RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- FEBBRAIO 2018 -
HOME - Puglia - Natura e paesaggio - Il grillaio
Natura e paesaggio
FAUNA
Il grillaio È un piccolo falco presente in diverse regioni dell’Italia meridionale, una specie in declino e quindi tutelata.
Nel Capo d’Otranto, in provincia di Lecce, se ne possono avvistare in primavera decine di esemplari
di Giuseppe La Gioia
CONDIVIDI Facebook Twitter

Un bell'esemplare di grillaio.
Foto gentilmente concessa da Cristiano Liuzzi

      Il grillaio (Falco naumanni) è un falchetto, un po’ più piccolo del più comune gheppio, ma diversamente da questo è una specie migratrice e presenta un areale di nidificazione frammentato e localizzato che si estende dalla Spagna e dall’Africa settentrionale alla Cina settentrionale; sverna localmente nelle porzioni più meridionali dell’area riproduttiva, ma soprattutto nell’Africa sub-sahariana e nella Penisola Arabica meridionale. In Italia è principalmente nidificante in Puglia, Basilicata e Sicilia, ma è presente anche in Sardegna. È specializzato nella predazione di insetti di medie dimensioni, soprattutto Ortotteri (i grilli appunto, da cui il nome) e Coleotteri, ma non disdegna rettili e micromammiferi. Frequenta aree aperte in ambienti caldi e asciutti, con vegetazione scarsa o assente, ma si adatta anche ai seminativi. Nidifica in colonie su manufatti anche all’interno di città, oppure su siti naturali come pareti rocciose.

      Soggetta a un rapido declino negli ultimi decenni del secolo scorso, sia in Italia che in tutto il suo areale, è una specie minacciata globalmente anche se mostra una moderata ripresa.

      Per il grillaio sono state attivate misure di conservazione e tutela che stanno dando i primi frutti: la specie, almeno in Puglia, sembra essere in leggera ripresa numerica e manifesta una netta espansione di areale, soprattutto nella porzione centro-settentrionale della regione. In provincia di Lecce si sono verificate alcune isolate nidificazioni e non si esclude una presenza maggiore di quanto noto.

      Il grillaio è più facilmente osservabile soprattutto in primavera. In questo periodo, infatti, alcune decine di esemplari di questa specie sono spesso presenti nell’area di Capo d’Otranto, importante sito nazionale per il transito dei rapaci durante la migrazione di ritorno nelle aree di nidificazione. Da metà marzo a metà maggio molti grillai si soffermano sulle pseudosteppe che caratterizzano l’area, per rifocillarsi prima di proseguire la loro migrazione verso l’Albania, attraversando quindi l’Adriatico nel suo tratto più stretto, o lungo la costa. È dunque questo il periodo più propizio per osservare gruppi numerosi di grillai (fino a 70 esemplari!) volteggiare tutti assieme alla ricerca di insetti volanti, sfruttando le correnti ascensionali create dall’impatto del vento contro le pareti rocciose. Uno spettacolo magnifico.

Articoli correlati
Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase FLORA   Il fiordaliso di Leuca
Altri articoli
Natura e paesaggio   Gravina di Laterza Arizona di Puglia Natura e paesaggio   Parco Nazionale dell’Alta Murgia Il mondo perduto delle architetture in pietra a secco Natura e paesaggio   Giganti maestosi Natura e paesaggio   Fra i titani del Salento Natura e paesaggio   Je suis “Ulivo” Salviamo gli ulivi di Puglia Natura e paesaggio   Saline dei Monaci Un dolce rifugio per l’avifauna lungo la costa jonica FLORA   La salicornia glauca FAUNA   Il fenicottero Natura e paesaggio   I pajari del Salento Quando l’architettura è in armonia con la natura Natura e paesaggio   Tra pipistrelli di grotta e magnifiche querce vallonee FLORA   La quercia vallonea FAUNA   Il ferro di cavallo maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale Litorale di Ugento Il paradiso salentino degli uccelli migratori FLORA   Il fiordaliso di Creta FAUNA   Il cigno reale Natura e paesaggio   Saline di Margherita di Savoia Un regno per l’avifauna FAUNA   L’avocetta Natura e paesaggio   Punta della Contessa Regno di piante rare e uccelli di passo FLORA   Bassia hirsuta FAUNA   L’airone bianco maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano Un tuffo nella bellezza FLORA   Lo spinaporci FAUNA   Il cuculo dal ciuffo Natura e paesaggio   Bosco delle Pianelle a Martina Franca Tra lecci bellissimi e piante rare FLORA   L’ofride di Ingrassia FAUNA   Il pettirosso Natura e paesaggio   Il fico in Puglia: tra “paesaggi dimenticati” e nuovi ficheti FLORA   Erba di San Giovanni crespa FAUNA   Il passero Natura e paesaggio   Porto Cesareo Acque di cristallo, fondali preziosi e spiagge da sogno FLORA   Piante e fiori delle dune FAUNA   Il fraticello Natura e paesaggio   I favolosi olivi di Puglia Tra storia, natura e agricoltura FLORA   Piante e fiori degli oliveti FAUNA   L’upupa Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio FLORA   La campanella selvatica FAUNA   Il tasso Natura e paesaggio   Grotte di Castellana Incantevole mondo sotterraneo FAUNA   Spelaeomysis bottazzii Natura e paesaggio   Parco naturale Terra delle Gravine Tra canyon maestosi FLORA   La campanula pugliese FAUNA   Il capovaccaio Natura e paesaggio   Foresta Umbra Tra piante e animali rari all’ombra della faggeta FLORA   L’agrifoglio FAUNA   Il capriolo del Gargano Natura e paesaggio   Riserva naturale delle Cesine Paradiso di flora e fauna FLORA   La periploca maggiore FAUNA   La folaga Natura e paesaggio   Parco nazionale dell’Alta Murgia Tra natura e storia FLORA   Il lino delle fate Natura e paesaggio   Torre Guaceto Natura e cultura tra mare e terra Flora   L’erica pugliese