RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- FEBBRAIO 2018 -
HOME - Puglia - Natura e paesaggio - Parco nazionale dell’Alta Murgia Tra natura e storia
Natura e paesaggio
Parco nazionale dell’Alta Murgia
Tra natura e storia
È un vasto territorio in cui predominano le steppe, ricco di splendida flora e fauna.
Milioni di pecore transitavano lungo i suoi “tratturi” e, molti millenni prima, si aggiravano nell’area almeno cinque specie di dinosauri.
Dalle tracce di Medio Evo alle testimonianze della dinastia Aragonese fino ai ricchi, piccoli centri abitati che sorgono oggi nelle sue adiacenze
di Fabio Modesti
Direttore Parco Alta Murgia
CONDIVIDI Facebook Twitter

Parco nazionale dell'Alta Murgia. I boschi di roverella (Quercus pubescens) contornano Lama Reale, il più grande solco erosivo (lama) del Parco. Foto gentilmente concessa dall'Ente Parco Nazionale dell’Alta Murgia

      Il parco nazionale dell’Alta Murgia è un vero e proprio hotspot di biodiversità animale e vegetale, con un numero impressionante di specie selvatiche; l’avifauna è caratterizzata da circa 75 specie, che rappresentano poco meno della metà delle specie nidificanti in Puglia; le specie vegetali sono circa 1.500, pari al 25% dell’intera flora d’Italia. È un territorio poco conosciuto, anche se facilmente penetrabile e visitabile, che conserva il fascino di un ambiente predesertico, accanto alla poesia dei paesaggi ondulati, al sublime infinito degli spazi dell’altopiano, alle tracce dei grandi imperatori medievali (Castel del Monte e i resti del Castello del Garagnone).
      È il più vasto territorio steppico dell’Europa occidentale, caratterizzato dalla presenza di specie vegetali endemiche come la Stipa austroitalica (chiamato “Lino delle fate”) che creano, nel periodo primaverile, un bianco mare movimentato dal vento. Antico regno di pastorizia (oggi in grande difficoltà economica), il Parco dell’Alta Murgia conserva le testimonianze di una civiltà straordinaria che ha avuto il suo apice poco prima della scoperta dell’America, con l’istituzione da parte della dinastia Aragonese della Regia Dogana della Mena delle Pecore: un formidabile strumento di pressione fiscale che ha potuto alimentare l’avida struttura regia (i pascoli erano proprietà regie e per pascolare si pagava la “fida”), e poteva contare su un massiccio numero di greggi che d’inverno scendevano verso i pascoli naturali dell’Alta Murgia per andare poi, a maggio, verso i pascoli alti delle montagne abruzzesi: milioni e milioni di pecore che transitavano lungo i “tratturi”, vere e proprie autostrade armentizie. Larghi fino a 116 metri, i Tratturi Reali Melfi-Castellaneta e Barletta-Grumo, affiancati rispettivamente dalle vie consolari romane Appia e Traiana, costeggiano a Est e a Ovest l’altopiano del parco nazionale dell’Alta Murgia. Jazzi, masserie da campo, riposi e muri con pietra a secco che delimitano i “parchi” assegnati per il pascolo delle greggi, costellano il territorio dell’area protetta. Oggi molte di queste strutture sono abbandonate in attesa di investimenti pubblici e privati per il loro recupero, così come per quello delle numerose antiche raccolte d’acqua (piscine, votàni, “laghi”) e di neviere.
      Il territorio carsico del parco nazionale dell’Alta Murgia ha stimolato nel corso dei millenni l’inventiva dei suoi abitanti, per approvvigionarsi dell’elemento più importante per gli esseri viventi: l’acqua, che, infiltrandosi nelle fessure delle rocce calcaree ed erodendole essa stessa, è presente nel sottosuolo del Parco a profondità che oscillano tra i seicento e i mille metri di profondità.
      Nel 1999 il Parco è balzato all’attenzione internazionale per una straordinaria scoperta fatta nel territorio di Altamura. In una cava situata in località Pontrelli, un’area di circa 15.000 metri quadrati, sono state rinvenute orme di dinosauri, appartenenti ad almeno cinque diverse specie, sia erbivori che carnivori, fossilizzate nel calcare e tutte in un discreto stato di conservazione. Ne sono state rinvenute circa 30.000. Quest’incredibile concentrazione di tracce lo rendono uno dei giacimenti più ricchi al mondo.
      Compito del Parco è principalmente quello di conservare le risorse naturali e i paesaggi di questo splendido altopiano della Puglia centrale; un compito non semplice anche perché, attorno ai suoi rilievi calcarei e quasi deserti, si sono sviluppati tredici centri abitati con una popolazione che sfiora i 500.000 abitanti: città storicamente molto importanti, con un reddito molto vicino a quello di capoluoghi del Nord-Est italiano e attività industriali, artigianali e di commercializzazione dei prodotti agricoli (il distretto del salotto, i mulini di Altamura e Corato). L’Ente Parco sta a questo proposito sviluppando importanti iniziative con le aziende agro-zootecniche presenti nell’area protetta, che vanno dagli accordi per la gestione del territorio, con impegni finanziari per la sostenibilità delle pratiche agricole, alla collaborazione con i comuni del Parco per il recupero di alcune porzioni di territorio di proprietà pubblica, e con le attività extralberghiere (agriturismi e B&B), per lo sviluppo di collegamenti internet a “banda larga” e telefonici satellitari necessari in un territorio difficilmente raggiungibile dai cavi dei gestori telefonici, alla predisposizione di “pacchetti vacanza” negli splendidi scenari del Parco.
      In definitiva il parco nazionale dell’Alta Murgia è uno scrigno che si apre a chi lo vuol conoscere e visitare, per vivere i paesaggi, gli odori, i colori, la cucina e i prodotti di uno degli altipiani più belli d’Europa.

