RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- GIUGNO 2017 -
HOME - Puglia - Luoghi - Ostuni L’incantevole “città bianca”
Luoghi
Ostuni
L’incantevole “città bianca”
Arroccata su una collina che guarda l’Adriatico ha un centro storico imperdibile con case bianche, palazzi nobiliari, ringhiere barocche, chiese e negozietti, bar, ristorantini…
Storia, preistoria e folclore all’ombra della statua di Sant’Oronzo, protettore della città
di Lino Patruno
CONDIVIDI Facebook Twitter

Ostuni (Brindisi). Foto Archivio Fotogramma

      A costo di rischiare la scomunica nella terra dei campanili, Ostuni è il centro storico più bello di Puglia. Bello da stordire. Se una notte un viaggiatore ci arrivasse con la macchina fotografica, non saprebbe da dove cominciare tanti sono gli angoli, e le prospettive, e gli scorci. Tra vicoli e scalette, corti e piazzette, strettoie e serpentine, archi e balconcini, terrazze e camini, Ostuni è tutto uno sfinimento nell’abbaglio del bianco calce delle pareti. E “città bianca” è perciò detta, pennellate di candore di antica civiltà contadina e brivido di nido nell’aria rarefatta.

      Perché a chi viene dal mare, Ostuni sembra l’astronave di Incontri ravvicinati del terzo tipo come nel film di Spielberg, pronta a schizzare verso l’infinito, tutta tonda e luccicante nelle massicce mura. Lassù, ai suoi 240 metri, Ostuni si porge come un rifugio contro i furori dell’afa che impiomba i lunghi arenili laggiù, dove popolosi ma discreti si stendono i villaggi di Rosa Marina e Monticelli prima del chiassoso supermarket turistico di Villanova, l’antico porto romano.

      Così, nei mesi delle vacanze, è un incessante eccitato sciamare nella vertigine della Terra. È appunto il centro storico medievale, ora modellato di arabeschi tra case-grotta una sull’altra, ora altezzoso di inaspettati palazzotti nobiliari delle grandi famiglie di Spagna, di stemmi gentilizi, di leziosi portoni, di lampioni d’epoca, di ringhiere barocche, di chiese, fontane. E via quindi la colorita litania dei mille negozietti, e civettuoli bar, e abbarbicati ristorantini per la gioia del viaggiatore che cerca il suo tenero spicchio sotto le stelle dopo l’orgia del sole su un mare senza eguali.

      Ma Ostuni è anche il grande cuore di Piazza della Libertà, la piazza d’armi dei sacri furori della gioventù bruciata di abbronzatura. Qui la vita non si ferma mai, tanto è profonda la notte brulicante sotto gli ampi cieli mediterranei carichi di bontà. Qui il rutilare dei bar, i decibel delle musiche, l’ancata proterva delle ragazze in fiore, il cicaleccio degli incontri chissà quanto sono responsabili del cipiglio di sant’Oronzo, protettore di Ostuni quanto di Lecce, che dall’alto della sua decoratissima colonna sorveglia un po’ ricurvo di acciacchi.

      Il fatto è che se pulsa questa piazza, pulsa tutta Ostuni. E poi, proprio altro ci vuole per scomporre un santo che nel 1657 non indietreggiò nemmeno davanti alla peste. Anzi, contro la morte nera fu tanto energico da meritarsi non solo l’elezione a patrono, ma anche una rievocazione annuale di quei giorni. È la Cavalcata del 26 agosto, con la statua in argento in giro per i saliscendi vertiginosi scortata dai cavalieri in uniforme d’epoca.

      Il buon sant’Oronzo vede e provvede perché, per dirci sino in fondo la verità, sa bene che in quella piazza la forse ignara gioventù è nulla rispetto ai secoli dei secoli dello stupendo ex convento trecentesco ora sede del municipio, i lunghi corridoi e le stanze degli assessori nelle celle dei monaci perché si comportino bene. E la Biblioteca comunale, fra le più importanti della regione, oltre 60 mila volumi in gran parte affluiti a metà 1800 dai soppressi conventi: preziosa la Tabula Peutingeriana del XII-XIII secolo, fra le carte geografiche più antiche al mondo.

      Incredibile Ostuni tra il futuro dei giovani dei computer e la storia antica della sua cattedrale (monumento nazionale, gotico-romanico, 1400). Ma soprattutto della struggente preistoria di Delia: aveva vent’anni, le ossa rannicchiate, un braccialetto di conchiglie al polso, la mano a proteggere il bambino in ventre. Visse quasi 25 mila anni fa, è stata trovata in una grotta dell’infinita campagna di ulivi e masserie e trulli nel perduto orizzonte.

      Anche Delia è la favola di Ostuni, dove è vietato l’ingresso a chi non ha occhi per vedere, come dice l’iscrizione davanti alla vecchia casa dell’arte, della poesia, della musica, della danza. Perché Ostuni può accecare la vista di chi non sa vedere.

DOVE: Ostuni (BR)

Google maps

Altri articoli
Luoghi   Salento Tra Jonio e Adriatico Luoghi   Intorno a Bari Visioni di piccole, bellissime città Luoghi   Meraviglioso Salento Viaggio nel colore Luoghi   Basilica di Santa Caterina d’Alessandria L’incomparabile tesoro di Galatina Luoghi   Giovinazzo Un castello sul mare Luoghi   Meraviglioso Salento Il mare Luoghi   Tra le rose di Villa Larocca Viaggio nella bellezza a Bari Luoghi   Il Parco delle Cave, a Lecce Luoghi   Martina Franca Piccola capitale del bello Luoghi   Barletta Crocevia di storia e cultura Luoghi   La Grande Bellezza del faro di Leuca Luoghi   Puglia, trionfo di luce e colori Luoghi   Conversano Tra storia… e ciliegie Luoghi   Bianco Puglia Luoghi   Il mare Luoghi   Cavallino Centro di cultura e spettacoli Luoghi   Turi Ricordando quel borgo e quella grotta di Sant’Oronzo… Luoghi   Supersano Ai piedi della Serra, tra ulivi e icone bizantine Luoghi   Carlantino, piccola e preziosa Luoghi   Gallipoli La bella e il mare Luoghi   Puglia d’inverno Luoghi   Taranto Il fascino della storia Luoghi   Peschici, “terrazza meravigliosa” Luoghi   Cavallino I mille volti della storia Luoghi   Lecce, il barocco dell’anima Luoghi   Vieste Dove la natura sfolgorante fa sognare un’estate eterna Luoghi   Castel del Monte I mille enigmi del capolavoro di Federico II Luoghi   Marittima La magia di un luogo dove il tempo si è fermato Luoghi   Isole Tremiti Un abbaglio della natura Luoghi   Mattinata Natura, storia e tradizione nel chiarore mediterraneo Luoghi   Molfetta Città marinara Luoghi   Putignano La regina del Carnevale Luoghi   Altamura Leonessa di Puglia Luoghi   Polignano “Laggiù dove si sente il mare” Luoghi   Massafra Il fascino di quel castello arroccato sulla collina Luoghi   Trani L’incantevole “Atene delle Puglie” Luoghi   Alberobello Atmosfera da fiaba nel paese dei trulli Luoghi   Bari La Parigi del Mediterraneo