RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Puglia - Proverbi dialettali - Al di là del giardino c’è “l’altro”. L’odioso pregiudizio è duro a morire
Proverbi dialettali
Al di là del giardino c’è “l’altro”.
L’odioso pregiudizio è duro a morire
Fije, mujeri e sciardini
Guàrdate de li vicini

[Figlie, mogli e giardini
Guardati dai vicini]
(Salento)
di Alberto Sobrero
CONDIVIDI Facebook Twitter

Bruno Maggio. China

Torniamo, con questo proverbio, all’interno della famiglia, in una società contadina organizzata sulla base di pochi valori-cardine fondamentali, intorno ai quali ruota ogni momento della vita di tutti i giorni. Il proverbio porta a tema un fattore di perturbazione che può attaccare questi valori e di conseguenza mettere in pericolo gli equilibri della società, e indica – in modo epigrammatico – il rimedio. Che, come spesso accade, è un ‘caveas’, una messa in guardia. Seguendo il consiglio, i valori non saranno intaccati e la società conserverà il suo equilibrio. Cioè, nulla cambierà. Come vuole il mondo dei proverbi, delle massime, dei motti popolari.

Nel nostro caso i valori-cardine sono due: l’intangibilità della ‘roba’ e delle donne di famiglia. A ben vedere si tratta poi di un valore unico: la difesa della proprietà. È proprietà del padrone di casa il giardino – con questa immagine, scelta probabilmente per motivi di rima, ci si riferisce in generale alle proprietà terriere – ma allo stesso titolo sono di sua proprietà anche le donne della sua famiglia: la moglie e la figlia. Si difende la proprietà terriera come si difende il possesso delle donne di casa. Da chi?

Ogni comunità, piccola o grande, nel momento stesso in cui si costituisce come tale delimita i suoi spazi e traccia i confini che la separano dalle comunità limitrofe: da questo momento il vicino, che sta appena al di là dei confini e che molto probabilmente prima della confinazione era parente o amico, diventa l’altro, quello da cui ci si differenzia, il diverso. Potenzialmente nemico, sicuramente ostile. Avere un vicino ostile serve per marcare il territorio dell’identità sociale e culturale: lo si ridisegna con stereotipi negativi, così che si presti ad essere deriso e, se è il caso, insultato. Tenendolo a distanza, la comunità si difende da possibili incroci, scambi, esogamie, che sbiadendo i suoi contorni ne indebolirebbero l’identità.

Lo stereotipo negativo fra vicini colpisce comunità di Stati (gli italiani sono mafiosi, i francesi sporchi, i tedeschi ottusi), di regioni (i liguri sono avari, i piemontesi polentoni, i lombardi razzisti), di città (torinesi falsi e cortesi, vicentini magna gatti, veronesi tutti matti, romani spocchiosi…). E colpisce gruppi sociali ancora più piccoli: i borghi, i quartieri, i caseggiati, le famiglie.

Ecco dunque il nemico-tipo dal quale difendersi: il vicino. In quanto ‘altro’ da te, estraneo al nucleo sociale che tu difendi (la tua famiglia), per principio tu lo devi sospettare di malvagità, di doppiezza, di istinto predatorio. E lo devi tenere alla larga.

Il nostro proverbio porta dunque in primo piano due componenti fondamentali della cultura contadina: l’ossessione della ‘roba’ e la denigrazione dell’altro. Con due corollari importanti:

1) nella ‘roba’ è compresa la donna, tanto nel ruolo di moglie quanto nel ruolo di figlia. Non solo: significativamente mogli e figlie occupano i primi due posti della triade del primo verso, mentre i terreni sono solo al terzo posto, per giunta ‘ingentiliti’ da una scelta lessicale – giardini – che nel rude mondo contadino ne indebolisce la forza semantica. Vuol dire che è proprio il patrimonio ‘donne’ quello che corre i rischi maggiori.

