RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Puglia - Proverbi dialettali - Le donne? Streghe che portano alla forca Da usare per l’amore e per far figli
Proverbi dialettali
Le donne? Streghe che portano alla forca
Da usare per l’amore e per far figli
La fèmmene fasce la forche e u uòmmene se mbbènne
[La donna prepara la forca e l’uomo vi s’impicca]
(Puglia settentrionale)
di Alberto Sobrero
CONDIVIDI Facebook Twitter

Bruno Maggio. China

Format “Chi dice donna dice danno”. Plot crudele, location spietata. Ci fa immaginare la piazza principale addobbata come per le grandi ricorrenze, un brulicare di folla eccitata e assetata di sangue, e il povero marito che s’avvia al patibolo, dove la moglie perfidamente soddisfatta sta dando gli ultimi ritocchi alla forca che ha appena finito di allestire. È un’immagine cruda, tratta dalla galleria delle figure femminili che popolano i proverbi pugliesi: una galleria, però, molto particolare.

Nei proverbi si riflettono i vizi (tanti) e le virtù (poche) del genere umano, e troviamo perciò personaggi dai caratteri più diversi: l’imbroglione e l’ingenuo, il servo e il padrone, l’avaro e il prodigo, il vincente e il perdente, la cicala e la formica, il lupo e l’agnello… Questo per gli uomini. Per le donne è diverso. Non ci sono astute e ingenue, dominatrici e oppresse, perfide e soavi, streghe e fate, ma solo (o quasi solo) donne astute, donne dominatrici, donne perfide. Streghe. E il loro rapporto con l’uomo non potrebbe essere più conflittuale.

Per ricostruire il quadro scorriamo qualche altro proverbio, sempre dell’area barese: le donne che si fanno apprezzare sono rarissime:

Le fèmmene sò ccome a le melune / oggne e ccìinde n’acchie iune

[Le donne sono come meloni / ogni cento ne trovi una buona].

In realtà sono tutte furbe di tre cotte:

La fèmmene è nnate prime du diàuue

[La donna è nata prima del diavolo]

e usano la loro arma più potente – la seduzione – sempre ai danni dell’uomo. Con la bellezza nascondono i vizi dell’anima:

La fèmmene iè ccome la castagne / da fore iè bbone e iìnde tène la magagne

[La donna è come la castagna / di fuori è bella e dentro nasconde la magagna]

e hanno un potere immenso sull’uomo perché gli fanno perdere il controllo di se stesso, come quando è ubriaco fradicio:

Fèmmene e mmìire lèvene u gedìzzie o u uòmmene

[Donne e vino portano via il giudizio all’uomo].

L’uomo deve temere i baci della donna, perché attraverso i baci lei vorrebbe Abusare della sua disponibilità affettiva:

Fèmmene e peccenìnne se vàsene aquanne dòrmene

[Donne e bambini si baciano solo quando dormono].

Alla larga, dunque, dal matrimonio:

Iòmmene nzerate / mìinze nguaiate

[Uomo sposato / per metà inguaiato]

Ci pigghie megghière pigghie uà

[Chi prende moglie prende guai].

Infatti

U prim’anne a ccore a ccore / u second’anne a ccule a ccule / u terz’anne a ccalge n-gule

[Il primo anno cuore a cuore / il secondo culo a culo / il terzo a calci in culo].

E allora, come si deve comportare un uomo sposato? Ha due strategie a disposizione, l’una per gestire la donna di casa, l’altra per le altre donne. Se la moglie non lo soddisfa la regola è:

Quanne iàcchie la mala megghière / fave credìve e lliòne de père

[Quando ti ritrovi una cattiva moglie / fave per minestra e botte di legno di pero sulle spalle].

Ma può l’uomo accontentarsi di una donna ‘mala’? No, seguirà la regola aurea:

Cìinde pe fenèste / e iùne pe requèste

[Cento donne per finestra (per il tuo piacere) / e una da tenere come una reliquia].

