RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- FEBBRAIO 2018 -
HOME - Puglia - Natura e paesaggio - Il pettirosso
Natura e paesaggio
FAUNA
Il pettirosso In Puglia nidifica nelle aree collinari e montuose. Ma in autunno e primavera se ne possono avvistare moltissimi esemplari in migrazione di Giuseppe La Gioia
CONDIVIDI Facebook Twitter

Pettirosso (Erithacus rubecula). Foto di Giuseppe La Gioia

      Il pettirosso (Erithacus rubecula) è uno dei più conosciuti uccelli europei: la sua ampia distribuzione (geografica ed ecologica), la sua elevata abbondanza e la sua straordinaria confidenza sono le principali caratteristiche che ne fanno un uccello noto a tutti.

      La macchia rossa che ricopre completamente il petto è una peculiarità di questa specie, anche se compare solo dopo i primi mesi di vita: il giovane presenta una macchiettatura scura su fondo bianco. La leggenda narra che il suo aspetto derivi da uno schizzo di sangue sgorgato da una ferita di Gesù Cristo, quando l’uccello gli tolse una spina della corona infilzata nella carne per alleviarne le sofferenze.

      Il pettirosso nidifica nella tarda primavera-estate nei boschi più umidi e freschi delle aree collinari e montuose della Puglia, ma dalla metà di settembre, e soprattutto in ottobre, ogni angolo della regione è invaso da esemplari in migrazione, alcuni dei quali si fermano nella nostra regione mentre altri proseguono più a sud, fino alle coste mediterranee dell’Africa. Gli esemplari in migrazione provengono da un’ampia area che si estende dall’Europa centro-settentrionale a quella orientale, fino alla Russia; ritorneranno verso nord dalla metà di febbraio e per tutto il mese di marzo e i primi di aprile.

      Nell’area del Bosco delle Pianelle il pettirosso trova il suo ambiente ideale nelle rigogliose formazioni boschive ed arbustive, dove riposa, dorme e nidifica nella generosa macchia mediterranea, ricca di succulente bacche eduli, e negli annosi oliveti carichi di olive, ambienti quest’ultimi dov’è più facile vederlo in attività di foraggiamento e di difesa del territorio dai conspecifici nei mesi autunno-invernali.

Articoli correlati
Natura e paesaggio   Bosco delle Pianelle a Martina Franca Tra lecci bellissimi e piante rare FLORA   L’ofride di Ingrassia
Altri articoli
Natura e paesaggio   Gravina di Laterza Arizona di Puglia Natura e paesaggio   Parco Nazionale dell’Alta Murgia Il mondo perduto delle architetture in pietra a secco Natura e paesaggio   Giganti maestosi Natura e paesaggio   Fra i titani del Salento Natura e paesaggio   Je suis “Ulivo” Salviamo gli ulivi di Puglia Natura e paesaggio   Saline dei Monaci Un dolce rifugio per l’avifauna lungo la costa jonica FLORA   La salicornia glauca FAUNA   Il fenicottero Natura e paesaggio   I pajari del Salento Quando l’architettura è in armonia con la natura Natura e paesaggio   Tra pipistrelli di grotta e magnifiche querce vallonee FLORA   La quercia vallonea FAUNA   Il ferro di cavallo maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale Litorale di Ugento Il paradiso salentino degli uccelli migratori FLORA   Il fiordaliso di Creta FAUNA   Il cigno reale Natura e paesaggio   Saline di Margherita di Savoia Un regno per l’avifauna FAUNA   L’avocetta Natura e paesaggio   Punta della Contessa Regno di piante rare e uccelli di passo FLORA   Bassia hirsuta FAUNA   L’airone bianco maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano Un tuffo nella bellezza FLORA   Lo spinaporci FAUNA   Il cuculo dal ciuffo Natura e paesaggio   Il fico in Puglia: tra “paesaggi dimenticati” e nuovi ficheti FLORA   Erba di San Giovanni crespa FAUNA   Il passero Natura e paesaggio   Porto Cesareo Acque di cristallo, fondali preziosi e spiagge da sogno FLORA   Piante e fiori delle dune FAUNA   Il fraticello Natura e paesaggio   I favolosi olivi di Puglia Tra storia, natura e agricoltura FLORA   Piante e fiori degli oliveti FAUNA   L’upupa Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio FLORA   La campanella selvatica FAUNA   Il tasso Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase FLORA   Il fiordaliso di Leuca FAUNA   Il grillaio Natura e paesaggio   Grotte di Castellana Incantevole mondo sotterraneo FAUNA   Spelaeomysis bottazzii Natura e paesaggio   Parco naturale Terra delle Gravine Tra canyon maestosi FLORA   La campanula pugliese FAUNA   Il capovaccaio Natura e paesaggio   Foresta Umbra Tra piante e animali rari all’ombra della faggeta FLORA   L’agrifoglio FAUNA   Il capriolo del Gargano Natura e paesaggio   Riserva naturale delle Cesine Paradiso di flora e fauna FLORA   La periploca maggiore FAUNA   La folaga Natura e paesaggio   Parco nazionale dell’Alta Murgia Tra natura e storia FLORA   Il lino delle fate Natura e paesaggio   Torre Guaceto Natura e cultura tra mare e terra Flora   L’erica pugliese