RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- OTTOBRE 2017 -
HOME - Puglia - Luoghi - Gallipoli La bella e il mare
Luoghi
Gallipoli
La bella e il mare
Il mare è l’essenza di Gallipoli, la fonte della sua ricchezza, l’orgoglio della sua storia.
Nella città vecchia si trovano gli antichi frantoi che producevano l’olio lampante; veniva imbarcato nelle navi e raggiungeva il Nord Europa per illuminarne le città
di Vito Spada
CONDIVIDI Facebook Twitter

Gallipoli (Lecce). La città vecchia. Foto Archivio Fotogramma

La dimensione è qui diversa. Chiunque abbia consuetudine con il Salento, avverte immediatamente la diversità di questa città. Si percepisce subito una attitudine diversa nella sua architettura e nella sua gente. Il paesaggio inequivocabilmente marino, con ampie vedute sulla costa, non invita pensieri di difesa, di chiusure, di limitazioni e di vita da contado. Al contrario, è proprio il mare con le sue distese, con i suoi colori profondi e con la folla delle sue imbarcazioni che si muovono incessantemente nel suo golfo naturale, a suggerire la profonda vitalità della città. Qui, il pensiero corre senza difficoltà all’animo profondo della sua gente: quello mercantile. Persino il Rivellino, il bastione a difesa dell’isola con la città vecchia, con le sue forme aggraziate e circolari che sembrano avviluppare l’ingresso in un sicuro abbraccio, non incute sentimenti guerrieri, ma suggerisce una protezione naturale al traffico marino. La dimensione della protezione militare e del confine fisico, qui lascia il passo a quella del commercio, ai suoi collegamenti con altre terre, altri popoli, alla naturale abbondanza del pescato che simbolicamente ha sempre rappresentato la fecondità delle acque che lambiscono i suoi lidi.

Gallipoli non è in alcun modo assimilabile alle altre città salentine. È diversa in ogni aspetto. Qui il confine non è percepito come minaccia, come limite, come chiusura. No, qui il confine, il mare soprattutto, è il simbolo della comunicazione fra le genti, il mezzo tradizionale per avvicinare le comunità, lo scambio essenziale per migliorare la condizione economica. Il mare è per Gallipoli la sua essenza, lo scopo principale della sua esistenza, il respiro della sua gente, la fonte della sua ricchezza e l’orgoglio imperituro della sua storia. Tutto a Gallipoli ruota intorno al mare. Paradossalmente è lui con le sue acque distese e profonde a cingere dolcemente l’antico borgo isolano in una cornice che mette giustamente in rilievo le sue case, le sue chiese e le sue strade. È sulla cinta del suo lungomare che bisognerebbe andare nelle giornate di tramontana severa per sentire la simbiosi naturale del vento che spira potente insieme alle onde, con il costone roccioso che protegge la città. Anche nei periodi peggiori di tempeste ventose e marine, Gallipoli conserva infatti una sua bellezza, un suo fascino che la rende unica. Non è un caso quindi, che il suo nome in greco significhi “città bella”. La bellezza è legata al felice connubio fra la sua architettura e gli elementi naturali che la circondano.

Girando fra le strade del borgo antico, dove una visione affrettata può fare intravedere una via senza uscita, pochi passi in più faranno scoprire un percorso tortuoso ma senza fine che conduce sempre verso il mare. Ed è qui che si possono trovare, scavati nella roccia dell’isola, gli antichi frantoi che producevano l’olio: un’altra risorsa della città. In passato centinaia di navi hanno trasportato questo prezioso dono degli ulivi per le economie e le illuminazioni delle città europee del Nord. Ed è stato grazie al commercio di olio, sapone, cera e legname che hanno indotto famiglie europee come quelle inglesi, a stabilirsi a Gallipoli. Di nuovo, vengono in rilievo le naturali qualità della città per i contatti e i commerci con l’Europa. La presenza di stranieri e la posizione geografica della città ne hanno fatto, nel Salento, un punto essenziale per l’economia del territorio. Non fa meraviglia che le sue spiagge sabbiose e dorate, ospitino in estate una folla di visitatori che non ha uguali nel territorio. La “festa” che si celebra incessantemente in estate a Gallipoli fra le migliaia di turisti che la frequentano è un elemento quasi naturale della voglia di praticare la comunicazione da parte della sua gente che ha sempre cercato nel mare il senso della sua esistenza.

È qui, nelle sue acque specchiate e limpide, nelle sue semplici chiese come quelle della Madonna della Puritate che veglia e protegge i marinai nei viaggi marini, nella concitazione delle trattative al mercato generale del pesce, nei tanti ristoranti che festeggiano il pescato in ogni sua forma e nelle folle di turisti che cercano di carpire i segreti della città che si concentra l’essenza di Gallipoli. Una città in simbiosi con il mare.

DOVE: Gallipoli (LE)

Google maps

Altri articoli
Luoghi   Capràrica di Lecce Atmosfere del Salento di un tempo Luoghi   Salento Tra Jonio e Adriatico Luoghi   Intorno a Bari Visioni di piccole, bellissime città Luoghi   Meraviglioso Salento Viaggio nel colore Luoghi   Basilica di Santa Caterina d’Alessandria L’incomparabile tesoro di Galatina Luoghi   Giovinazzo Un castello sul mare Luoghi   Meraviglioso Salento Il mare Luoghi   Tra le rose di Villa Larocca Viaggio nella bellezza a Bari Luoghi   Il Parco delle Cave, a Lecce Luoghi   Martina Franca Piccola capitale del bello Luoghi   Barletta Crocevia di storia e cultura Luoghi   La Grande Bellezza del faro di Leuca Luoghi   Puglia, trionfo di luce e colori Luoghi   Conversano Tra storia… e ciliegie Luoghi   Bianco Puglia Luoghi   Il mare Luoghi   Cavallino Centro di cultura e spettacoli Luoghi   Turi Ricordando quel borgo e quella grotta di Sant’Oronzo… Luoghi   Supersano Ai piedi della Serra, tra ulivi e icone bizantine Luoghi   Carlantino, piccola e preziosa Luoghi   Puglia d’inverno Luoghi   Taranto Il fascino della storia Luoghi   Peschici, “terrazza meravigliosa” Luoghi   Cavallino I mille volti della storia Luoghi   Lecce, il barocco dell’anima Luoghi   Vieste Dove la natura sfolgorante fa sognare un’estate eterna Luoghi   Castel del Monte I mille enigmi del capolavoro di Federico II Luoghi   Marittima La magia di un luogo dove il tempo si è fermato Luoghi   Isole Tremiti Un abbaglio della natura Luoghi   Ostuni L’incantevole “città bianca” Luoghi   Mattinata Natura, storia e tradizione nel chiarore mediterraneo Luoghi   Molfetta Città marinara Luoghi   Putignano La regina del Carnevale Luoghi   Altamura Leonessa di Puglia Luoghi   Polignano “Laggiù dove si sente il mare” Luoghi   Massafra Il fascino di quel castello arroccato sulla collina Luoghi   Trani L’incantevole “Atene delle Puglie” Luoghi   Alberobello Atmosfera da fiaba nel paese dei trulli Luoghi   Bari La Parigi del Mediterraneo