RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Puglia - Proverbi dialettali - Il potere del povero
Proverbi dialettali
Il potere del povero Ttre su’ lli putenti
lu rre, lu papa, e cci nu ttene gnenti

[Tre sono i potenti / il re, il papa, e chi non ha niente]
(Salento)
di Alberto Sobrero
CONDIVIDI Facebook Twitter

Bruno Maggio. China

 

      Protagonista di questo proverbio è il numero tre. Fra le tante curiosità che riguardano la struttura dei proverbi l’importanza di questo numero è una delle più intriganti. Nicola de Donno ha dedicato un bel libretto a Il numero tre nell’immaginario popolare di Terra d’Otranto (Congedo editore): vi sono elencati ben 516 proverbi ‘ternari’, nei quali il contenuto è sempre distribuito su tre fatti, o tre oggetti, o tre condizioni.

      Il numero tre, come sappiamo, sia nelle culture classiche che nelle culture ‘altre’ ha un ruolo particolare: dà la chiave d’accesso per capire le leggi armoniche dell’universo, e ha un valore altamente simbolico, come pietra angolare dell’ordinamento cosmico. In molte religioni è un archetipo del divino: tre sono le Grazie, le Parche, le Gorgoni, le Erinni, tre sono le persone divine della Trimurti (Brahma, Shiva, Vishnù), tre le persone della Santissima Trinità, ecc.

      Ma il numero tre non porta con sé solo quest’aura misterico-religiosa: nel tempo, ha dato luogo a strutture ritmiche pressoché universali, che hanno governato e ancora governano la musica, i versi, i frammenti e le poesie tramandate a voce nei lunghi secoli della cultura orale.

      I proverbi sono l’ultima testimonianza ancora viva di quella cultura millenaria di tradizione orale: nulla di strano, dunque, se nella loro struttura è così presente la ‘magia del tre’. E non solo nella metrica e nel ritmo: anche nella disposizione dei contenuti.

      Osserviamo da vicino com’è fatto il nostro proverbio ternario. Comincia con un’enunciazione del tutto ovvia: il re è potente. Prosegue con un’altra altrettanto ovvia: anche il papa è potente. Il terzo elemento è inatteso, e spariglia le carte, introducendo una terza figura di potente, che solo con l’aiuto di un buon numero di figure retoriche (il paradosso, l’antitesi, l’ossimoro) si può accostare alle prime due: chi non possiede nulla è potente. Il capovolgimento del senso comune è totale: il vero potente è il povero. Il cuore del messaggio arriva alla fine, nell’ultimo dei tre elementi.

      Il gioco è sottile, e stilisticamente raffinato. Mentre il primo elemento riguarda una realtà indiscussa (il re è potente), il secondo può avere una doppia interpretazione: a proposito del papa, ci si riferisce al potere spirituale o a quello temporale? La lettura ‘politicamente corretta’ porta al primo significato, quella più maliziosa – ma forse più probabile – al secondo. Il terzo elemento, di rottura, va molto più avanti su questa strada, arrivando decisamente alla coesistenza di due interpretazioni. In che senso, e perché, il povero è potente? In almeno due sensi diversi: è potente perché è libero dalle tentazioni della ricchezza e della mondanità, e perché si sa accontentare e sa godere delle piccole gioie che la natura gli concede (lettura religiosa); perché è in armonia con il creato e, conoscendo bene le regole e i ritmi della natura, può essere un uomo libero, intimamente superiore a chi gli dà ordini (lettura laica). Il primo senso è allineato con la cultura dominante, il secondo è lo sberleffo irridente del debole soggiogato ma intimamente libero.

      La magia del numero tre, in questo caso, fa da impalcatura a una piccola opera d’arte. Perché i proverbi meglio riusciti, proprio come i capolavori letterari, non si offrono mai a una sola lettura, univoca e indiscutibile, ma offrono livelli diversi di lettura, mantengono sfumature di significato ‘aperto’. Che non vuol dire incerto, o ambiguo. Semplicemente, riflettono la complessità e la difficile interpretabilità del mondo. È questa la loro ricchezza. La loro eleganza. La loro bellezza. Una triade di virtù.  

Altri articoli
Proverbi dialettali   Mogli e buoi… Proverbi dialettali   Quella cattiva reputazione dei preti… Proverbi dialettali   Donna Capra Dal Medioevo a Sgarbi Proverbi dialettali   “Dopo Natale arriva il freddo” I proverbi meteorologici più radicati di quelli religiosi Proverbi dialettali   Un fantastico, modernissimo strumento didattico: la filastrocca Proverbi dialettali   Quando la parodia può sfidare la sacralità Proverbi dialettali   La felicità dipende da come gestiamo il tempo Proverbi dialettali   Se la frasca indica la qualità… Proverbi dialettali   La donna, che ingannatrice! Proverbi dialettali   Quando il proverbio lo dettava il calendario... Proverbi dialettali   Tieniti pronto alle delusioni! Proverbi dialettali   Attenti al sesso femminile! Proverbi dialettali   Quella mancanza di fiducia nella scienza… Proverbi dialettali   Per conquistare il paradiso… bisogna soffrire Proverbi dialettali   Dalla poesia alla “prosa” Questo è l’amore Proverbi dialettali   …Ma l’amore è speranza Proverbi dialettali   “Verba volant” Cosa è cambiato tra oggi e il passato Proverbi dialettali   Dalla filosofia di Eraclito al rock di Vasco “tutto scorre” Proverbi dialettali   Al di là del giardino c’è “l’altro”. L’odioso pregiudizio è duro a morire Proverbi dialettali   Gli ipocriti? Più pericolosi del calcio di un mulo Proverbi dialettali   Nulla è come il vino-sangue di Cristo. Quando la saggezza popolare è “diversamente sofisticata” Proverbi dialettali   La rivincita dei cibi ‘poveri’ Proverbi dialettali   Guai? Ognuno pensi per sé Proverbi dialettali   Ma quale “Eldorado”?! Proverbi dialettali   Saggezza contadina Anche lo Stato dovrebbe considerarla Proverbi dialettali   …Così passa la settimana dello scansafatiche Proverbi dialettali   Niente collera se vuoi mantenerti in salute Proverbi dialettali   Meglio un “praticone” che un “saputone” Proverbi dialettali   Se si ammala un “povero” non c’è speranza Proverbi dialettali   La dura legge della fame Proverbi dialettali   La prima lezione di vita? In una ninna-nanna Proverbi dialettali   Uomo e donna: un vecchio proverbio – incredibile! – sancisce la parità. Per le botte… Proverbi dialettali   Le donne? Streghe che portano alla forca Da usare per l’amore e per far figli Proverbi dialettali   Il matrimonio: che condanna per gli uomini! Proverbi dialettali   Le donne “diaboliche portatrici di perdizione” Proverbi dialettali   Le donne Più vicine al diavolo che all’acqua santa Proverbi dialettali   La perenne diffidenza del popolo verso “la casta” Proverbi dialettali   Una giocosa filastrocca per l’amaro fatalismo dei subalterni Proverbi dialettali   I superprivilegi di chi maneggia il denaro: una storia di sempre Proverbi dialettali   Quell’odioso pregiudizio verso i diversi Proverbi dialettali   Se “aggiungi un posto a tavola”… Proverbi dialettali   Le leggi non scritte dell’ingiustizia sociale Proverbi dialettali   La superbia dell’uomo-pulce Proverbi dialettali   Autorità e sudditi Un rapporto senza speranza Proverbi dialettali   Il fatalismo dei deboli Proverbi dialettali   Perché i proverbi