RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Puglia - Proverbi dialettali - Per conquistare il paradiso… bisogna soffrire
Proverbi dialettali
Per conquistare il paradiso…
bisogna soffrire
Ci cammina taue taue
va alla casa tu tiaue
Ci cammina spine spine
va alla casa du Bommine

[Chi cammina tavola tavola (“comodo comodo”)
va alla casa del Diavolo
Chi cammina sulle spine
va alla casa del Bambino]
(Salento)
di Alberto Sobrero
CONDIVIDI Facebook Twitter

Bruno Maggio. China

Proverbio di una certa raffinatezza metrica: non solo è formato da due coppie di ottonari a perfetta rima baciata (aabb) ma ogni verso è articolato su due parti ritmicamente identiche – con l’accento sulla prima e sulla terza sillaba – e inoltre la prima parte si ripete identica a versi alterni (Ci cammina nei versi 1 e 3, va alla casa nei versi 2 e 4).

La tecnica dell’accostamento di due parti metricamente identiche a formare un unico verso e dell’alternanza ritmica di parti identiche è antichissima: di certo si trova nella poesia latina e in quella greca (dove godeva anche di una terminologia specifica: ognuna delle due parti del verso si chiamava colon), ma questo non vuol dire che il nostro proverbio sia così antico. O meglio, dobbiamo pensare a due storie sfasate nel tempo: lo schema metrico-ritmico, che costituisce la struttura portante del proverbio, e che può essere più antico, e il contenuto, molto probabilmente ben più recente.

Come per la poesia, sia lirica che epica, anche per il proverbio la versificazione classica era la forma, lo stampo, e il contenuto era l’impasto plasmabile che vi si immetteva di volta in volta. Lo schema rimaneva pressoché invariato nel tempo, mentre il messaggio rifletteva il clima culturale ed etico corrente. In altre parole, per il proverbio lo schema di default è: involucro antico, contenuto (relativamente) recente.

Anche linguisticamente il proverbio è interessante: a parte il raro Bommine ‘bambino’ (sollecitato dalla rima con spine), si fa notare l’espressione spine spine: non la trovo attestata come tipo sintattico ma è di significato trasparente. È facile pensare a una creazione estemporanea guidata: la ripetizione spine spine è sicuramente sollecitata dalla ripetizione taue taue, e sfrutta una risorsa specifica dei dialetti salentini, nei quali la ripetizione è molto presente, con diverse funzioni: di rafforzamento (rende il superlativo assoluto: la ricotta era fresca fresca), di iterazione (a chianu a chianu lu sta facimu ‘lo facciamo un po’ per volta’), di prossimità (caminava pareti pareti ‘camminava lungo il muro’), ecc. Nel nostro caso rende l’idea di prossimità, ma anche di ripetizione, ‘inventando’ secondo una modalità specificamente salentina.

Quanto al contenuto, è profondamente permeato di religiosità cristiana. Lo attesta non solo la contrapposizione tradizionale – soprattutto nella narrazione per bambini – tra il Bambino Gesù e il Diavolo, simboli rispettivamente della salvezza e della dannazione eterna, ma soprattutto il rilievo che si dà all’etica della sofferenza, della rinuncia, del sacrificio.

Qui non si tratta della sofferenza fisica e del suo significato, ma di una concezione della vita (e del lavoro) basata sul sacrificio personale: soffrire – meglio ancora, cercare la sofferenza – è infinitamente più meritorio che vivere comodamente; ‘camminare sulle spine’ porta al Paradiso, mentre ‘camminare comodi comodi’ porta all’Inferno.

La civiltà che si riflette nei proverbi è intrisa di questa mentalità. E questa visione non si trova solo nei proverbi pugliesi ma nella maggior parte dei proverbi di quasi tutte le aree d’Italia: la cultura popolare esalta la sofferenza, il sacrificio, il dolore, cristianamente considerati viatici indispensabili per l’aldilà: “Soffri il male e aspetta il bene”, “Soffri e taci, ogni cosa ha fine”, “Non v’è mal che non finisca, se si soffre con pazienza”, “Vince colui che soffre e dura”, “Col soffrire s’acquista”, ecc. ecc. Un’etica del dolore, anzi della sofferenza, che molti riconducono alla teologia del peccato originale e che ha conosciuto periodi in cui la rinuncia, la sofferenza, il sacrificio godevano della massima considerazione: l’alto Medioevo, il dopo-Concilio di Trento.

