RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Puglia - Proverbi dialettali - Le donne “diaboliche portatrici di perdizione”
Proverbi dialettali
Le donne
“diaboliche portatrici di perdizione”
La fimmena tene quatte pannère
carcere, malatì, forche e galère

[La donna ha quattro bandiere / carcere, malattie, forche e galere]
(Diffuso in tutta la Puglia)
di Alberto Sobrero
CONDIVIDI Facebook Twitter

Bruno Maggio. China

      La donna, nella cultura popolare, è quasi sempre la sentina di tutti i mali. Utilizzando una decina di parole, questo proverbio fa un giro d’orizzonte completo su tutti i mali prodotti da questa creatura infernale, ai danni dell’uomo. Cerchiamo di entrare nella mentalità che ha prodotto proverbi come questo e di ragionare allo stesso modo. I regali che la donna ti può fare sono quattro:

      Carcere. Le malefatte che possono portare l’uomo a patire le pene del carcere sono tante, ma discendono tutte dalle malefiche arti femminili. Le cause più probabili: la donna ti riduce in miseria e ti costringe a furti, rapine, truffe per soddisfare la sua bramosia di agi e ricchezze; se è bella e onesta tu, da vero uomo, devi difendere la sua virtù insidiata, o addirittura vendicare le offese che ha ricevuto, e questo quasi certamente fa di te un carcerato, o un latitante; se è bella e civetta con altri uomini tu, che naturalmente sei un vero uomo, devi vendicare il tuo onore offeso: la chiudi in casa e la picchi (e fin qui la giustizia può chiudere un occhio) ma se poi devi arrivare al delitto d’onore può anche accadere che un giudice ti mandi per qualche mese in prigione. In ogni caso, se sei in carcere è colpa della donna.

      Malattie. La donna è così volubile e malvagia che ti procura pene infinite. Impossibile evitare malattie: se è troppo intraprendente ti sfianca, se non ti soddisfa il tuo fisico s’indebolisce fino ad ammalarsi; se è avida e incontentabile – difetto molto diffuso nel genere femminile – ti dannerai l’anima per lei, lavorerai notte e giorno per farle far bella figura in società ma lei non sarà mai contenta e tu, ormai senza forze, deperirai fino a morire d’inedia. In ogni caso, se ti ammali è colpa della donna.

      Forche. E se, per colpa di una donna, e per comportarti da vero uomo, diventi un assassino? Per te c’è la pena capitale: la forca ti aspetta. Anche in questo caso, se sali al patibolo la colpa è della donna.

      C’è un crescendo nella successione di queste tre pene: il carcere (una pena tutto sommato minore), le malattie (una pena grave), l’impiccagione (la pena massima). L’elenco si potrebbe dunque fermare a tre: invece prosegue con una quarta pena, che curiosamente ripete la prima: la galera, ovvero la prigione. Perché?

      Le spiegazioni possibili sono due, e nessuna riguarda il contenuto del proverbio. Sono entrambe lontane dalla nostra sensibilità ma riguardano fattori che sono molto importanti, anzi centrali nella natura e nella storia dei proverbi.

      La prima è l’importanza della rima. I proverbi si tramandavano da una generazione all’altra come piccole poesie, con una metrica, per lo più molto semplice, e un’intelaiatura di accenti e rime facilmente memorizzabili. La maggior parte era costituita da coppie di versi rimati: nel nostro caso due endecasillabi. L’aggiunta di una quarta ‘bandiera’ si spiega con la necessità di raggiungere le undici sillabe nel secondo verso, e di trovare una rima. Si è risolto il problema aggiungendo “galere”, che rima con “pannère”.

      La seconda spiegazione sta nell’importanza del numero quattro. Nei proverbi ricorrono molto spesso i numeri ‘magici’: uno, tre sette, tredici… Fra questi, il quattro è tradizionalmente considerato ‘il più perfetto’: è la prima potenza matematica, è la somma dell’Uno e del Trino, e dunque è simbolo dell’Eterno. Nella filosofia antica quattro erano gli Elementi (Fuoco, Acqua, Aria e Terra); per gli ebrei quattro sono le lettere che compongono il nome di Dio (JHWH); per i cristiani quattro gli Evangelisti e i cavalieri dell’Apocalisse; nella tradizione scolastica medievale quattro le arti del Quadrivio (aritmetica, geometria, astronomia, musica); nella dimensione del tempo quattro sono le stagioni e quattro le fasi lunari; nella dimensione dello spazio quattro i punti cardinali; e così via. Nella cultura tradizionale il numero dei componenti di un elenco non è mai casuale: a maggior ragione non lo è in un tipo di testo così antico e popolare come il proverbio. Se quattro sono gli elementi di un elenco, l’elenco è perfetto, e questo assicura la verità di quanto asserisce.

