RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Puglia - Proverbi dialettali - Le leggi non scritte dell’ingiustizia sociale
Proverbi dialettali
Le leggi non scritte dell’ingiustizia sociale A purtè respétte a-u chéne d-u patrune
[Devi portare rispetto al cane del padrone]
(Area barese)
di Alberto Sobrero
CONDIVIDI Facebook Twitter

Bruno Maggio. China

      Un servo e un padrone: hanno nomi diversi, in popoli e in momenti storici diversi, ma sono sempre loro: uno che comanda, anche con soprusi umilianti, e uno che deve obbedire, prostrato e deferente. Uno che sta sopra e uno che sta sotto. Nell’immaginario popolare il padrone veste abiti più spocchiosi che eleganti, indossa i simboli del benessere (non solo calze e scarpe, ma anche il gilè, il farfallino, l’orologio ‘a cipolla’ con catena), fuma la pipa, ha un portamento austero. Ed è spietato: manifesta il suo autoritarismo selvaggio nei modi più umilianti, esigendo l’omaggio non solo per sé ma anche per i suoi sodali, per la sua corte, per tutti coloro che – adulandolo e traendone vantaggio – gli stanno intorno: uomini e bestie. Il poveraccio – malvestito e malnutrito – subisce, perché così va il mondo, e così gli hanno insegnato a fare, se vuole sopravvivere in qualche modo. Glielo ha insegnato la Chiesa, e glielo hanno insegnato i genitori e i nonni e i bisnonni… e anche i proverbi, saggezza degli antichi, leggi senza tempo, che hanno per lui la validità di precetti generali, appena un po’ al di sotto dei dieci comandamenti.

      Con proverbi come questo siamo quasi sempre in una società contadina, caratterizzata da una divisione in gruppi sociali rigidamente chiusi, priva di ascensori sociali, poverissima, regolata dalle leggi non scritte (e comunque non lette) della devozione e del rispetto. Una società che percepisce e soffre l’ingiustizia sociale ma non sembra avere spirito di ribellione. Non è ancora toccata dall’ansia del riscatto sociale né da miti egualitari.

      Questo in generale. Ma ci sono anche proverbi che, sotto la crosta della rassegnazione senza tempo fanno intravvedere lampi di ribellione: domati, repressi, forse ‘censurati’ dallo spirito dominante della Vandea, ma spie di inquietudini che gonfieranno la storia. Un altro proverbio barese dice: Vése quèdda méne ca non pute trunché (“Bacia quella mano che non puoi troncare”). Di solito lo si interpreta come disponibilità all’umiliazione estrema; a me invece piace vedere come centrale la voglia di trunché la méne che – insoddisfatta – giustifica l’umiliazione. È il lampo della ribellione, la voglia improvvisa di buttare all’aria il tavolo delle regole, di capovolgere la società delle ingiustizie e dei soprusi, magari con la violenza. Un momento, un sogno, inesorabilmente sconfitto (non pute trunché): ma sufficiente per farci intravvedere, dietro la cappa della rassegnazione, un fiotto di sangue vivo.

      Ci dice che la spinta egualitaria, che oggi è il sale della vita sociale, viene da istinti di rivolta domati e repressi, ma vivi anche nelle società che oggi ci sembrano più omogenee e conservatrici. Certo, per trovarne le tracce bisogna raschiare la spessa patina di rassegnazione e di conformismo che i patruni hanno spalmato a piene mani sulla storia degli umili. Ma ci sono. Persino nei proverbi pugliesi.

Altri articoli
Proverbi dialettali   Mogli e buoi… Proverbi dialettali   Quella cattiva reputazione dei preti… Proverbi dialettali   Donna Capra Dal Medioevo a Sgarbi Proverbi dialettali   “Dopo Natale arriva il freddo” I proverbi meteorologici più radicati di quelli religiosi Proverbi dialettali   Un fantastico, modernissimo strumento didattico: la filastrocca Proverbi dialettali   Quando la parodia può sfidare la sacralità Proverbi dialettali   La felicità dipende da come gestiamo il tempo Proverbi dialettali   Se la frasca indica la qualità… Proverbi dialettali   La donna, che ingannatrice! Proverbi dialettali   Quando il proverbio lo dettava il calendario... Proverbi dialettali   Tieniti pronto alle delusioni! Proverbi dialettali   Attenti al sesso femminile! Proverbi dialettali   Quella mancanza di fiducia nella scienza… Proverbi dialettali   Per conquistare il paradiso… bisogna soffrire Proverbi dialettali   Dalla poesia alla “prosa” Questo è l’amore Proverbi dialettali   …Ma l’amore è speranza Proverbi dialettali   “Verba volant” Cosa è cambiato tra oggi e il passato Proverbi dialettali   Dalla filosofia di Eraclito al rock di Vasco “tutto scorre” Proverbi dialettali   Al di là del giardino c’è “l’altro”. L’odioso pregiudizio è duro a morire Proverbi dialettali   Gli ipocriti? Più pericolosi del calcio di un mulo Proverbi dialettali   Nulla è come il vino-sangue di Cristo. Quando la saggezza popolare è “diversamente sofisticata” Proverbi dialettali   La rivincita dei cibi ‘poveri’ Proverbi dialettali   Guai? Ognuno pensi per sé Proverbi dialettali   Ma quale “Eldorado”?! Proverbi dialettali   Saggezza contadina Anche lo Stato dovrebbe considerarla Proverbi dialettali   …Così passa la settimana dello scansafatiche Proverbi dialettali   Niente collera se vuoi mantenerti in salute Proverbi dialettali   Meglio un “praticone” che un “saputone” Proverbi dialettali   Se si ammala un “povero” non c’è speranza Proverbi dialettali   La dura legge della fame Proverbi dialettali   La prima lezione di vita? In una ninna-nanna Proverbi dialettali   Uomo e donna: un vecchio proverbio – incredibile! – sancisce la parità. Per le botte… Proverbi dialettali   Le donne? Streghe che portano alla forca Da usare per l’amore e per far figli Proverbi dialettali   Il matrimonio: che condanna per gli uomini! Proverbi dialettali   Le donne “diaboliche portatrici di perdizione” Proverbi dialettali   Le donne Più vicine al diavolo che all’acqua santa Proverbi dialettali   La perenne diffidenza del popolo verso “la casta” Proverbi dialettali   Una giocosa filastrocca per l’amaro fatalismo dei subalterni Proverbi dialettali   I superprivilegi di chi maneggia il denaro: una storia di sempre Proverbi dialettali   Quell’odioso pregiudizio verso i diversi Proverbi dialettali   Il potere del povero Proverbi dialettali   Se “aggiungi un posto a tavola”… Proverbi dialettali   La superbia dell’uomo-pulce Proverbi dialettali   Autorità e sudditi Un rapporto senza speranza Proverbi dialettali   Il fatalismo dei deboli Proverbi dialettali   Perché i proverbi