RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- FEBBRAIO 2018 -
HOME - Puglia - Natura e paesaggio - Il capovaccaio
Natura e paesaggio
FAUNA
Il capovaccaio È un rapace bellissimo e a forte rischio di estinzione.
Nel Parco delle Gravine, per la prima volta al mondo con questa specie, si sta tentando una tecnica di reintroduzione
di Antonio Sigismondi
CONDIVIDI Facebook Twitter

Capovaccaio in volo. Foto di Antonio Sigismondi

      I grandi canyon carsici che caratterizzano il territorio delle Gravine hanno da sempre ospitato il volo di un rapace tanto elegante quanto raro: il capovaccaio. Si tratta di un avvoltoio, una delle quattro specie conosciute per l’Italia ed anche, oggi, quella a maggiore rischio di estinzione, un rischio più che concreto visto che in tutta Italia, attualmente, non sono presenti più di 10-12 coppie nidificanti. Considerato che intorno agli anni Sessanta-Settanta in Italia erano presenti circa 70-80 coppie, e che nell’area delle Gravine ce n’erano circa 7-10, il trend di riduzione appare veramente drammatico.

      La situazione della popolazione delle Gravine rispecchia quella dell’Italia, con una forte riduzione, e sono diversi anni che la specie, pur essendo presente, non nidifica.

      Eppure il capovaccaio appare una specie opportunista, cioè non particolarmente specializzata. Si ciba di piccoli animali morti, placente di mammiferi che partoriscono in libertà (soprattutto animali al pascolo, abitudine a cui è legato il suo nome, in quanto segue abitualmente le vacche al pascolo), resti di macellazione, rifiuti, escrementi, frutta e verdura marcescenti, nonché di insetti e altri invertebrati che probabilmente rappresentano le uniche prede cacciate regolarmente. In Italia predilige zone destinate al pascolo del bestiame brado, con ridotta copertura boschiva e bassa presenza antropica, dal livello del mare sino a 1.000-1.500 metri di quota.

      Le cause principali che hanno determinato la forte riduzione di questa specie in Italia sono fondamentalmente le stesse che hanno agito in modo negativo nell’area delle Gravine: scomparsa e trasformazione di habitat, disturbo, riduzione del pascolo brado (una delle sue principali fonti di alimentazione), depredazione dei nidi con sottrazione dei piccoli, mortalità degli adulti e soprattutto l’avvelenamento sembra una delle cause più gravi.

      L’insieme di questi fattori agisce su una specie dalle peculiari caratteristiche riproduttive: infatti, un capovaccaio diventa adulto e può riprodursi solo intorno ai 6-7 anni, producendo un solo piccolo all’anno. Pur vivendo oltre i venti anni ha quindi un basso tasso riproduttivo, cioè nel corso della sua vita produce pochi piccoli. Questo determina, in una popolazione piccola come quella italiana (e quella delle Gravine in particolare), che quando questa scende al di sotto di una certa soglia minima (orientativamente alcune decine di individui in grado di riprodursi) entra in un vortice che tende a portarla rapidamente all’estinzione. La ridotta dimensione numerica, infatti, la rende molto più sensibile nei confronti di quegli stessi fattori che ne hanno causato il declino iniziale o di nuovi fattori che subentrano in seguito: la popolazione tende pertanto a ridursi ulteriormente, innescando una spirale guidata dal caso, difficilmente arrestabile. In questa situazione i nuovi nati non sono in grado di sostituire gli individui che per cause naturali – ma nel nostro caso soprattutto antropiche – muoiono.

      L’unica azione di conservazione che può invertire questo trend negativo è il ripopolamento con nuovi individui. Ed è quello che è stato fatto, per la prima volta al mondo con questa specie, nel Parco delle Gravine, mettendo a punto una specifica tecnica di reintroduzione. Sono stati infatti reintrodotti in natura sette giovani capovaccai nati in un centro di recupero; alcuni, dotati di trasmittente satellitare, hanno per la prima volta fornito informazioni sulle rotte di migrazione e le aree di svernamento. È stato un grande successo scientifico in quanto alcuni individui, dopo alcuni anni, sono tornati e si spera possano ricostituire, nel Parco, una popolazione nidificante di questa splendida specie.

 

Articoli correlati
Natura e paesaggio   Parco naturale Terra delle Gravine Tra canyon maestosi FLORA   La campanula pugliese
Altri articoli
Natura e paesaggio   Gravina di Laterza Arizona di Puglia Natura e paesaggio   Parco Nazionale dell’Alta Murgia Il mondo perduto delle architetture in pietra a secco Natura e paesaggio   Giganti maestosi Natura e paesaggio   Fra i titani del Salento Natura e paesaggio   Je suis “Ulivo” Salviamo gli ulivi di Puglia Natura e paesaggio   Saline dei Monaci Un dolce rifugio per l’avifauna lungo la costa jonica FLORA   La salicornia glauca FAUNA   Il fenicottero Natura e paesaggio   I pajari del Salento Quando l’architettura è in armonia con la natura Natura e paesaggio   Tra pipistrelli di grotta e magnifiche querce vallonee FLORA   La quercia vallonea FAUNA   Il ferro di cavallo maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale Litorale di Ugento Il paradiso salentino degli uccelli migratori FLORA   Il fiordaliso di Creta FAUNA   Il cigno reale Natura e paesaggio   Saline di Margherita di Savoia Un regno per l’avifauna FAUNA   L’avocetta Natura e paesaggio   Punta della Contessa Regno di piante rare e uccelli di passo FLORA   Bassia hirsuta FAUNA   L’airone bianco maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano Un tuffo nella bellezza FLORA   Lo spinaporci FAUNA   Il cuculo dal ciuffo Natura e paesaggio   Bosco delle Pianelle a Martina Franca Tra lecci bellissimi e piante rare FLORA   L’ofride di Ingrassia FAUNA   Il pettirosso Natura e paesaggio   Il fico in Puglia: tra “paesaggi dimenticati” e nuovi ficheti FLORA   Erba di San Giovanni crespa FAUNA   Il passero Natura e paesaggio   Porto Cesareo Acque di cristallo, fondali preziosi e spiagge da sogno FLORA   Piante e fiori delle dune FAUNA   Il fraticello Natura e paesaggio   I favolosi olivi di Puglia Tra storia, natura e agricoltura FLORA   Piante e fiori degli oliveti FAUNA   L’upupa Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio FLORA   La campanella selvatica FAUNA   Il tasso Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase FLORA   Il fiordaliso di Leuca FAUNA   Il grillaio Natura e paesaggio   Grotte di Castellana Incantevole mondo sotterraneo FAUNA   Spelaeomysis bottazzii Natura e paesaggio   Foresta Umbra Tra piante e animali rari all’ombra della faggeta FLORA   L’agrifoglio FAUNA   Il capriolo del Gargano Natura e paesaggio   Riserva naturale delle Cesine Paradiso di flora e fauna FLORA   La periploca maggiore FAUNA   La folaga Natura e paesaggio   Parco nazionale dell’Alta Murgia Tra natura e storia FLORA   Il lino delle fate Natura e paesaggio   Torre Guaceto Natura e cultura tra mare e terra Flora   L’erica pugliese