      La filosofia misogina del contenuto viene così confezionata in una forma geometricamente perfetta. Il proverbio diventa, per forma e per contenuto, messaggio di una Verità indiscutibile, scolpita nel marmo per l’eternità: la donna è, con assoluta certezza, una condanna alle malattie, al carcere, alla morte.

      E poi dicono che la comunicazione efficace l’abbiamo inventata noi…

Altri articoli
Proverbi dialettali   Mogli e buoi… Proverbi dialettali   Quella cattiva reputazione dei preti… Proverbi dialettali   Donna Capra Dal Medioevo a Sgarbi Proverbi dialettali   “Dopo Natale arriva il freddo” I proverbi meteorologici più radicati di quelli religiosi Proverbi dialettali   Un fantastico, modernissimo strumento didattico: la filastrocca Proverbi dialettali   Quando la parodia può sfidare la sacralità Proverbi dialettali   La felicità dipende da come gestiamo il tempo Proverbi dialettali   Se la frasca indica la qualità… Proverbi dialettali   La donna, che ingannatrice! Proverbi dialettali   Quando il proverbio lo dettava il calendario... Proverbi dialettali   Tieniti pronto alle delusioni! Proverbi dialettali   Attenti al sesso femminile! Proverbi dialettali   Quella mancanza di fiducia nella scienza… Proverbi dialettali   Per conquistare il paradiso… bisogna soffrire Proverbi dialettali   Dalla poesia alla “prosa” Questo è l’amore Proverbi dialettali   …Ma l’amore è speranza Proverbi dialettali   “Verba volant” Cosa è cambiato tra oggi e il passato Proverbi dialettali   Dalla filosofia di Eraclito al rock di Vasco “tutto scorre” Proverbi dialettali   Al di là del giardino c’è “l’altro”. L’odioso pregiudizio è duro a morire Proverbi dialettali   Gli ipocriti? Più pericolosi del calcio di un mulo Proverbi dialettali   Nulla è come il vino-sangue di Cristo. Quando la saggezza popolare è “diversamente sofisticata” Proverbi dialettali   La rivincita dei cibi ‘poveri’ Proverbi dialettali   Guai? Ognuno pensi per sé Proverbi dialettali   Ma quale “Eldorado”?! Proverbi dialettali   Saggezza contadina Anche lo Stato dovrebbe considerarla Proverbi dialettali   …Così passa la settimana dello scansafatiche Proverbi dialettali   Niente collera se vuoi mantenerti in salute Proverbi dialettali   Meglio un “praticone” che un “saputone” Proverbi dialettali   Se si ammala un “povero” non c’è speranza Proverbi dialettali   La dura legge della fame Proverbi dialettali   La prima lezione di vita? In una ninna-nanna Proverbi dialettali   Uomo e donna: un vecchio proverbio – incredibile! – sancisce la parità. Per le botte… Proverbi dialettali   Le donne? Streghe che portano alla forca Da usare per l’amore e per far figli Proverbi dialettali   Il matrimonio: che condanna per gli uomini! Proverbi dialettali   Le donne Più vicine al diavolo che all’acqua santa Proverbi dialettali   La perenne diffidenza del popolo verso “la casta” Proverbi dialettali   Una giocosa filastrocca per l’amaro fatalismo dei subalterni Proverbi dialettali   I superprivilegi di chi maneggia il denaro: una storia di sempre Proverbi dialettali   Quell’odioso pregiudizio verso i diversi Proverbi dialettali   Il potere del povero Proverbi dialettali   Se “aggiungi un posto a tavola”… Proverbi dialettali   Le leggi non scritte dell’ingiustizia sociale Proverbi dialettali   La superbia dell’uomo-pulce Proverbi dialettali   Autorità e sudditi Un rapporto senza speranza Proverbi dialettali   Il fatalismo dei deboli Proverbi dialettali   Perché i proverbi