RIVISTA ON-LINE DI CULTURA E TURISMO
- NOVEMBRE 2017 -
HOME - Puglia - Luoghi - Altamura Leonessa di Puglia
Luoghi
Altamura
Leonessa di Puglia
Ricca di storia, cultura e tradizioni, laboriosa e multietnica, la città della Murgia Barese è celebre anche per l’eccellente pane che ha ottenuto dall’Unione Europea la Denominazione d’Origine Protetta (DOP).
E nei suoi dintorni altri tesori: dalle Mura Megalitiche alle recenti scoperte dello scheletro dell’homo arcaicus e delle incredibili orme dei dinosauri
di Bianca Tragni
CONDIVIDI Facebook Twitter

Altamura. Centro storico.
Foto Archivio Fotogramma

      “Leonessa di Puglia”: se lo dici a uno del Nord non capisce di che stai parlando. Per loro l’unica Leonessa d’Italia è Brescia, per aver cacciato lo straniero nel Risorgimento. Molto prima invece una città Leonessa ci fu in Puglia; e fu Altamura repubblicana che nel 1799 resistette eroicamente all’assedio dei controrivoluzionari del cardinale Ruffo. Altamura fu saccheggiata, violentata, umiliata. Ma il suo spirito fiero non finì. E da allora, in poco più di due secoli, è diventata una città popolosa (70.000 abitanti) e laboriosa (distretto del salotto, agricoltura, industria meccanica ecc.), ricca di monumenti e cultura, densa di tradizioni e prodotti d’eccellenza. Il primo è il PANE, alimento dei poveri, ricchezza delle famiglie, bontà e salute alimentare per tutti. È bello perché è alto, gonfio, dorato, profumatissimo; è buono perché è fatto con i migliori grani di Puglia e con una lavorazione lenta e accurata; è sano perché cresce con lievito madre che (come spiegano i chimici) annulla l’effetto colesterolico dei carboidrati; dura a lungo perché si fa col grano duro, quello per la pasta. Lo scoprì per primo il poeta latino Orazio che, nel suo famoso viaggio da Roma a Brindisi, giunto nella zona di Altamura, dopo aver mangiato un pane “petrosus” (duro come una pietra) esultò a mangiare questo pane tenero e fragrante di cui si fece ampie provviste. Non per niente il pane di Altamura è l’unico ad aver ottenuto dall’Unione Europea la Denominazione d’Origine Protetta (DOP). Un altro primato europeo è l’unica Chiesa costruita ex novo da Federico II di Svevia (1194-1250), l’imperatore tedesco e re di Sicilia, che ha riempito l’Italia e la Germania di tante opere architettoniche, ma non chiese. L’unica la fece in cima alla collina di Altamura e intorno vi ricostruì l’antica città ormai diruta; la rese “demaniale”, cioè libera, e la popolò con gente di tutte le razze e religioni (cristiani, ebrei, musulmani, greci). Dunque Altamura ha nel suo DNA la libertà e la multietnicità. Ancor oggi è la città pugliese che accoglie il maggior numero di stranieri (albanesi, marocchini, romeni ecc.).

