RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- LUGLIO 2017 -
HOME - Puglia - Proverbi dialettali - Quella cattiva reputazione dei preti…
Proverbi dialettali
Quella cattiva reputazione dei preti… Prèiti e ffrati
Mai bbinchiati

[Preti e frati
Non sono mai sazi]
(Salento)
di Alberto Sobrero
CONDIVIDI Facebook Twitter

Bruno Maggio. China

Questo è uno dei tanti, anzi tantissimi proverbi che hanno per protagonista il prete. Il prete era una figura centrale nell’organizzazione di una comunità rurale: presiedeva a tutti i riti di passaggio della vita personale (nascita, matrimonio, mor-te) e sociale, era depositario – attraverso la confessione ¬– di tutti i segreti più intimi di tutte le persone della comunità, era consigliere ascoltato, predicatore e – oggi si direbbe – motivatore di prim’ordine. Era persino padrone incontrastato di un linguaggio esoterico dal sapore magico (il latino), e in ultima analisi poteva disporre direttamente o indirettamente del destino di molti (far studiare i figli in un collegio, ma anche colpire con uno stigma sociale non rimediabile, attraverso una semplice deprecazione dal pulpito).  

Attraverso i proverbi – nei quali si depositano stereotipi e pregiudizi sociali – possiamo dunque farci un’idea dell’impatto di questa figura sulla compagine sociale del paese, capire quanto e perché era amato / odiato, ammirato / disprezzato, temuto, invidiato, venerato….

Ho fatto uno spoglio dei proverbi salentini, scegliendo quelli che hanno per protagonisti preti e monaci. Ecco una breve rassegna di quelli che, proverbialmente, sono i loro principali vizi e difetti.

Sono degli scrocconi: fìmmine, avvucati e pprèiti / ogne staggione mètene  “Femmine, avvocati e preti / d’ogni stagione mietono”

Anzi, sono avidi, bramosi, ingordi: ngurdizzia de prèite / misericordia de Ddiu / e ssite de ferraru / su’ ttre cose nfinite “Ingordigia di prete / misericordia di Dio / e sete di fabbro / son tre cose infinite”; cani, prèiti e ccaddi / nu sse bbinchiane mai “cani, preti e galli / non si saziano mai”

Sono furbi: ttre su’ li suttili: / li mònici, li prèiti e cci nu tene fili “tre sono gli scaltri / i monaci, i preti e chi non ha figli”

Sono ostinati: fìmmana, mulu e pprete / cchiù ccucciuti nu nci nn’ète “femmina, mulo e prete / più cocciuti non ce n’è”;

Sono melliflui: prèiti, monici e ccani / sempre pronti tte lìccane “preti, monaci e cani, sempre pronti a leccarti”

Sono degli impiccioni: lu monicu de la Lizza [una chiesa presso Parabita] / a ttutte vanne va’ sse mpizza “il monaco della Lizza / in ogni angolo si ficca”
Sono malvagi e insensibili: monici e pprèiti de carità su’ pprivi / fùttene li morti, e strafùttene li vivi “monaci e preti di carità son privi / fottono i morti e strafottono i vivi”
Sono vendicativi: odiu de prèiti, vendetta de mònici / e rrugna d’ebbrei, miserere mei “odio di preti, vendetta di monaci / e rogna d’ebrei, miserere mei”

Ma c’è di più, molto di più. Alcuni proverbi trasudano acrimonia: i preti compaiono in una lista che potremmo definire dei depredatori, addirittura a fianco dei briganti: prèiti e bbricanti / cèrcane cuntant”; lu prèite cu lla stola / lu banditu cu lla pistola / cce òlene òlene “il prete con la stola / il bandito con la pistola / quello che vogliono vogliono”.

E non basta: i suggerimenti diventano istigazioni a compiere azioni sempre più forti, in un crescendo rossiniano: bisogna tenerli lontani (prèiti, monici e ccani / stàmune sempre luntani), bisogna tenersi pronti a menar le mani (preiti, monici e ccani / teni sempre la mazza a li mani “tieni sempre il bastone a portata di mano”), anzi bisogna dargli un colpo in testa e abbandonarli (mònici, prèiti e pàssari / càzzali la capu e llàssali “monici, preti e passeri / un colpo in testa e làsciali”).

Colpisce una cosa: sono tutti stereotipi negativi, ma in un certo senso generici. Potrebbero applicarsi – e spesso si applicano – anche all’avvocato, o al dottore. Perché dunque questo accanimento proprio contro preti e monaci?

      Forse un po’ di luce arriva da altri proverbi, che tracciano profili feroci dei preti e dei frati sui piani, per così dire, più ‘sensibili’: sessuale, sociale, religioso. 

Quannu de maritati, de prèiti e dde frati se face ncantare /la fìmmana mutu perde pe ppocu guadagnare “quando si fa incantare da maritati, da preti e da frati, la femmina molto perde per poco guadagnare”; lu monicu ca cerca / cerca pe ddoi “il monaco che cerca / cerca per due [anche per la sua amica]”: vuol dire che preti e frati si lasciano irretire dalle donne. E questo mette in allarme l’ossessione possessiva del maschio nei confronti della sua femmina.