DOVE: Parco nazionale dell'Alta Murgia

Google maps

Articoli correlati
FLORA   Il lino delle fate
Altri articoli
Natura e paesaggio   Gravina di Laterza Arizona di Puglia Natura e paesaggio   Parco Nazionale dell’Alta Murgia Il mondo perduto delle architetture in pietra a secco Natura e paesaggio   Giganti maestosi Natura e paesaggio   Fra i titani del Salento Natura e paesaggio   Je suis “Ulivo” Salviamo gli ulivi di Puglia Natura e paesaggio   Saline dei Monaci Un dolce rifugio per l’avifauna lungo la costa jonica FLORA   La salicornia glauca FAUNA   Il fenicottero Natura e paesaggio   I pajari del Salento Quando l’architettura è in armonia con la natura Natura e paesaggio   Tra pipistrelli di grotta e magnifiche querce vallonee FLORA   La quercia vallonea FAUNA   Il ferro di cavallo maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale Litorale di Ugento Il paradiso salentino degli uccelli migratori FLORA   Il fiordaliso di Creta FAUNA   Il cigno reale Natura e paesaggio   Saline di Margherita di Savoia Un regno per l’avifauna FAUNA   L’avocetta Natura e paesaggio   Punta della Contessa Regno di piante rare e uccelli di passo FLORA   Bassia hirsuta FAUNA   L’airone bianco maggiore Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano Un tuffo nella bellezza FLORA   Lo spinaporci FAUNA   Il cuculo dal ciuffo Natura e paesaggio   Bosco delle Pianelle a Martina Franca Tra lecci bellissimi e piante rare FLORA   L’ofride di Ingrassia FAUNA   Il pettirosso Natura e paesaggio   Il fico in Puglia: tra “paesaggi dimenticati” e nuovi ficheti FLORA   Erba di San Giovanni crespa FAUNA   Il passero Natura e paesaggio   Porto Cesareo Acque di cristallo, fondali preziosi e spiagge da sogno FLORA   Piante e fiori delle dune FAUNA   Il fraticello Natura e paesaggio   I favolosi olivi di Puglia Tra storia, natura e agricoltura FLORA   Piante e fiori degli oliveti FAUNA   L’upupa Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Bosco e Paludi di Rauccio FLORA   La campanella selvatica FAUNA   Il tasso Natura e paesaggio   Parco naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase FLORA   Il fiordaliso di Leuca FAUNA   Il grillaio Natura e paesaggio   Grotte di Castellana Incantevole mondo sotterraneo FAUNA   Spelaeomysis bottazzii Natura e paesaggio   Parco naturale Terra delle Gravine Tra canyon maestosi FLORA   La campanula pugliese FAUNA   Il capovaccaio Natura e paesaggio   Foresta Umbra Tra piante e animali rari all’ombra della faggeta FLORA   L’agrifoglio FAUNA   Il capriolo del Gargano Natura e paesaggio   Riserva naturale delle Cesine Paradiso di flora e fauna FLORA   La periploca maggiore FAUNA   La folaga Natura e paesaggio   Torre Guaceto Natura e cultura tra mare e terra Flora   L’erica pugliese