      Il suo patrimonio storico-artistico è notevole: oltre alla Cattedrale e alle sue opere d’arte, tutt’intorno nel centro storico vi sono i celebri “claustri”, piccole piazzette con le case dei tanti gruppi etnici. E poi ha chiese barocche di grande pregio; ha palazzi nobiliari eleganti e imponenti; ha monumenti in bronzo alla Libertà, ai Caduti in guerra, a Saverio Mercadante (1795-1870). Questo famoso musicista, uno dei più grandi operisti italiani, che ebbe l’apprezzamento di Rossini e la “rivalità” con Verdi, è uno dei suoi figli più illustri. A suo nome vi è un teatro, una piazza e una lapide sulla casa natale. Altri illustri altamurani furono lo scienziato can. Cagnazzi, precursore nell’invenzione del grammofono (una lapide sul suo palazzo, oggi hotel-ristorante, ne ricorda il multiforme ingegno); lo scrittore antifascista Tommaso Fiore, che definì “un popolo di formiche” la gente di Puglia e tanti altri che si possono scoprire passeggiando per le strade. Fuori città si scoprono altri tesori: le Mura Megalitiche, antichissima cinta peuceta da cui la città prende il nome (Alte-mura); il Pulo, una immensa dolina carsica, un dantesco sprofondo nella terra, che dà il brivido di una natura stupenda, qual è tutta la Murgia, l’altopiano pietroso di Altamura; le masserie sparse nei campi come castelli rurali. Infine le più recenti scoperte: l’homo arcaicus, uno scheletro fossile unico al mondo per la sua interezza e antichità; e le orme dei dinosauri, migliaia e migliaia di loro passi stampati nel fango e pietrificati dal tempo. Tutto ciò, insieme al passato peuceta e romano di Altamura, è documentato nel Museo Archeologico Nazionale. Dunque Altamura è una città tutta da vedere, ma anche tutta da… mangiare! In uno qualsiasi dei suoi ottimi ristoranti il turista potrà rifocillarsi con le sue tante specialità: i funghi della Murgia, le mozzarelle, le verdure con la pasta, l’agnello, i dolci. Il tutto accompagnato da quel buon pane di Altamura che incantò Orazio circa duemila anni fa.

 

DOVE: Altamura (BA)

Google maps

Altri articoli
Luoghi   Capràrica di Lecce Atmosfere del Salento di un tempo Luoghi   Salento Tra Jonio e Adriatico Luoghi   Intorno a Bari Visioni di piccole, bellissime città Luoghi   Meraviglioso Salento Viaggio nel colore Luoghi   Basilica di Santa Caterina d’Alessandria L’incomparabile tesoro di Galatina Luoghi   Giovinazzo Un castello sul mare Luoghi   Meraviglioso Salento Il mare Luoghi   Tra le rose di Villa Larocca Viaggio nella bellezza a Bari Luoghi   Il Parco delle Cave, a Lecce Luoghi   Martina Franca Piccola capitale del bello Luoghi   Barletta Crocevia di storia e cultura Luoghi   La Grande Bellezza del faro di Leuca Luoghi   Puglia, trionfo di luce e colori Luoghi   Conversano Tra storia… e ciliegie Luoghi   Bianco Puglia Luoghi   Il mare Luoghi   Cavallino Centro di cultura e spettacoli Luoghi   Turi Ricordando quel borgo e quella grotta di Sant’Oronzo… Luoghi   Supersano Ai piedi della Serra, tra ulivi e icone bizantine Luoghi   Carlantino, piccola e preziosa Luoghi   Gallipoli La bella e il mare Luoghi   Puglia d’inverno Luoghi   Taranto Il fascino della storia Luoghi   Peschici, “terrazza meravigliosa” Luoghi   Cavallino I mille volti della storia Luoghi   Lecce, il barocco dell’anima Luoghi   Vieste Dove la natura sfolgorante fa sognare un’estate eterna Luoghi   Castel del Monte I mille enigmi del capolavoro di Federico II Luoghi   Marittima La magia di un luogo dove il tempo si è fermato Luoghi   Isole Tremiti Un abbaglio della natura Luoghi   Ostuni L’incantevole “città bianca” Luoghi   Mattinata Natura, storia e tradizione nel chiarore mediterraneo Luoghi   Molfetta Città marinara Luoghi   Putignano La regina del Carnevale Luoghi   Polignano “Laggiù dove si sente il mare” Luoghi   Massafra Il fascino di quel castello arroccato sulla collina Luoghi   Trani L’incantevole “Atene delle Puglie” Luoghi   Alberobello Atmosfera da fiaba nel paese dei trulli Luoghi   Bari La Parigi del Mediterraneo