RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- GENNAIO 2018 -
HOME - Puglia - Natura e paesaggio - L’agrifoglio
Natura e paesaggio
FLORA
L’agrifoglio È molto diffuso nelle faggete del Gargano. Fiorisce da aprile a maggio per lasciare posto ai bellissimi frutti rosso scarlatto di Silvano Marchiori
CONDIVIDI Facebook Twitter

Il bellissimo agrifoglio con i caratteristici frutti rossi. Foto di Piero Medagli

    Albero sempreverde di modeste dimensioni l’agrifoglio (Ilex aquifolium L.) raggiunge, al massimo del suo sviluppo, un’altezza di 10 metri. Il fusto presenta una corteccia liscia, di colore grigio scuro, che tende a desquamare.

      Negli esemplari arborei la forma della chioma è vagamente piramidale, e le foglie, con un breve picciolo, hanno lamine di forma ellittica, con base arrotondata e appuntite all’apice (da cui trae origine l’epiteto specifico: aquifolium da acutus = appuntito e folium = foglia), lucide, del tutto prive di peli (glabre), verde scuro sopra e giallo verdastre sotto.

      L’agrifoglio presenta una notevole variabilità nella forma delle foglie (dimorfismo fogliare): i ricacci (polloni), i giovani esemplari e i rami posti all’ombra hanno foglie con margine ondulato, fortemente dentato-spinose, con un numero di denti variabile (sino a sette per lato). I fiori, unisessuali, si sviluppano su piante diverse (specie dioica), sono piccoli, con petali bianchi i femminili, bianchi con striature rossastre i maschili, riuniti in gruppi (fascetti), portati alla base (ascella) di foglie su rami formatisi l’anno precedente. La fioritura avviene da aprile a maggio, l’impollinazione avviene ad opera di insetti, principalmente api. Il frutto che si forma è una strana drupa subsferica con 4 noccioli, dalle dimensioni di un pisello. Il colore rosso scarlatto, che bene contrasta con il verde scuro delle foglie, e il fatto che permanga sulla pianta durante tutto l’inverno lo rendono appetibile a molti uccelli che se ne nutrono contribuendo così alla sua diffusione.

      L’agrifoglio si trova in Europa, nell’Asia Minore e nell’Africa nord-occidentale.

In Italia è distribuito in tutto il territorio nazionale nelle faggete, ma è pianta sempre più rara per l’eccessivo prelievo che ne è stato fatto per l’utilizzazione sia del legno, ottimo per ogni tipo di lavorazione, che dei rametti fertili (con foglie e drupe) a scopo ornamentale.

      Nel Gargano, favorito dal clima particolarmente umido (subatlantico) e moderatamente caldo (submediterraneo) della Foresta Umbra, l’agrifoglio è molto diffuso e costituisce, allo stato arbustivo, un elemento caratteristico delle faggete.

      Da questa specie sono stati ottenuti numerosi ibridi e varietà colturali (cultivar) presenti in molti giardini. Sin dall’antichità l’agrifoglio era utilizzato come pianta medicinale e considerata un amuleto, utile a scacciare i demoni.

      Successivamente l’uso dell’agrifoglio come addobbo natalizio si diffuse anche nella cultura cristiana, che vedeva nelle spine delle foglie e nel rosso delle drupe un richiamo alla passione di Cristo, anche se l’abitudine di appendere fuori dall’uscio una corona benaugurale di agrifoglio resta una testimonianza dell’antica tradizione precristiana.

Articoli correlati
Natura e paesaggio   Foresta Umbra Tra piante e animali rari all’ombra della faggeta FAUNA   Il capriolo del Gargano
Altri articoli
Natura e paesaggio   Gravina di Laterza Arizona di Puglia Natura e paesaggio   Parco Nazionale dell’Alta Murgia Il mondo perduto delle architetture in pietra a secco Natura e paesaggio   Giganti maestosi Natura e paesaggio   Fra i titani del Salento Natura e paesaggio   Je suis “Ulivo” Salviamo gli ulivi di Puglia Natura e paesaggio   Saline dei Monaci Un dolce rifugio per l’avifauna lungo la costa jonica FLORA   La salicornia glauca FAUNA   Il fenicottero Natura e paesaggio   I pajari del Salento Quando l’architettura è in armonia con la natura Natura e paesaggio   Tra pipistrelli di grotta e magnifiche querce vallonee FLORA   La quercia vallonea FAUNA   Il ferro di cavallo maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale Litorale di Ugento Il paradiso salentino degli uccelli migratori FLORA   Il fiordaliso di Creta FAUNA   Il cigno reale Natura e paesaggio   Saline di Margherita di Savoia Un regno per l’avifauna FAUNA   L’avocetta Natura e paesaggio   Punta della Contessa Regno di piante rare e uccelli di passo FLORA   Bassia hirsuta FAUNA   L’airone bianco maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano Un tuffo nella bellezza FLORA   Lo spinaporci FAUNA   Il cuculo dal ciuffo Natura e paesaggio   Bosco delle Pianelle a Martina Franca Tra lecci bellissimi e piante rare FLORA   L’ofride di Ingrassia FAUNA   Il pettirosso Natura e paesaggio   Il fico in Puglia: tra “paesaggi dimenticati” e nuovi ficheti FLORA   Erba di San Giovanni crespa FAUNA   Il passero Natura e paesaggio   Porto Cesareo Acque di cristallo, fondali preziosi e spiagge da sogno FLORA   Piante e fiori delle dune FAUNA   Il fraticello Natura e paesaggio   I favolosi olivi di Puglia Tra storia, natura e agricoltura FLORA   Piante e fiori degli oliveti FAUNA   L’upupa Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio FLORA   La campanella selvatica FAUNA   Il tasso Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase FLORA   Il fiordaliso di Leuca FAUNA   Il grillaio Natura e paesaggio   Grotte di Castellana Incantevole mondo sotterraneo FAUNA   Spelaeomysis bottazzii Natura e paesaggio   Parco naturale Terra delle Gravine Tra canyon maestosi FLORA   La campanula pugliese FAUNA   Il capovaccaio Natura e paesaggio   Riserva naturale delle Cesine Paradiso di flora e fauna FLORA   La periploca maggiore FAUNA   La folaga Natura e paesaggio   Parco nazionale dell’Alta Murgia Tra natura e storia FLORA   Il lino delle fate Natura e paesaggio   Torre Guaceto Natura e cultura tra mare e terra Flora   L’erica pugliese