Con questo tratto il quadro del rapporto uomo-donna nei proverbi è quasi completo. Per dargli un titolo emblematico potremmo attingere a un detto antico ancor più crudo, riportato nei Diurnali di Matteo Spinelli da Giovinazzo (1258) e attribuito addirittura a re Manfredi:

Le fèmmine songo sacchi.

Proprio così: sono buone da riempire e da svuotare. Servono giusto all’uomo per fare l’amore (ma il verbo adatto sarebbe un altro, meno nobile) e per fare figli.

Ora che abbiamo un quadro un po’ più completo della considerazione in cui era tenuta la donna, scommetto che qualcuna fra le nostre lettrici proverà meno orrore per quella piazza, per quella folla, per quella forca. O no?

Altri articoli
Proverbi dialettali   Mogli e buoi… Proverbi dialettali   Quella cattiva reputazione dei preti… Proverbi dialettali   Donna Capra Dal Medioevo a Sgarbi Proverbi dialettali   “Dopo Natale arriva il freddo” I proverbi meteorologici più radicati di quelli religiosi Proverbi dialettali   Un fantastico, modernissimo strumento didattico: la filastrocca Proverbi dialettali   Quando la parodia può sfidare la sacralità Proverbi dialettali   La felicità dipende da come gestiamo il tempo Proverbi dialettali   Se la frasca indica la qualità… Proverbi dialettali   La donna, che ingannatrice! Proverbi dialettali   Quando il proverbio lo dettava il calendario... Proverbi dialettali   Tieniti pronto alle delusioni! Proverbi dialettali   Attenti al sesso femminile! Proverbi dialettali   Quella mancanza di fiducia nella scienza… Proverbi dialettali   Per conquistare il paradiso… bisogna soffrire Proverbi dialettali   Dalla poesia alla “prosa” Questo è l’amore Proverbi dialettali   …Ma l’amore è speranza Proverbi dialettali   “Verba volant” Cosa è cambiato tra oggi e il passato Proverbi dialettali   Dalla filosofia di Eraclito al rock di Vasco “tutto scorre” Proverbi dialettali   Al di là del giardino c’è “l’altro”. L’odioso pregiudizio è duro a morire Proverbi dialettali   Gli ipocriti? Più pericolosi del calcio di un mulo Proverbi dialettali   Nulla è come il vino-sangue di Cristo. Quando la saggezza popolare è “diversamente sofisticata” Proverbi dialettali   La rivincita dei cibi ‘poveri’ Proverbi dialettali   Guai? Ognuno pensi per sé Proverbi dialettali   Ma quale “Eldorado”?! Proverbi dialettali   Saggezza contadina Anche lo Stato dovrebbe considerarla Proverbi dialettali   …Così passa la settimana dello scansafatiche Proverbi dialettali   Niente collera se vuoi mantenerti in salute Proverbi dialettali   Meglio un “praticone” che un “saputone” Proverbi dialettali   Se si ammala un “povero” non c’è speranza Proverbi dialettali   La dura legge della fame Proverbi dialettali   La prima lezione di vita? In una ninna-nanna Proverbi dialettali   Uomo e donna: un vecchio proverbio – incredibile! – sancisce la parità. Per le botte… Proverbi dialettali   Il matrimonio: che condanna per gli uomini! Proverbi dialettali   Le donne “diaboliche portatrici di perdizione” Proverbi dialettali   Le donne Più vicine al diavolo che all’acqua santa Proverbi dialettali   La perenne diffidenza del popolo verso “la casta” Proverbi dialettali   Una giocosa filastrocca per l’amaro fatalismo dei subalterni Proverbi dialettali   I superprivilegi di chi maneggia il denaro: una storia di sempre Proverbi dialettali   Quell’odioso pregiudizio verso i diversi Proverbi dialettali   Il potere del povero Proverbi dialettali   Se “aggiungi un posto a tavola”… Proverbi dialettali   Le leggi non scritte dell’ingiustizia sociale Proverbi dialettali   La superbia dell’uomo-pulce Proverbi dialettali   Autorità e sudditi Un rapporto senza speranza Proverbi dialettali   Il fatalismo dei deboli Proverbi dialettali   Perché i proverbi