RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Puglia - Proverbi dialettali - Quell’odioso pregiudizio verso i diversi
Proverbi dialettali
Quell’odioso pregiudizio verso i diversi Ddiu li sègna, e tu javìtili!
[Dio li contrassegna, e tu evitali]
(Tarantino)
di Alberto Sobrero
CONDIVIDI Facebook Twitter

Bruno Maggio. China

       La lettura di questo proverbio è molto facile, e anche gratificante per noi ‘moderni’. È la condanna senza appello di chi è ‘segnato’ dall’handicap (uno zoppo, uno sciancato, un sordomuto), una condanna per noi segno di arretratezza, di barbarie, di inciviltà, espressione di una concezione superstiziosa e fondamentalista della religione, che ha le sue radici nella lunga fase dell’innesto del Cristianesimo sulla base religiosa pagana e occupa tutto il Medioevo e ben oltre, sino al Settecento, il secolo della scienza e del progresso, di cui siamo (o almeno diciamo di essere) figli.
      Una concezione che identificava rozzamente la pratica religiosa con la contrapposizione manichea tra il Bene e il Male, e aveva come conseguenza la caccia senza quartiere al Maligno e alle sue molteplici incarnazioni: le streghe, i posseduti dal Diavolo, i deformi, tutti i ‘diversi’, in qualche modo marchiati da segni riconducibili al Maligno.
      Se è vero che i proverbi sono una forma di legge non scritta che governava la società, dobbiamo dunque pensare ai nostri avi come a una società che selezionava i suoi membri sulla base dell’integrità fisica, ed era ferocemente impietosa verso i più sfortunati.
      Ma era proprio così? E noi siamo così civili, progrediti ecc. come ci vantiamo di essere? Torno con il ricordo agli anni della mia prima infanzia, in un paesino allora bloccato a un livello di modernità suppergiù paragonabile al Medioevo: con i rapporti di mezzadria più vicini alla servitù della gleba che alla colonìa, circolazione di danaro così scarsa che i rapporti commerciali si regolavano più spesso con forme di baratto, ecc. Ebbene, nel mio paesino – ma anche in quelli vicini, a quanto ricordo – vivevano due-tre giovani portatori di handicap anche gravi (uno era anche un trovatello) sia di tipo fisico che cognitivo (allora si diceva semplicemente ‘scemi’). È vero, i ragazzi ‘normali’ li prendevano in giro, spesso li sbeffeggiavano, ma mai con la cattiveria che vediamo oggi in sciagurati filmati esibiti su Youtube; e, soprattutto, nel paese c’era sempre qualcuno che – magari a rotazione - si occupava di loro, assicurando vitto e alloggio e un minimo di assistenza (in cambio, ad esempio, di lavoretti compatibili con l’handicap). Insomma la comunità, sia pure entro certi limiti, se ne faceva carico. Non sarà il massimo, ma c’era attenzione e persino – per molti versi – rispetto. E oggi? Abbiamo demandato tutto a strutture che si stanno rivelando sempre più insufficienti, e in compenso non avvertiamo più il problema come nostro: non ci faremmo più carico in nessun modo di questi estranei in difficoltà.
      In questo caso, dunque, il proverbio è contraddetto dalla realtà? Sì e no. Il fatto è che non tutti i proverbi nascono dallo stesso ambiente, dallo stesso strato sociale. Questo sembra nascere, piuttosto che dal popolo, dalla precettistica della ‘Chiesa persecutrice’, che vedeva nell’essere deforme l’impronta delle fattezze del Diavolo. A conferma, un altro proverbio sulla stesso tema ancor oggi noto nel Tarantino: Ntra nnu cuérpu stuértu / no ppò sta nn’anima tretta [In un corpo storto / non può stare un’anima dritta]: qui la terminologia e la stessa tecnica argomentativa riecheggiano esplicitamente diatribe medievali su anima e corpo, più che il sentire dell’uomo della strada.
      In conclusione, credo si possa dire che non una ma almeno due sono le matrici socio-ambientali del proverbio in Italia: la piazza e l’altare. Rispecchiando esattamente il doppio binario sul quale corre ancor oggi la vita della nostra società: laico e religioso, tollerante e intollerante, solidarista e individualista.

Altri articoli
Proverbi dialettali   Mogli e buoi… Proverbi dialettali   Quella cattiva reputazione dei preti… Proverbi dialettali   Donna Capra Dal Medioevo a Sgarbi Proverbi dialettali   “Dopo Natale arriva il freddo” I proverbi meteorologici più radicati di quelli religiosi Proverbi dialettali   Un fantastico, modernissimo strumento didattico: la filastrocca Proverbi dialettali   Quando la parodia può sfidare la sacralità Proverbi dialettali   La felicità dipende da come gestiamo il tempo Proverbi dialettali   Se la frasca indica la qualità… Proverbi dialettali   La donna, che ingannatrice! Proverbi dialettali   Quando il proverbio lo dettava il calendario... Proverbi dialettali   Tieniti pronto alle delusioni! Proverbi dialettali   Attenti al sesso femminile! Proverbi dialettali   Quella mancanza di fiducia nella scienza… Proverbi dialettali   Per conquistare il paradiso… bisogna soffrire Proverbi dialettali   Dalla poesia alla “prosa” Questo è l’amore Proverbi dialettali   …Ma l’amore è speranza Proverbi dialettali   “Verba volant” Cosa è cambiato tra oggi e il passato Proverbi dialettali   Dalla filosofia di Eraclito al rock di Vasco “tutto scorre” Proverbi dialettali   Al di là del giardino c’è “l’altro”. L’odioso pregiudizio è duro a morire Proverbi dialettali   Gli ipocriti? Più pericolosi del calcio di un mulo Proverbi dialettali   Nulla è come il vino-sangue di Cristo. Quando la saggezza popolare è “diversamente sofisticata” Proverbi dialettali   La rivincita dei cibi ‘poveri’ Proverbi dialettali   Guai? Ognuno pensi per sé Proverbi dialettali   Ma quale “Eldorado”?! Proverbi dialettali   Saggezza contadina Anche lo Stato dovrebbe considerarla Proverbi dialettali   …Così passa la settimana dello scansafatiche Proverbi dialettali   Niente collera se vuoi mantenerti in salute Proverbi dialettali   Meglio un “praticone” che un “saputone” Proverbi dialettali   Se si ammala un “povero” non c’è speranza Proverbi dialettali   La dura legge della fame Proverbi dialettali   La prima lezione di vita? In una ninna-nanna Proverbi dialettali   Uomo e donna: un vecchio proverbio – incredibile! – sancisce la parità. Per le botte… Proverbi dialettali   Le donne? Streghe che portano alla forca Da usare per l’amore e per far figli Proverbi dialettali   Il matrimonio: che condanna per gli uomini! Proverbi dialettali   Le donne “diaboliche portatrici di perdizione” Proverbi dialettali   Le donne Più vicine al diavolo che all’acqua santa Proverbi dialettali   La perenne diffidenza del popolo verso “la casta” Proverbi dialettali   Una giocosa filastrocca per l’amaro fatalismo dei subalterni Proverbi dialettali   I superprivilegi di chi maneggia il denaro: una storia di sempre Proverbi dialettali   Il potere del povero Proverbi dialettali   Se “aggiungi un posto a tavola”… Proverbi dialettali   Le leggi non scritte dell’ingiustizia sociale Proverbi dialettali   La superbia dell’uomo-pulce Proverbi dialettali   Autorità e sudditi Un rapporto senza speranza Proverbi dialettali   Il fatalismo dei deboli Proverbi dialettali   Perché i proverbi