RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- FEBBRAIO 2018 -
HOME - Puglia - Natura e paesaggio - Parco naturale regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano Un tuffo nella bellezza
Natura e paesaggio
Parco naturale regionale
Porto Selvaggio e Palude del Capitano
Un tuffo nella bellezza
Tesori archeologici e paleontologici, piante rare, bellissime torri costiere ma soprattutto panorami mozzafiato rendono il Parco di Porto Selvaggio uno dei luoghi più affascinanti di Puglia di Emanuela Rossi, Salvatore Inguscio
CONDIVIDI Facebook Twitter

Porto Selvaggio (Nardò, Lecce). Foto Archivio Avanguardie

Si potrebbe parlare di Porto Selvaggio descrivendo l’area fisica che porta questo nome, dominata da una costa rocciosa che è a tratti alta sul mare, a tratti bassa e ricca di insenature, dove la vegetazione naturale, la gariga, la macchia e gli endemismi botanici si alternano alla pineta, introdotta a metà del secolo scorso.

Si potrebbe anche porre l’accento sui suoi preziosi reperti archeologici e sulle scoperte che ne sono conseguite, come il passaggio dall’arte preistorica figurativa a quella astratta (documentata con reperti riferibili a 12.000 anni fa), la presenza di una cultura paleolitica originale, denominata Uluzziana (caratterizzata dall’uso di piccoli strumenti in calcare a forma di semiluna e collane di conchiglie forate) e l’anticipazione del periodo, da 35.000 a 45.000 anni fa, in cui l’Homo sapiens sapiens fossilis sarebbe vissuto in Puglia.

Si potrebbe poi rilevare la preziosa testimonianza paleontologica che fossili di pesci e di ossa di mammiferi rappresentano nel panorama italiano, dove poche altre aree hanno conservato “tesori” altrettanto significativi.

Ma al di là di tutti questi tesori vogliamo raccontarvi quanto sia emozionante, coinvolgente, intrigante lasciarsi avvolgere dall’ombra e dalla frescura di Porto Selvaggio, così come lasciarsi rapire dai caldi raggi del sole che occhieggiano tra i pini e colorano in modo speciale il mare di questo angolo di Salento. La sua bellezza sta proprio nella ricchezza che ospita, nella varietà degli scorci, nella luce cangiante che aleggia tra torri e masserie, furnieddhri e specchie, fragni e cipressi, inondando gli spazi aperti e rischiarando quelli chiusi dai rami dei pini d’Aleppo.

A Porto Selvaggio potete arrivare da Santa Caterina, imboccando una strada che si chiude in faccia al mare, su una piccola piazzetta chiamata “la rotonda” (anche se nessun cartello la onora con il suo nome). C’è una salita che punta alla Torre di Santa Maria dell’Alto (“Torre dell’Alto” è il nome con cui è più facile sentirla chiamare) oppure potete salire la scalinata in pietra che vi condurrà al primo belvedere, quello che si affaccia sulla baia di Porto Selvaggio, abbracciando anche il golfo di Taranto e regalando, nelle migliori giornate di tramontana, stupefacenti scorci sui monti della Calabria.

Per arrivare direttamente al mare, fresco per le sorgenti costiere che lo attraversano, si può anche parcheggiare sulla strada Cucchiara, che da Santa Caterina alta procede verso Sant’Isidoro, e poi scendere lungo l’ampio viale tagliafuoco che si apre pochi passi dopo l’ingresso del parco denominato “Villa Tafuri”. Verso la fine di questa discesa si deve svoltare a sinistra, entrando nel bosco, e seguire un percorso parallelo al letto asciutto dell’antico fiume che ha inciso la roccia e creato l’insenatura che oggi possiamo ammirare.

Ma Porto Selvaggio è raggiungibile anche attraverso un bellissimo percorso di trekking che parte da Uluzzo, cala aperta sullo Jonio, un poco più a nord. Costeggiando il profilo della costa e seguendo le evidenti piste che milioni di camminatori hanno già percorso, si raggiunge prima la piana della Lea, ampio spazio in via di naturalizzazione dopo un passato agricolo, e poi la baia, su cui campeggia la Torre di Santa Maria dell’Alto.

Se vi piace la bicicletta, quella con rapporti e marce, potete avventurarvi fino al mare scendendo dal cancello di Torre Uluzzo. Senza svoltare mai vi troverete di fronte al mare in un battibaleno. Per la salita armatevi di pazienza e riducete i rapporti!