Duttori, avvucati e pprèiti / nu sputane mai a llu piatti “non sputano mai nel piatto”: vuol dire che fanno parte della classe dominante, stanno sempre dalla parte di chi comanda, e questo suscita la diffidenza e l’ostilità di chi si trova per tutta la vita dalla parte dei più deboli, e vede in queste scelte delle pratiche di vita sociale contrarie al Vangelo. 

Che questa incoerenza fra vita predicata e vita vissuta sia centrale nella rap-presentazione negativa del prete lo attestano infine due proverbi a sfondo religio-so: prèiti e mmonici / sèntite missa e ffusci “séntiti la messa e scappa”; prèiti an terra, prèiti an cèlu / picca prèiti a llu vangelu “preti in terra, preti in cielo / niente preti al Vangelo”.
Non si critica la messa, non si critica il Vangelo, che anzi sono il perno della vita spirituale e morale, ma si criticano i preti che al di fuori della messa si comportano in modo indegno, e che non seguono la via indicata dal Vangelo.

Le ragioni profonde sono dunque perfettamente pertinenti allo specifico della vita sacerdotale, e toccano questioni ancora oggi di grande attualità: in termini moderni, il celibato, una scelta di vita fedele al Vangelo. 

Questi proverbi: sembrano di un’epoca preistorica, poi si scopre che sono attualissimi. Anzi, fanno sorgere un dubbio: non sarà che la dottrina pastorale di Papa Francesco si ispira ai nostri detti popolari?

 

Altri articoli
Proverbi dialettali   Donna Capra Dal Medioevo a Sgarbi Proverbi dialettali   “Dopo Natale arriva il freddo” I proverbi meteorologici più radicati di quelli religiosi Proverbi dialettali   Un fantastico, modernissimo strumento didattico: la filastrocca Proverbi dialettali   Quando la parodia può sfidare la sacralità Proverbi dialettali   La felicità dipende da come gestiamo il tempo Proverbi dialettali   Se la frasca indica la qualità… Proverbi dialettali   La donna, che ingannatrice! Proverbi dialettali   Quando il proverbio lo dettava il calendario... Proverbi dialettali   Tieniti pronto alle delusioni! Proverbi dialettali   Attenti al sesso femminile! Proverbi dialettali   Quella mancanza di fiducia nella scienza… Proverbi dialettali   Per conquistare il paradiso… bisogna soffrire Proverbi dialettali   Dalla poesia alla “prosa” Questo è l’amore Proverbi dialettali   …Ma l’amore è speranza Proverbi dialettali   “Verba volant” Cosa è cambiato tra oggi e il passato Proverbi dialettali   Dalla filosofia di Eraclito al rock di Vasco “tutto scorre” Proverbi dialettali   Al di là del giardino c’è “l’altro”. L’odioso pregiudizio è duro a morire Proverbi dialettali   Gli ipocriti? Più pericolosi del calcio di un mulo Proverbi dialettali   Nulla è come il vino-sangue di Cristo. Quando la saggezza popolare è “diversamente sofisticata” Proverbi dialettali   La rivincita dei cibi ‘poveri’ Proverbi dialettali   Guai? Ognuno pensi per sé Proverbi dialettali   Ma quale “Eldorado”?! Proverbi dialettali   Saggezza contadina Anche lo Stato dovrebbe considerarla Proverbi dialettali   …Così passa la settimana dello scansafatiche Proverbi dialettali   Niente collera se vuoi mantenerti in salute Proverbi dialettali   Meglio un “praticone” che un “saputone” Proverbi dialettali   Se si ammala un “povero” non c’è speranza Proverbi dialettali   La dura legge della fame Proverbi dialettali   La prima lezione di vita? In una ninna-nanna Proverbi dialettali   Uomo e donna: un vecchio proverbio – incredibile! – sancisce la parità. Per le botte… Proverbi dialettali   Le donne? Streghe che portano alla forca Da usare per l’amore e per far figli Proverbi dialettali   Il matrimonio: che condanna per gli uomini! Proverbi dialettali   Le donne “diaboliche portatrici di perdizione” Proverbi dialettali   Le donne Più vicine al diavolo che all’acqua santa Proverbi dialettali   La perenne diffidenza del popolo verso “la casta” Proverbi dialettali   Una giocosa filastrocca per l’amaro fatalismo dei subalterni Proverbi dialettali   I superprivilegi di chi maneggia il denaro: una storia di sempre Proverbi dialettali   Quell’odioso pregiudizio verso i diversi Proverbi dialettali   Il potere del povero Proverbi dialettali   Se “aggiungi un posto a tavola”… Proverbi dialettali   Le leggi non scritte dell’ingiustizia sociale Proverbi dialettali   La superbia dell’uomo-pulce Proverbi dialettali   Autorità e sudditi Un rapporto senza speranza Proverbi dialettali   Il fatalismo dei deboli Proverbi dialettali   Perché i proverbi