2) la diffidenza ‘a prescindere’ verso il vicino rimanda a rapporti sociali fortemente conflittuali, basati molto più sulla massima “homo homini lupus” che sull’etica cristiana. Ma questo non significa necessariamente che il proverbio affondi le sue radici in ere precristiane. A giudicare dalla nostra esperienza quotidiana, anzi, i vicinati conflittuali sono una realtà ancora oggi pressoché normale.

E quanto alla donna come oggetto passivo di proprietà del maschio… siamo sicuri di poter guardare dall’alto in basso il mondo rappresentato nel nostro proverbio? Quante volte, al contrario, ci sorprendiamo a pensare di vivere ancor oggi in società premoderne, se non primitive? Una volta tanto, dunque, nonostante le apparenze il proverbio rimanda solo in parte al mondo del passato. Purtroppo.

Altri articoli
Proverbi dialettali   Mogli e buoi… Proverbi dialettali   Quella cattiva reputazione dei preti… Proverbi dialettali   Donna Capra Dal Medioevo a Sgarbi Proverbi dialettali   “Dopo Natale arriva il freddo” I proverbi meteorologici più radicati di quelli religiosi Proverbi dialettali   Un fantastico, modernissimo strumento didattico: la filastrocca Proverbi dialettali   Quando la parodia può sfidare la sacralità Proverbi dialettali   La felicità dipende da come gestiamo il tempo Proverbi dialettali   Se la frasca indica la qualità… Proverbi dialettali   La donna, che ingannatrice! Proverbi dialettali   Quando il proverbio lo dettava il calendario... Proverbi dialettali   Tieniti pronto alle delusioni! Proverbi dialettali   Attenti al sesso femminile! Proverbi dialettali   Quella mancanza di fiducia nella scienza… Proverbi dialettali   Per conquistare il paradiso… bisogna soffrire Proverbi dialettali   Dalla poesia alla “prosa” Questo è l’amore Proverbi dialettali   …Ma l’amore è speranza Proverbi dialettali   “Verba volant” Cosa è cambiato tra oggi e il passato Proverbi dialettali   Dalla filosofia di Eraclito al rock di Vasco “tutto scorre” Proverbi dialettali   Gli ipocriti? Più pericolosi del calcio di un mulo Proverbi dialettali   Nulla è come il vino-sangue di Cristo. Quando la saggezza popolare è “diversamente sofisticata” Proverbi dialettali   La rivincita dei cibi ‘poveri’ Proverbi dialettali   Guai? Ognuno pensi per sé Proverbi dialettali   Ma quale “Eldorado”?! Proverbi dialettali   Saggezza contadina Anche lo Stato dovrebbe considerarla Proverbi dialettali   …Così passa la settimana dello scansafatiche Proverbi dialettali   Niente collera se vuoi mantenerti in salute Proverbi dialettali   Meglio un “praticone” che un “saputone” Proverbi dialettali   Se si ammala un “povero” non c’è speranza Proverbi dialettali   La dura legge della fame Proverbi dialettali   La prima lezione di vita? In una ninna-nanna Proverbi dialettali   Uomo e donna: un vecchio proverbio – incredibile! – sancisce la parità. Per le botte… Proverbi dialettali   Le donne? Streghe che portano alla forca Da usare per l’amore e per far figli Proverbi dialettali   Il matrimonio: che condanna per gli uomini! Proverbi dialettali   Le donne “diaboliche portatrici di perdizione” Proverbi dialettali   Le donne Più vicine al diavolo che all’acqua santa Proverbi dialettali   La perenne diffidenza del popolo verso “la casta” Proverbi dialettali   Una giocosa filastrocca per l’amaro fatalismo dei subalterni Proverbi dialettali   I superprivilegi di chi maneggia il denaro: una storia di sempre Proverbi dialettali   Quell’odioso pregiudizio verso i diversi Proverbi dialettali   Il potere del povero Proverbi dialettali   Se “aggiungi un posto a tavola”… Proverbi dialettali   Le leggi non scritte dell’ingiustizia sociale Proverbi dialettali   La superbia dell’uomo-pulce Proverbi dialettali   Autorità e sudditi Un rapporto senza speranza Proverbi dialettali   Il fatalismo dei deboli Proverbi dialettali   Perché i proverbi