Ma Porto Selvaggio è anche un parco che va oltre il piccolo fiordo usato nel passato come scalo di fortuna, oltre la Lea, oltre Uluzzo. Il parco prosegue e ingloba, dal 2006, quella che, ispirandoci a Tolkien, noi chiamiamo “Terra di mezzo”, l’area compresa tra Torre Uluzzo e Torre Inserraglio, ricca tra l’altro, in primavera, di bellissime fioriture di orchidee selvatiche. Da Torre Inserraglio partiva l’Area Marina Protetta di Porto Cesareo, ma il magnifico tratto di costa tra le due aree protette ha rischiato di scomparire per far posto ad un porto turistico. Pericolo fortunatamente sventato da quando anche quest’area è parte integrante del parco.

La presenza delle orchidee caratterizza anche la Palude del Capitano. A ridosso della maggiore delle due spiaggette del parco, “il Frascone”, si incontrano numerose doline di crollo, grotte che nel tempo, a causa del fenomeno carsico, hanno visto crollare la loro volta e sono diventate laghetti a cielo aperto. Il crollo ha portato alla luce l’acqua di falda che scorre copiosa nel sottosuolo salentino ed è diventata occasione di sosta e incontro per l’avifauna migratoria.

Le spundurate – questo è il nome dialettale delle doline di crollo a Nardò – sono la sorpresa finale che il parco regala a chi lo ha attraversato tutto, risalendo i suoi paesaggi da sud verso nord. Circondate da una vasta prateria di salicornia, a sua volta coronata da una macchia bassa e da una bella distesa di scogli, stupiscono per l’eccezione che rappresentano. In una terra nota per la sua arsura, dove il carsismo si sviluppa appieno sia in superficie che nel sottosuolo, dove l’acqua dolce è quella fredda che sgorga dalle sorgenti-foci lungo la costa e il resto è mare, potersi riflettere in uno specchio d’acqua non salata è quasi un lusso. Aggiungiamo che anche qui, come in tutto il Parco di Porto Selvaggio, la bellezza regna sovrana. E la bellezza è il più bel dono che possiamo farci.

DOVE: Nardò (LE)

Google maps

Articoli correlati
FAUNA   Il cuculo dal ciuffo FLORA   Lo spinaporci
Altri articoli
Natura e paesaggio   Gravina di Laterza Arizona di Puglia Natura e paesaggio   Parco Nazionale dell’Alta Murgia Il mondo perduto delle architetture in pietra a secco Natura e paesaggio   Giganti maestosi Natura e paesaggio   Fra i titani del Salento Natura e paesaggio   Je suis “Ulivo” Salviamo gli ulivi di Puglia Natura e paesaggio   Saline dei Monaci Un dolce rifugio per l’avifauna lungo la costa jonica FLORA   La salicornia glauca FAUNA   Il fenicottero Natura e paesaggio   I pajari del Salento Quando l’architettura è in armonia con la natura Natura e paesaggio   Tra pipistrelli di grotta e magnifiche querce vallonee FLORA   La quercia vallonea FAUNA   Il ferro di cavallo maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale Litorale di Ugento Il paradiso salentino degli uccelli migratori FLORA   Il fiordaliso di Creta FAUNA   Il cigno reale Natura e paesaggio   Saline di Margherita di Savoia Un regno per l’avifauna FAUNA   L’avocetta Natura e paesaggio   Punta della Contessa Regno di piante rare e uccelli di passo FLORA   Bassia hirsuta FAUNA   L’airone bianco maggiore Natura e paesaggio   Bosco delle Pianelle a Martina Franca Tra lecci bellissimi e piante rare FLORA   L’ofride di Ingrassia FAUNA   Il pettirosso Natura e paesaggio   Il fico in Puglia: tra “paesaggi dimenticati” e nuovi ficheti FLORA   Erba di San Giovanni crespa FAUNA   Il passero Natura e paesaggio   Porto Cesareo Acque di cristallo, fondali preziosi e spiagge da sogno FLORA   Piante e fiori delle dune FAUNA   Il fraticello Natura e paesaggio   I favolosi olivi di Puglia Tra storia, natura e agricoltura FLORA   Piante e fiori degli oliveti FAUNA   L’upupa Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio FLORA   La campanella selvatica FAUNA   Il tasso Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase FLORA   Il fiordaliso di Leuca FAUNA   Il grillaio Natura e paesaggio   Grotte di Castellana Incantevole mondo sotterraneo FAUNA   Spelaeomysis bottazzii Natura e paesaggio   Parco naturale Terra delle Gravine Tra canyon maestosi FLORA   La campanula pugliese FAUNA   Il capovaccaio Natura e paesaggio   Foresta Umbra Tra piante e animali rari all’ombra della faggeta FLORA   L’agrifoglio FAUNA   Il capriolo del Gargano Natura e paesaggio   Riserva naturale delle Cesine Paradiso di flora e fauna FLORA   La periploca maggiore FAUNA   La folaga Natura e paesaggio   Parco nazionale dell’Alta Murgia Tra natura e storia FLORA   Il lino delle fate Natura e paesaggio   Torre Guaceto Natura e cultura tra mare e terra Flora   L’erica pugliese