RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- FEBBRAIO 2018 -
HOME - Puglia - Natura e paesaggio - Parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio
Natura e paesaggio
Parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio Poco distante da Lecce, sul litorale adriatico, un ambiente quasi unico nel Meridione d’Italia, con macchia-boscaglia e una laguna con polle sorgive, canali e dune costiere.
Innumerevoli e preziose le specie botaniche
di Vittorio De Vitis
CONDIVIDI Facebook Twitter

Parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio. Foto di Vittorio De Vitis

      Il parco regionale Bosco e paludi di Rauccio è testimonianza di un’antichissima e immensa selva medievale, la cosiddetta “Foresta di Lecce”, che si estendeva da Otranto a Brindisi e che è riuscita miracolosamente a sopravvivere grazie all’impegno di enti e individui e soprattutto grazie ai ragazzi di numerose scuole che vi si recano per conoscerlo, studiarlo e vivere emozioni profonde a contatto con la natura.

      Situato lungo la costa adriatica salentina, a nord di Lecce, da cui dista circa 13 km, in un’area compresa tra le torri costiere “Rinalda” e “Chianca”, Rauccio racchiude veri e propri tesori botanici ed è un ambiente quasi unico in Puglia e nel Meridione d’Italia. Caratterizzato dalla presenza di numerosi habitat prioritari e Siti di Importanza Comunitaria (SIC), è diventato, dal 2002, parco regionale, dopo una lunga mobilitazione e notevole impegno di oltre vent’anni da parte del WWF salentino.

      Uno degli elementi caratterizzanti del parco è l’omonimo piccolo bosco di Rauccio (circa 18 ettari) che costituisce l’esempio più significativo della suddetta “Foresta di Lecce”. Il bosco è una formazione sempreverde definita “macchia-boscaglia”, dominata dal leccio (Quercus ilex L.), con un intricato sottobosco a macchia mediterranea con alaterno (Rhamnus alaternus L.), lentisco (Pistacia lentiscus L.), ilatro comune (Phillyrea latifolia L.), ligustro (Ligustrum vulgare L.), mirto (Myrtus communis L.), caprifoglio mediterraneo (Lonicera implexa Aiton), tamaro (Tamus communis L.), ciclamino napoletano (Cyclamen hederifolium Aiton), rosa di S. Giovanni (Rosa semprevirens L.), pungitopo (Ruscus aculeatus L.), e radure a gariga (costituita da piccoli arbusti sempreverdi) con santoreggia pugliese (Satureja cuneifolia Ten.), timo arbustivo (Thymus capitatus (L.) Hoffmgg. et Link), eliantemo jonico (Helianthenum jonium Lacaita), ecc.

      Relativamente ricca e varia è l’avifauna, con la cinciallegra (Parus major), l’occhiocotto (Sylvia melanocephala), l’usignolo di fiume (Cettia cetti), il rigogolo (Oriolus oriolus) ed altri passeriformi che trovano rifugio nel fitto fogliame degli alberi.

      Il parco è separato dal mare da un articolato sistema di dune costiere, che rappresenta il più fragile degli ecosistemi dell’intera area naturale per la presenza di un vicino tessuto urbano di origine abusiva. Molto particolare è il tratto in cui la laguna costiera dell’Idume riversa le sue acque nel mare, attraversando le dune e la spiaggia. La morfologia della sua foce costituisce una particolarità paesaggistica quasi unica in tutto il Salento: la laguna è alimentata da un complesso bacino idrografico, formato da polle sorgive e canali artificiali di acqua dolce (“Gelsi”, “Rauccio”, “Fetida”).

      Più indietro si trova la grande distesa palustre “Specchia di Milogna”, ricca di canneti e giuncheti e punteggiata da piccole sorgenti e dagli “ajsi” (cavità carsiche naturali dall’aspetto di piccole pozze di acqua dolce e fredda originate dalla falda superficiale). Particolarmente diffusa la cannuccia di palude (Phragmites australis (Cav.) Trin. ex Steud.); specie frequenti e tipiche sono anche il falasco (Cladium mariscus Pohl), la tifa (Tipha angustifolia L.), lo scirpo (Schoenoplectus lacustris L. Palla, 1888) e il giunco pungente (Juncus acutus L.).

