RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- FEBBRAIO 2018 -
HOME - Puglia - Natura e paesaggio - Saline dei Monaci Un dolce rifugio per l’avifauna lungo la costa jonica
Natura e paesaggio
Saline dei Monaci
Un dolce rifugio per l’avifauna lungo la costa jonica
Questa zona umida era sede di un insediamento dei monaci benedettini che ne ricavavano il sale probabilmente già all’inizio dell’anno Mille.
Cementificazione e degrado la stavano distruggendo.
Grazie all’istituzione, nel 2002, della Riserva naturale regionale oggi è un piccolissimo paradiso di flora e fauna
di Emanuela Rossi e Salvatore Inguscio
CONDIVIDI Facebook Twitter

Saline dei Monaci. Torre Colimena, Manduria (Taranto). Foto Archivio Avanguardie

Appena superato il confine della provincia di Lecce lungo la costa jonica, entrando nel territorio tarantino, incontriamo un luogo che è stato strappato all’incuria e all’asfalto selvaggio ed è fortunatamente divenuto Riserva naturale regionale orientata: la Salina dei Monaci.

Si tratta di una piccola depressione sabbiosa che si sviluppa in zona retrodunale circa 300 metri a ovest dell’abitato di Torre Colimena, oggi collegata al mare attraverso un canale e protetta a monte da un’altura. È un’area di piccole dimensioni ma importante, tanto da essere da sempre contesa dai comuni di Avetrana e Manduria; attualmente fa parte del territorio di quest’ultima. Nella conca sabbiosa, infatti, si produceva quello che in passato veniva considerato l’oro bianco: il sale. La prima documentazione storica della produzione del sale risale al 1731 ma sembra che i monaci benedettini lo ricavassero da quest’area già poco dopo l’anno mille. L’acqua di mare, in origine, veniva portata dalle mareggiate ma, per migliorarne lo sfruttamento, in seguito fu eseguito un taglio nella roccia dotato di chiuse in legno che ne hanno regolato l’afflusso.

Questa zona scampò alla bonifica effettuata nell’area alla fine del 1800 mentre subì – anche se in modo lieve – quella degli anni ’40-’50 del secolo scorso. La realizzazione della strada statale provinciale jonico-salentina e il caotico sviluppo turistico si sono tradotti in una colata di cemento che ha comportato, dal punto di vista naturalistico, la distruzione delle dune litoranee che chiudevano al mare la salina, la cancellazione di ampie superfici di macchia mediterranea e la compromissione della falda acquifera. Va sottolineato, inoltre, che i bracconieri frequentavano il sito limitando fortemente la possibilità per l’avifauna migratoria di sostare e che la stessa salina è stata spesso usata come campo da calcio, cosa che ne ha modificato pesantemente la vegetazione.

I monaci l’avevano resa una vera “fabbrica” del sale, con la realizzazione di un edificio per la lavorazione ed il deposito del sale, una torre di guardia e una cappella con affreschi dedicata alla Madonna del Carmelo. Di tutto questo attualmente non restano che ruderi. Fortunatamente la protezione naturalistica, l’istituzione di un SIC nell’area e l’istituzione del parco il 23 dicembre 2002 hanno consentito almeno una rinaturalizzazione dell’area e la deviazione della litoranea con il recupero del tratto prima asfaltato a vantaggio della mobilità lenta. L’area della salina è così tornata ad essere accogliente per l’avifauna; sostano e vi trovano nutrimento numerosi uccelli tra cui il cavaliere d’Italia, diverse specie di aironi, il fenicottero rosa e il martin pescatore. Dal punto di vista vegetazionale troviamo piante alofile come la salicornia, una piccola macchia mediterranea e una gariga, oltre a numerose orchidee come l’ofride di Creta (Ophrys candica) e il viticcino autunnale (Spiranthes spiralis); belli e cospicui i ginepri delle dune (Juniperus communis). Come avifauna, oltre alle specie già citate, si segnala la presenza dell’airone rosso (Ardea purpurea), del gabbiano corso (Ichthyaetus audouinii) e della poiana (Buteo buteo) ma l’area è popolata anche da altri animali interessanti. Tra i rettili si segnalano l’orbettino (Anguis fragilis), la salamandra (Salamandra salamandra) e la testuggine di Hermann (Testudo hermanni); tra i mammiferi, ormai rari, il coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus) e la lepre (Lepus europaeus). Tra gli insetti ci sono numerose farfalle, tra cui la dorata megera (Lasiommata megera), la variopinta ninfa del corbezzolo (Charaxes jasius) e il bellissimo macaone (Papilio machaon).

