarantina DIETA MEDITERRANEA   Pesce Elemento prezioso per una sana alimentazione Cucina pugliese   Puccia, pizzi e altre squisitezze Cucina pugliese   Troccoli con ragù di polpo DIETA MEDITERRANEA   Polpo Poche calorie, buone proteine Cucina pugliese   Pistofatru alle ciliegie DIETA MEDITERRANEA   Ciliegie, ottime e prodigiose Cucina pugliese   Zuppa di cicerchie alla pizzaiola DIETA MEDITERRANEA   Cicerchia Alla ricerca di antichi sapori Cucina pugliese   Frutta di pasta di mandorle Cucina pugliese   Troccoli con salsa di noci DIETA MEDITERRANEA   Noci Per un pieno di antiossidanti Cucina pugliese   Spaghetti vongole e salicornia DIETA MEDITERRANEA   Vongole Poche calorie, tante vitamine e sali minerali Cucina pugliese   Rustico leccese Cucina pugliese   Tegame di verdure primaverili DIETA MEDITERRANEA   Patate Cucina pugliese   Scarcella …una delle delizie di Pasqua DIETA MEDITERRANEA   L’uovo, alimento straordinario Cucina pugliese   Marzotica …sapore di primavera DIETA MEDITERRANEA   Ricotta marzotica Per un pieno di calcio Cucina pugliese   Maritati con la mollica DIETA MEDITERRANEA   Alici “Pesce povero” dalle qualità prodigiose Cucina pugliese   Lenticchie coi lampascioni DIETA MEDITERRANEA   Lampascioni Il viagra degli Antichi Cucina pugliese   Torte Un’alternativa a panettone e purceddhruzzi Cucina pugliese   Pasta con ceci neri delle Murge foggiane Cucina pugliese   Foglie d’olivo con olive DIETA MEDITERRANEA   Olive, buone e salutari Cucina pugliese   Peperoni verdi con le cozze DIETA MEDITERRANEA   Aglio Un antibiotico naturale Cucina pugliese   Lo spumone DIETA MEDITERRANEA   Tutto quello che bisogna sapere sul gelato Cucina pugliese   Calzone pugliese Cucina pugliese   Foglie mischiate DIETA MEDITERRANEA   Erbe selvatiche, preziose per la salute Cucina pugliese   Baccalà con gli spunzali DIETA MEDITERRANEA   La cipolla: un concentrato di proprietà benefiche Cucina pugliese   Parmigiana di carciofi DIETA MEDITERRANEA   Carciofi …così gustosi e preziosi per la salute Cucina pugliese   Purceddhruzzi e carteddhrate per far dolce il Natale DIETA MEDITERRANEA   Miele Alimento prodigioso Cucina pugliese   Focaccia pugliese DIETA MEDITERRANEA   Elogio dei carboidrati Cucina pugliese   Triglie al pomodoro DIETA MEDITERRANEA   Pesce Proteine ad alto valore biologico Cucina pugliese   Zucchine alla poverella DIETA MEDITERRANEA   Zucchine Alimento ideale sulle tavole estive Cucina pugliese   Involtini di peperoni DIETA MEDITERRANEA   Peperoni Un superconcentrato
di vitamina C
Cucina pugliese   Zuppa di piselli DIETA MEDITERRANEA   Piselli freschi Tante vitamine e il sapore della primavera Cucina pugliese   Pasta di mandorle Gli agnellini di Pasqua DIETA MEDITERRANEA   Mandorle Così buone …e preziose per salute e bellezza Cucina pugliese   Zeppole di San Giuseppe DIETA MEDITERRANEA   Dolci Come restare in forma senza privarsene Cucina pugliese   Tubettini con le cozze DIETA MEDITERRANEA   Cozze Per un pieno di sali minerali Cucina pugliese   Ciceri e tria (Pasta e ceci) DIETA MEDITERRANEA   Ceci Preziosi per la salute e gustosissimi Cucina pugliese   Pittule DIETA MEDITERRANEA   Olio extravergine d’oliva elisir di salute e bellezza Cucina pugliese   Cotognata leccese DIETA MEDITERRANEA   Le innumerevoli qualità della mela cotogna Cucina pugliese   Parmigiana di melanzane leccese DIETA MEDITERRANEA   Melanzana, depurativa e gustosissima Cucina pugliese   Grano arso DIETA MEDITERRANEA   Il pomodoro re di salute e bellezza Cucina pugliese   Il pasticciotto, delizia del Salento DIETA MEDITERRANEA   Pasticciotto Cucina pugliese   Purè di fave novelle e cicoria di Galatina DIETA MEDITERRANEA   Fave fresche Un pieno di energia e bellezza Cucina pugliese   Orecchiette con le cime di rapa DIETA MEDITERRANEA   Perché fanno bene