      Nel parco si ritrovano i tipici elementi del paesaggio rurale dell’area mediterranea. Accanto ai muretti a secco e alle costruzioni in pietra informe (es.: “pagghiare”, piccole “specchie”, “furnieddhri”) troviamo tutta una serie di complessi masserizi fortificati, spesso provvisti di frantoi ipogei, tutti databili tra il XVI e il XVIII sec. (masserie “Paladini Piccoli”, “Giampaolo”, “Monacelli” oltre l’omonima “Rauccio). La vicinanza con la splendida Abbazia romanica di Cerrate (XII sec.), adibita anche a Museo delle Tradizioni Popolari, contribuisce ad elevare notevolmente il valore di tutta l’area.

      Altro elemento che distingue il paesaggio rurale del parco è la presenza di alberature di cipresso comune (Cupressus sempervirens L. var. horizontalis) lungo alcune strade poderali. La messa a dimora di questa specie, risalente al dopoguerra, doveva tra l’altro assolvere ad una funzione frangivento, a protezione delle colture.

      Chiudono il quadro di questo tipico paesaggio mediterraneo le grandi distese di olivi che giungono fino a ridosso del bosco e delle zone umide.

      Il parco, nel suo complesso, è oggi una preziosa risorsa in cui si coniugano salvaguardia, valorizzazione e sviluppo socio-economico e culturale del Salento.

DOVE: Parco Naturale Regionale Palude e Bosco di Rauccio (LE)

Google maps

Articoli correlati
FLORA   La campanella selvatica FAUNA   Il tasso
Altri articoli
Natura e paesaggio   Gravina di Laterza Arizona di Puglia Natura e paesaggio   Parco Nazionale dell’Alta Murgia Il mondo perduto delle architetture in pietra a secco Natura e paesaggio   Giganti maestosi Natura e paesaggio   Fra i titani del Salento Natura e paesaggio   Je suis “Ulivo” Salviamo gli ulivi di Puglia Natura e paesaggio   Saline dei Monaci Un dolce rifugio per l’avifauna lungo la costa jonica FLORA   La salicornia glauca FAUNA   Il fenicottero Natura e paesaggio   I pajari del Salento Quando l’architettura è in armonia con la natura Natura e paesaggio   Tra pipistrelli di grotta e magnifiche querce vallonee FLORA   La quercia vallonea FAUNA   Il ferro di cavallo maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale Litorale di Ugento Il paradiso salentino degli uccelli migratori FLORA   Il fiordaliso di Creta FAUNA   Il cigno reale Natura e paesaggio   Saline di Margherita di Savoia Un regno per l’avifauna FAUNA   L’avocetta Natura e paesaggio   Punta della Contessa Regno di piante rare e uccelli di passo FLORA   Bassia hirsuta FAUNA   L’airone bianco maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano Un tuffo nella bellezza FLORA   Lo spinaporci FAUNA   Il cuculo dal ciuffo Natura e paesaggio   Bosco delle Pianelle a Martina Franca Tra lecci bellissimi e piante rare FLORA   L’ofride di Ingrassia FAUNA   Il pettirosso Natura e paesaggio   Il fico in Puglia: tra “paesaggi dimenticati” e nuovi ficheti FLORA   Erba di San Giovanni crespa FAUNA   Il passero Natura e paesaggio   Porto Cesareo Acque di cristallo, fondali preziosi e spiagge da sogno FLORA   Piante e fiori delle dune FAUNA   Il fraticello Natura e paesaggio   I favolosi olivi di Puglia Tra storia, natura e agricoltura FLORA   Piante e fiori degli oliveti FAUNA   L’upupa Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase FLORA   Il fiordaliso di Leuca FAUNA   Il grillaio Natura e paesaggio   Grotte di Castellana Incantevole mondo sotterraneo FAUNA   Spelaeomysis bottazzii Natura e paesaggio   Parco naturale Terra delle Gravine Tra canyon maestosi FLORA   La campanula pugliese FAUNA   Il capovaccaio Natura e paesaggio   Foresta Umbra Tra piante e animali rari all’ombra della faggeta FLORA   L’agrifoglio FAUNA   Il capriolo del Gargano Natura e paesaggio   Riserva naturale delle Cesine Paradiso di flora e fauna FLORA   La periploca maggiore FAUNA   La folaga Natura e paesaggio   Parco nazionale dell’Alta Murgia Tra natura e storia FLORA   Il lino delle fate Natura e paesaggio   Torre Guaceto Natura e cultura tra mare e terra Flora   L’erica pugliese