Un intrigante itinerario trekking attraversa l’area consentendo una fruizione delicata a chi ama fare ecoturismo, come noi di “Avanguardie”.

DOVE: Torre Colimena (TA)

Google maps

Articoli correlati
FAUNA   Il fenicottero FLORA   La salicornia glauca
Altri articoli
Natura e paesaggio   Gravina di Laterza Arizona di Puglia Natura e paesaggio   Parco Nazionale dell’Alta Murgia Il mondo perduto delle architetture in pietra a secco Natura e paesaggio   Giganti maestosi Natura e paesaggio   Fra i titani del Salento Natura e paesaggio   Je suis “Ulivo” Salviamo gli ulivi di Puglia Natura e paesaggio   I pajari del Salento Quando l’architettura è in armonia con la natura Natura e paesaggio   Tra pipistrelli di grotta e magnifiche querce vallonee FLORA   La quercia vallonea FAUNA   Il ferro di cavallo maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale Litorale di Ugento Il paradiso salentino degli uccelli migratori FLORA   Il fiordaliso di Creta FAUNA   Il cigno reale Natura e paesaggio   Saline di Margherita di Savoia Un regno per l’avifauna FAUNA   L’avocetta Natura e paesaggio   Punta della Contessa Regno di piante rare e uccelli di passo FLORA   Bassia hirsuta FAUNA   L’airone bianco maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano Un tuffo nella bellezza FLORA   Lo spinaporci FAUNA   Il cuculo dal ciuffo Natura e paesaggio   Bosco delle Pianelle a Martina Franca Tra lecci bellissimi e piante rare FLORA   L’ofride di Ingrassia FAUNA   Il pettirosso Natura e paesaggio   Il fico in Puglia: tra “paesaggi dimenticati” e nuovi ficheti FLORA   Erba di San Giovanni crespa FAUNA   Il passero Natura e paesaggio   Porto Cesareo Acque di cristallo, fondali preziosi e spiagge da sogno FLORA   Piante e fiori delle dune FAUNA   Il fraticello Natura e paesaggio   I favolosi olivi di Puglia Tra storia, natura e agricoltura FLORA   Piante e fiori degli oliveti FAUNA   L’upupa Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio FLORA   La campanella selvatica FAUNA   Il tasso Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase FLORA   Il fiordaliso di Leuca FAUNA   Il grillaio Natura e paesaggio   Grotte di Castellana Incantevole mondo sotterraneo FAUNA   Spelaeomysis bottazzii Natura e paesaggio   Parco naturale Terra delle Gravine Tra canyon maestosi FLORA   La campanula pugliese FAUNA   Il capovaccaio Natura e paesaggio   Foresta Umbra Tra piante e animali rari all’ombra della faggeta FLORA   L’agrifoglio FAUNA   Il capriolo del Gargano Natura e paesaggio   Riserva naturale delle Cesine Paradiso di flora e fauna FLORA   La periploca maggiore FAUNA   La folaga Natura e paesaggio   Parco nazionale dell’Alta Murgia Tra natura e storia FLORA   Il lino delle fate Natura e paesaggio   Torre Guaceto Natura e cultura tra mare e terra Flora   L’erica pugliese