RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO

- AGOSTO 2017 -
HOME - Puglia - Luoghi - Mattinata Natura, storia e tradizione nel chiarore mediterraneo
Luoghi
Mattinata
Natura, storia e tradizione
nel chiarore mediterraneo
Amata e celebrata dai poeti, la cittadina del Gargano annovera tra le sue coste il paesaggio mozzafiato della Baia delle Zagare.
Il suo territorio ha una magia che porta l’autore a definirlo “il Tibet del Mediterraneo”, ricco anche di testimonianze archeologiche e di storia
di Lino Patruno
CONDIVIDI Facebook Twitter

Mattinata (Foggia). Baia di Viganotica.
Uno degli angoli incantevoli del Gargano.
Foto Archivio Fotogramma

      Sotto una “nevicata di luce” si distende la conca di Mattinata sul Gargano, la lunga spiaggia di ciottoli, le riparate calette per il nudismo, le lingue di sabbia per gli approdi solitari. È l’antica Matinum dal grande passato immortalato da Lucano, Orazio, Plinio. Vista dall’alto sembra una bianca farfalla nel verde scosceso verso il mare. Con le spalle presidiate dalla guardia dei novecento metri di Monte Saraceno, immane ammasso di nummuliti, esseri a una cellula protetti da gusci a disco come monete. Popolarono gli abissi nella notte dei tempi (Eocene, da 70 a 40 milioni di anni fa) e formarono un calcare che è lo stesso delle piramidi d’Egitto.

      Si racconta che, da questo monte, Ettore Fieramosca si lasciò precipitare col suo destriero. Ma non è solo il prode cavaliere della Disfida di Barletta a far parlare di morte. In una necropoli di cinquecento tombe, i defunti di sette-sei secoli prima di Cristo riposano alla dolce ombra di un’altura cui molti secoli dopo i saraceni avrebbero dato il loro nome.

      Ma molte altre zone archeologiche si estendono nelle vicinanze, perché i ricchi di Siponto venivano qui non solo per le vacanze, ma nella protezione di residenze difese dal bastione naturale quanto dal mare. Pezzi di un “c’era una volta” che spiegano l’incredibile patrimonio conservato non in un museo ma in una farmacia, la farmacia del dottor Sansone, richiamo per ogni visitatore e frutto di cinquant’anni di ricerca e di passione solitaria senza le quali sarebbero andati perduti.

      Così un impalpabile filo lega storia, natura, tradizione in questa Mattinata immersa nel chiarore mediterraneo, “le piccole case rivolte tutte dalla stessa parte, una specie di gentile lebbrosario dell’anima”. E il mare dal quale vi si arriva fece ancora dire allo storico dell’arte Cesare Brandi nel suo Viaggio in Puglia: “A un tratto mi volsi e vidi il mare. E sembrava, il mare increspato così leggero e luminoso, come se fosse pieno di pesci a bocca aperta in su, ad ascoltare la predica di sant’Antonio”.

      Ma a Mattinata si arriva anche dalle pinete del retroterra, attraverso stradine serpeggianti fra gli alti costoni, come a Vignanotica. O per scalinate nella roccia, come a Mattinatella. E che spettacolo quegli scogli imponenti come monumenti che schizzano dalle profondità: i più incredibili e fantasmagorici a Baia delle Zagare, tra i profumi dei fiori degli agrumi.

      Mattinata è come il Tibet del Mediterraneo: c’è sempre uno sbarco solo per te, una grotta marina iridescente di riflessi, un raggio di sole ad aspettarti quando tutto dovesse andar male. C’è qui ancora l’aria sospesa del prodigio del creato che si compiva. E, dice il poeta Cristanziano Serricchio, il mare e la montagna, apparenti nemici, sono qui “accomunati da un indefinibile bisogno di comunione”. Nel Mediterraneo che ha visto nascere le grandi civiltà e le grandi religioni. Ricordando lo storico francese Braudel: “Quando pensiamo all’umana compiutezza, all’orgoglio e alla fortuna di essere uomini, il nostro sguardo si volge verso il Mediterraneo”.

      Tutto questo è Mattinata: angolo di paradiso laggiù, il paese anfrattato lassù. Come se il mare fosse tanto bello da goderselo ma non tanto da sciuparlo.

DOVE: Mattinata (FG)

Google maps

Altri articoli
Luoghi   Salento Tra Jonio e Adriatico Luoghi   Intorno a Bari Visioni di piccole, bellissime città Luoghi   Meraviglioso Salento Viaggio nel colore Luoghi   Basilica di Santa Caterina d’Alessandria L’incomparabile tesoro di Galatina Luoghi   Giovinazzo Un castello sul mare Luoghi   Meraviglioso Salento Il mare Luoghi   Tra le rose di Villa Larocca Viaggio nella bellezza a Bari Luoghi   Il Parco delle Cave, a Lecce Luoghi   Martina Franca Piccola capitale del bello Luoghi   Barletta Crocevia di storia e cultura Luoghi   La Grande Bellezza del faro di Leuca Luoghi   Puglia, trionfo di luce e colori Luoghi   Conversano Tra storia… e ciliegie Luoghi   Bianco Puglia Luoghi   Il mare Luoghi   Cavallino Centro di cultura e spettacoli Luoghi   Turi Ricordando quel borgo e quella grotta di Sant’Oronzo… Luoghi   Supersano Ai piedi della Serra, tra ulivi e icone bizantine Luoghi   Carlantino, piccola e preziosa Luoghi   Gallipoli La bella e il mare Luoghi   Puglia d’inverno Luoghi   Taranto Il fascino della storia Luoghi   Peschici, “terrazza meravigliosa” Luoghi   Cavallino I mille volti della storia Luoghi   Lecce, il barocco dell’anima Luoghi   Vieste Dove la natura sfolgorante fa sognare un’estate eterna Luoghi   Castel del Monte I mille enigmi del capolavoro di Federico II Luoghi   Marittima La magia di un luogo dove il tempo si è fermato Luoghi   Isole Tremiti Un abbaglio della natura Luoghi   Ostuni L’incantevole “città bianca” Luoghi   Molfetta Città marinara Luoghi   Putignano La regina del Carnevale Luoghi   Altamura Leonessa di Puglia Luoghi   Polignano “Laggiù dove si sente il mare” Luoghi   Massafra Il fascino di quel castello arroccato sulla collina Luoghi   Trani L’incantevole “Atene delle Puglie” Luoghi   Alberobello Atmosfera da fiaba nel paese dei trulli Luoghi   Bari La Parigi del Mediterraneo