RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- FEBBRAIO 2018 -
HOME - Puglia - Natura e paesaggio - Il capriolo del Gargano
Natura e paesaggio
FAUNA
Il capriolo del Gargano Discende direttamente da quelli cacciati dai Romani e poi da Federico II.
La popolazione è in calo anche a causa del bracconaggio e della non ottimizzazione del pascolo
di Antonio Sigismondi
CONDIVIDI Facebook Twitter

Un esemplare di capriolo simile a quello
del Gargano.
Foto Archivio Fotogramma

      Se di per sé la presenza nella regione Puglia di una estesa e ben strutturata foresta quale il complesso di Umbra appare un evento eccezionale, essendo questa la regione italiana più povera di boschi, la presenza in questa foresta di una popolazione autoctona di capriolo italico ha qualcosa di assolutamente straordinario.

      Le popolazioni garganiche del capriolo, infatti, fatto molto raro in Italia, discendono direttamente da quelle che nel corso della storia sono state cacciate prima dai romani, poi da Federico II di Svevia fino alle più recenti grandi cacce che durante l’ultima guerra e l’immediato periodo successivo ne hanno quasi estinto la popolazione.

      Solo in altri due luoghi d’Italia, i monti di Orsomarso in Calabria e la tenuta di Castelporziano nel Lazio, troviamo caprioli dalle origini così nobili. Tutte le altre popolazioni, infatti, risultano incrociate con individui centro-europei introdotti a scopo venatorio. Queste popolazioni appartengono ad una sottospecie classificata come capriolo italiano (Capreolus capreolus italicus), caratterizzata dai ‘fratelli’ europei per alcuni aspetti del colorito e per le dimensioni più ridotte e sembra per una diversa ecologia.

      Tra questi nuclei di capriolo italico, la popolazione del Parco Nazionale del Gargano è certamente quella ecologicamente più isolata e quindi dove è più probabile che si possano essere conservate le caratteristiche della popolazione autoctona. A testimonianza di una diversità della popolazione del Gargano, vi sono le prime indagini genetiche (Lorenzini R. et al. 2001) che, mettendo a confronto varie popolazioni del bacino del Mediterraneo, evidenziano la presenza di un elemento del tutto unico che differenzia il patrimonio genetico del capriolo del Gargano. In passato la specie era molto comune sul promontorio; nel 1911 Ghigi lo riteneva frequente e lo riportava come l’unica popolazione presente sul versante adriatico italiano. Varie indagini (Tassi 1969, Tinelli e Lauriola 1985, Perco 1985) avevano già evidenziato un forte calo della popolazione. Anche le osservazioni condotte da Apollonio e Trocchi (1986) confermano questa tendenza. La situazione attuale del capriolo del Gargano, sulla base delle indagini preliminari sulla distribuzione, svolte dal 1995 al 2001 (Gioiosa et al. 1998a, 1998b e 2000) dal Centro Studi Naturalistici e poi dall’Osservatorio naturalistico del Parco, risulta essere critica principalmente a causa di fattori sfavorevoli come il bracconaggio, la presenza di cani vaganti e, probabilmente, la non ottimizzazione del pascolo.

      La concorrenza di questi fattori, e probabilmente anche di altri non ancora conosciuti, fa sì che il capriolo sia presente quasi esclusivamente nei territori strettamente forestali del complesso Umbra (in particolare la faggeta) e non, come ci si aspetterebbe, in molte aree più idonee alla specie. Attualmente sono in corso progetti per approfondire le conoscenze sulla specie promossi dal Parco Nazionale del Gargano; con questi dati si disporrà presto di indicazioni precise sulle ulteriori azioni da attuare per la conservazione di questo importante elemento faunistico da sempre considerato come specie simbolo del Parco.

Articoli correlati
Natura e paesaggio   Foresta Umbra Tra piante e animali rari all’ombra della faggeta FLORA   L’agrifoglio
Altri articoli
Natura e paesaggio   Gravina di Laterza Arizona di Puglia Natura e paesaggio   Parco Nazionale dell’Alta Murgia Il mondo perduto delle architetture in pietra a secco Natura e paesaggio   Giganti maestosi Natura e paesaggio   Fra i titani del Salento Natura e paesaggio   Je suis “Ulivo” Salviamo gli ulivi di Puglia Natura e paesaggio   Saline dei Monaci Un dolce rifugio per l’avifauna lungo la costa jonica FLORA   La salicornia glauca FAUNA   Il fenicottero Natura e paesaggio   I pajari del Salento Quando l’architettura è in armonia con la natura Natura e paesaggio   Tra pipistrelli di grotta e magnifiche querce vallonee FLORA   La quercia vallonea FAUNA   Il ferro di cavallo maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale Litorale di Ugento Il paradiso salentino degli uccelli migratori FLORA   Il fiordaliso di Creta FAUNA   Il cigno reale Natura e paesaggio   Saline di Margherita di Savoia Un regno per l’avifauna FAUNA   L’avocetta Natura e paesaggio   Punta della Contessa Regno di piante rare e uccelli di passo FLORA   Bassia hirsuta FAUNA   L’airone bianco maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano Un tuffo nella bellezza FLORA   Lo spinaporci FAUNA   Il cuculo dal ciuffo Natura e paesaggio   Bosco delle Pianelle a Martina Franca Tra lecci bellissimi e piante rare FLORA   L’ofride di Ingrassia FAUNA   Il pettirosso Natura e paesaggio   Il fico in Puglia: tra “paesaggi dimenticati” e nuovi ficheti FLORA   Erba di San Giovanni crespa FAUNA   Il passero Natura e paesaggio   Porto Cesareo Acque di cristallo, fondali preziosi e spiagge da sogno FLORA   Piante e fiori delle dune FAUNA   Il fraticello Natura e paesaggio   I favolosi olivi di Puglia Tra storia, natura e agricoltura FLORA   Piante e fiori degli oliveti FAUNA   L’upupa Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio FLORA   La campanella selvatica FAUNA   Il tasso Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase FLORA   Il fiordaliso di Leuca FAUNA   Il grillaio Natura e paesaggio   Grotte di Castellana Incantevole mondo sotterraneo FAUNA   Spelaeomysis bottazzii Natura e paesaggio   Parco naturale Terra delle Gravine Tra canyon maestosi FLORA   La campanula pugliese FAUNA   Il capovaccaio Natura e paesaggio   Riserva naturale delle Cesine Paradiso di flora e fauna FLORA   La periploca maggiore FAUNA   La folaga Natura e paesaggio   Parco nazionale dell’Alta Murgia Tra natura e storia FLORA   Il lino delle fate Natura e paesaggio   Torre Guaceto Natura e cultura tra mare e terra Flora   L’erica pugliese