RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- GENNAIO 2018 -
HOME - Puglia - Natura e paesaggio - Spelaeomysis bottazzii
Natura e paesaggio
FAUNA
Spelaeomysis bottazzii È un crostaceo stigobionte, cioè una specie acquatica ipogea, endemica della Puglia.
Il sottosuolo è l’habitat di un intero universo di creature che hanno trasformato le loro caratteristiche morfologiche per assicurarsi la sopravvivenza
di Emanuela Rossi e Salvatore Inguscio
CONDIVIDI Facebook Twitter

Spelaeomysis bottazzii è un crostaceo cieco, diffuso nelle acque sotterranee di tutta la Puglia, ad esclusione del Subappennino Dauno, e raggiunge lunghezze comprese tra 6.5 e 13 mm. Foto gentilmente concessa da Roberto Pepe

      La Puglia ha un primato sconosciuto ai più: è la regione d’Italia più interessante dal punto di vista biospeleologico. La biospeleologia (da bios=vita, spelaion=grotta, logos=discorso) è un ramo delle scienze che studia la fauna ipogea. Mentre noi camminiamo, mangiamo e dormiamo, sotto i nostri piedi si muove un mondo fatto in gran parte di piccole creature diafane che si sono adattate a condizioni particolari come la mancanza di luce, l’alta umidità relativa, la scarsità di cibo. Il loro corpo ha assunto trasformazioni tali da poter sopravvivere in questo ambiente. Gli animali ipogei, infatti, sono senza occhi e hanno il corpo depigmentato e munito di numerose setole e peli con funzione tattile e sensoria. In molti casi il popolamento dell’ambiente ipogeo è stato causato da variazioni climatiche esterne che hanno spinto gli animali in ambienti più stabili.
      In Puglia vivono 44 specie ipogee, sono chiamate troglobie quelle terrestri e stigobionti quelle acquatiche. Appartengono a varie classi; tra le più importanti troviamo Crostacei, Insetti e Aracnidi. 28 delle 44 specie sono endemiche, ossia vivono solo in Puglia. Quella che ha le caratteristiche più sorprendenti è Spelaeomysis bottazzii, crostaceo cieco appartenente all’ordine dei Misidacei. Questo miside è diffuso nelle acque sotterranee di tutta la Puglia, ad esclusione del Subappennino Dauno, e raggiunge lunghezze comprese tra 6,5 e 13 mm. Anoftalme e completamente depigmentato, presenta un notevole allungamento delle antenne e delle altre appendici e ha un carapace molto lungo, che ricopre quasi un terzo della lunghezza del corpo. Particolare anche il modo in cui si alimenta: a volte rimane fermo in una posizione e muovendo alcune appendici vicino al torace crea delle correnti idrodinamiche che spingono il cibo verso la bocca, dove viene filtrato attraverso le setole delle mascelle. Altre volte staziona su grandi pezzi di cibo in modo da staccarne delle porzioni o su pezzi di roccia calcarenitica, per sminuzzarla e filtrarla, trattenendo così piccole particelle di cibo presenti in essa.
      Spelaeomysys bottazzii è una specie eurialina ed euriterma, ossia riesce a sopportare notevoli variazioni della salinità dell’acqua e di temperatura; la prima caratteristica gli permette di vivere in acque sotterranee vicine alla costa, composte da acque salmastre. L’eurialinità sembra legata all’origine di questo crostaceo e al suo popolamento delle acque sotterranee pugliesi: i suoi antenati vivevano in acque salate e trasgressioni marine con successive regressioni hanno isolato alcuni esemplari nelle grotte e nei vari ipogei dove alcuni di essi sono sopravvissuti, adattandosi al nuovo ambiente. Le femmine di Spelaeomysis presentano una serie di lamine appiattite, oostegiti, che si originano da segmenti toracici e si susseguono formando una tasca incubatrice ventrale, ossia un marsupio dove deporre le uova. La riproduzione avviene nella falda profonda in zone a temperatura costante e in genere molto più tranquille. Le femmine ovigere hanno circa una quindicina di uova più grandi di quelle delle altre specie dello stesso ordine. Altra particolarità straordinaria è che, una volta liberati i piccoli, le femmine mutano assumendo un aspetto giovanile. Questa strategia evita loro di essere fecondate dai maschi e di andare nella falda profonda senza avere il tempo di nutrirsi.

Articoli correlati
Natura e paesaggio   Grotte di Castellana Incantevole mondo sotterraneo
Altri articoli
Natura e paesaggio   Gravina di Laterza Arizona di Puglia Natura e paesaggio   Parco Nazionale dell’Alta Murgia Il mondo perduto delle architetture in pietra a secco Natura e paesaggio   Giganti maestosi Natura e paesaggio   Fra i titani del Salento Natura e paesaggio   Je suis “Ulivo” Salviamo gli ulivi di Puglia Natura e paesaggio   Saline dei Monaci Un dolce rifugio per l’avifauna lungo la costa jonica FLORA   La salicornia glauca FAUNA   Il fenicottero Natura e paesaggio   I pajari del Salento Quando l’architettura è in armonia con la natura Natura e paesaggio   Tra pipistrelli di grotta e magnifiche querce vallonee FLORA   La quercia vallonea FAUNA   Il ferro di cavallo maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale Litorale di Ugento Il paradiso salentino degli uccelli migratori FLORA   Il fiordaliso di Creta FAUNA   Il cigno reale Natura e paesaggio   Saline di Margherita di Savoia Un regno per l’avifauna FAUNA   L’avocetta Natura e paesaggio   Punta della Contessa Regno di piante rare e uccelli di passo FLORA   Bassia hirsuta FAUNA   L’airone bianco maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano Un tuffo nella bellezza FLORA   Lo spinaporci FAUNA   Il cuculo dal ciuffo Natura e paesaggio   Bosco delle Pianelle a Martina Franca Tra lecci bellissimi e piante rare FLORA   L’ofride di Ingrassia FAUNA   Il pettirosso Natura e paesaggio   Il fico in Puglia: tra “paesaggi dimenticati” e nuovi ficheti FLORA   Erba di San Giovanni crespa FAUNA   Il passero Natura e paesaggio   Porto Cesareo Acque di cristallo, fondali preziosi e spiagge da sogno FLORA   Piante e fiori delle dune FAUNA   Il fraticello Natura e paesaggio   I favolosi olivi di Puglia Tra storia, natura e agricoltura FLORA   Piante e fiori degli oliveti FAUNA   L’upupa Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio FLORA   La campanella selvatica FAUNA   Il tasso Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase FLORA   Il fiordaliso di Leuca FAUNA   Il grillaio Natura e paesaggio   Parco naturale Terra delle Gravine Tra canyon maestosi FLORA   La campanula pugliese FAUNA   Il capovaccaio Natura e paesaggio   Foresta Umbra Tra piante e animali rari all’ombra della faggeta FLORA   L’agrifoglio FAUNA   Il capriolo del Gargano Natura e paesaggio   Riserva naturale delle Cesine Paradiso di flora e fauna FLORA   La periploca maggiore FAUNA   La folaga Natura e paesaggio   Parco nazionale dell’Alta Murgia Tra natura e storia FLORA   Il lino delle fate Natura e paesaggio   Torre Guaceto Natura e cultura tra mare e terra Flora   L’erica pugliese