Sarà un caso, che l’oblio dei proverbi abbia avuto una brusca accelerazione proprio negli anni Ottanta del Novecento, quando raggiunse il massimo del suo splendore l’etica del consumo, del salutismo, dell’edonismo?

Altri articoli
Proverbi dialettali   Mogli e buoi… Proverbi dialettali   Quella cattiva reputazione dei preti… Proverbi dialettali   Donna Capra Dal Medioevo a Sgarbi Proverbi dialettali   “Dopo Natale arriva il freddo” I proverbi meteorologici più radicati di quelli religiosi Proverbi dialettali   Un fantastico, modernissimo strumento didattico: la filastrocca Proverbi dialettali   Quando la parodia può sfidare la sacralità Proverbi dialettali   La felicità dipende da come gestiamo il tempo Proverbi dialettali   Se la frasca indica la qualità… Proverbi dialettali   La donna, che ingannatrice! Proverbi dialettali   Quando il proverbio lo dettava il calendario... Proverbi dialettali   Tieniti pronto alle delusioni! Proverbi dialettali   Attenti al sesso femminile! Proverbi dialettali   Quella mancanza di fiducia nella scienza… Proverbi dialettali   Dalla poesia alla “prosa” Questo è l’amore Proverbi dialettali   …Ma l’amore è speranza Proverbi dialettali   “Verba volant” Cosa è cambiato tra oggi e il passato Proverbi dialettali   Dalla filosofia di Eraclito al rock di Vasco “tutto scorre” Proverbi dialettali   Al di là del giardino c’è “l’altro”. L’odioso pregiudizio è duro a morire Proverbi dialettali   Gli ipocriti? Più pericolosi del calcio di un mulo Proverbi dialettali   Nulla è come il vino-sangue di Cristo. Quando la saggezza popolare è “diversamente sofisticata” Proverbi dialettali   La rivincita dei cibi ‘poveri’ Proverbi dialettali   Guai? Ognuno pensi per sé Proverbi dialettali   Ma quale “Eldorado”?! Proverbi dialettali   Saggezza contadina Anche lo Stato dovrebbe considerarla Proverbi dialettali   …Così passa la settimana dello scansafatiche Proverbi dialettali   Niente collera se vuoi mantenerti in salute Proverbi dialettali   Meglio un “praticone” che un “saputone” Proverbi dialettali   Se si ammala un “povero” non c’è speranza Proverbi dialettali   La dura legge della fame Proverbi dialettali   La prima lezione di vita? In una ninna-nanna Proverbi dialettali   Uomo e donna: un vecchio proverbio – incredibile! – sancisce la parità. Per le botte… Proverbi dialettali   Le donne? Streghe che portano alla forca Da usare per l’amore e per far figli Proverbi dialettali   Il matrimonio: che condanna per gli uomini! Proverbi dialettali   Le donne “diaboliche portatrici di perdizione” Proverbi dialettali   Le donne Più vicine al diavolo che all’acqua santa Proverbi dialettali   La perenne diffidenza del popolo verso “la casta” Proverbi dialettali   Una giocosa filastrocca per l’amaro fatalismo dei subalterni Proverbi dialettali   I superprivilegi di chi maneggia il denaro: una storia di sempre Proverbi dialettali   Quell’odioso pregiudizio verso i diversi Proverbi dialettali   Il potere del povero Proverbi dialettali   Se “aggiungi un posto a tavola”… Proverbi dialettali   Le leggi non scritte dell’ingiustizia sociale Proverbi dialettali   La superbia dell’uomo-pulce Proverbi dialettali   Autorità e sudditi Un rapporto senza speranza Proverbi dialettali   Il fatalismo dei deboli Proverbi dialettali   Perché i proverbi