RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Puglia - Proverbi dialettali - Nulla è come il vino-sangue di Cristo. Quando la saggezza popolare è “diversamente sofisticata”
Proverbi dialettali
Nulla è come il vino-sangue di Cristo.
Quando la saggezza popolare è “diversamente sofisticata”
È u vére ca re carne de Criste so’ preziose frutte
Ma u sanghe de Criste è cchiù sàupe de tutte

[È vero che la carne di Cristo è un frutto prezioso
ma il sangue di Cristo è al di sopra di tutto]
(Ruvo di Puglia)
di Alberto Sobrero
CONDIVIDI Facebook Twitter

Bruno Maggio. China

Questo proverbio si colloca sul crinale sottile che, nella cultura popolare, separa l’ortodossia dall’empietà. È una delle molte testimonianze di come due mondi opposti per definizione inconciliabili possano non solo convivere ma in molti casi fondersi senza problemi nel mondo contadino antico: che è religioso ma anche, nello stesso tempo, superstizioso, concreto e disincantato. Perennemente sospeso fra cielo e terra.

Non c’è nulla di più teoricamente sofisticato, nella teologia cattolica, del principio della transustanziazione, ossia della conversione della sostanza del pane e del vino in quella del corpo e del sangue di Gesù Cristo nella liturgia della Santa Messa. Su questo tema si è giocata nei secoli una guerra fratricida che ha portato addirittura alla scissione della chiesa luterana dalla cattolica: l’una sosteneva che nel rito della consacrazione pane e vino non mutano la loro natura, l’altra viceversa che si convertono nel corpo e nel sangue di Gesù, con argomentazioni dottrinali complicatissime.

Un evento così traumatico nella storia di tutta l’Europa non poteva passare senza lasciare tracce nella cultura popolare. Ma come potevano transitare nella cultura popolare disquisizioni dottrinali così complesse, così astratte? Solo con operazioni di traduzione dall’astratto al concreto, dalla teologia alla vita di tutti i giorni. La rappresentazione plastica della transustanziazione poteva solo avvenire attraverso immagini concrete: in questo caso particolare, le immagini del pane e del vino da una parte, del corpo e del sangue dall’altra.

Ma, una volta identificati gli oggetti del contendere, come trasformare il dibattito fra teorie incomprensibili in un problema che si possa comprendere, affrontare e risolvere con i mezzi della cultura materiale? Il nostro proverbio ci rivela una delle strategie possibili, ed è una scoperta molto interessante: ci rivela un procedimento sofisticato, scandito su tre tempi:

a) inizia con una ‘transustanziazione a rovescio’: è il corpo che si fa pane, ed è il sangue che si fa vino. Protagonisti dello scontro diventano così il pane e il vino;

b) si imposta il problema come una gara, con un vincitore e un vinto. A questo punto è facile giocare la partita: fra il pane e il vino non c’è storia, vince di gran lunga il vino;

c) si ‘ritraduce’ il vino in ‘sangue di Cristo’ e il pane in ‘corpo di Cristo’, ripristinando la situazione di partenza, e si enuncia il risultato della partita: È u vére ca re carne de Criste so’ preziose frutte / ma u sanghe de Criste è cchiù sàupe de tutte.

Un problema teologico, che più teologico non si può, ha trovato una soluzione laica, che più laica non si può.

Ecco un esempio da manuale, una dimostrazione evidente del fatto che la saggezza popolare non è semplice, povera, ingenua: al contrario, è sofisticata, ma semplicemente percorre strade diverse da quelle della sapienza teologale, con la quale noi stessi, per mille ragioni storiche, abbiamo ben maggiore dimestichezza. Per usare la terminologia oggi in uso, non è rozza: è diversamente sofisticata.

Altri articoli
Proverbi dialettali   Mogli e buoi… Proverbi dialettali   Quella cattiva reputazione dei preti… Proverbi dialettali   Donna Capra Dal Medioevo a Sgarbi Proverbi dialettali   “Dopo Natale arriva il freddo” I proverbi meteorologici più radicati di quelli religiosi Proverbi dialettali   Un fantastico, modernissimo strumento didattico: la filastrocca Proverbi dialettali   Quando la parodia può sfidare la sacralità Proverbi dialettali   La felicità dipende da come gestiamo il tempo Proverbi dialettali   Se la frasca indica la qualità… Proverbi dialettali   La donna, che ingannatrice! Proverbi dialettali   Quando il proverbio lo dettava il calendario... Proverbi dialettali   Tieniti pronto alle delusioni! Proverbi dialettali   Attenti al sesso femminile! Proverbi dialettali   Quella mancanza di fiducia nella scienza… Proverbi dialettali   Per conquistare il paradiso… bisogna soffrire Proverbi dialettali   Dalla poesia alla “prosa” Questo è l’amore Proverbi dialettali   …Ma l’amore è speranza Proverbi dialettali   “Verba volant” Cosa è cambiato tra oggi e il passato Proverbi dialettali   Dalla filosofia di Eraclito al rock di Vasco “tutto scorre” Proverbi dialettali   Al di là del giardino c’è “l’altro”. L’odioso pregiudizio è duro a morire Proverbi dialettali   Gli ipocriti? Più pericolosi del calcio di un mulo Proverbi dialettali   La rivincita dei cibi ‘poveri’ Proverbi dialettali   Guai? Ognuno pensi per sé Proverbi dialettali   Ma quale “Eldorado”?! Proverbi dialettali   Saggezza contadina Anche lo Stato dovrebbe considerarla Proverbi dialettali   …Così passa la settimana dello scansafatiche Proverbi dialettali   Niente collera se vuoi mantenerti in salute Proverbi dialettali   Meglio un “praticone” che un “saputone” Proverbi dialettali   Se si ammala un “povero” non c’è speranza Proverbi dialettali   La dura legge della fame Proverbi dialettali   La prima lezione di vita? In una ninna-nanna Proverbi dialettali   Uomo e donna: un vecchio proverbio – incredibile! – sancisce la parità. Per le botte… Proverbi dialettali   Le donne? Streghe che portano alla forca Da usare per l’amore e per far figli Proverbi dialettali   Il matrimonio: che condanna per gli uomini! Proverbi dialettali   Le donne “diaboliche portatrici di perdizione” Proverbi dialettali   Le donne Più vicine al diavolo che all’acqua santa Proverbi dialettali   La perenne diffidenza del popolo verso “la casta” Proverbi dialettali   Una giocosa filastrocca per l’amaro fatalismo dei subalterni Proverbi dialettali   I superprivilegi di chi maneggia il denaro: una storia di sempre Proverbi dialettali   Quell’odioso pregiudizio verso i diversi Proverbi dialettali   Il potere del povero Proverbi dialettali   Se “aggiungi un posto a tavola”… Proverbi dialettali   Le leggi non scritte dell’ingiustizia sociale Proverbi dialettali   La superbia dell’uomo-pulce Proverbi dialettali   Autorità e sudditi Un rapporto senza speranza Proverbi dialettali   Il fatalismo dei deboli Proverbi dialettali   Perché i proverbi